Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Bagni pubblici: si può fare (a Torino)

bagni pubblici via Aglie Torino 1Si può fare…

di Maria Spina

bagni pubblici via Aglie Torino 2Non è un caso se, proprio a Torino nel 2015, Stefania Bona e Francesca Scalisi hanno girato il film Gente dei bagni[1]. Le due giovani registe hanno ambientato il loro racconto all’interno dell’impianto di via Bianzé, rivelando come, dietro al corretto funzionamento di un bagno pubblico, possa attecchire senza tante difficoltà una cultura evoluta, mirata all’inclusione dell’altro e all’uguaglianza di fronte al medesimo bisogno. E sorprendentemente anche il sito del Comune di Torino lo conferma. Alla pagina “Sport e Tempo libero”[2], nelle prime righe, identifica il contesto innovativo entro cui questa città ha sviluppato il suo concetto di bagno pubblico oltrepassando i limiti circostanziati dalla mera funzione di Wc: “Esistono persone che non hanno casa, e altre che, pur avendola, non dispongono di una stanza da bagno. Per loro la Città di Torino mette a disposizione cinque Bagni Pubblici. Può essere piacevole per tutti sperimentare anche il bagno turco”. In particolare due di queste strutture comunali – i Bagni Pubblici di via Agliè (in zona nord) e quelli di via Cherasco (in zona sud, poi rinominati Barrito) – hanno affiancato nuove funzionalità alla loro storica destinazione d’uso, diventando vere e proprie “Case del Quartiere”.

Dispiace dover registrare che, in totale controtendenza, il Comune di Roma non solo non abbia voluto ancora trovare una soluzione adeguata ai problemi di “un’umanità che, può piacere o meno, vive le strade della nostra città” e lì fa i suoi bisogni[3] – cercando quindi di programmare un sistema di gratuità per le fasce più deboli ed orari di apertura e chiusura adeguati per chi dimora in strada – ma che ormai da tempo si sia rivolto esclusivamente alla creazione di Wc a pagamento.

Maria Spina

Per osservazioni e precisazioni: laboratoriocarteinregola@gmail.com

25 agosto 2019

Vedi anche:

Scusi dov’è il bagno? Per una nuova cultura dei bagni pubblici a Roma Workshop per una nuova cultura dei bagni pubblici a roma a cura di Arturo Becchetti Fabrizio Felici Luca Trulli testi di Carlo Severati Carla Scura Alberto Giuliani Maria Spina Emma Tagliacollo Giovanni Longobardi  SCARICA Scusidoveilbagno

Il Comitato Mura Latine chiede interventi per la zona della Stazione Termini 14 agosto 2019

Villa ADA: i bagni pubblici -10 maggio 2019

Nuovo Regolamento di Polizia urbana: a proposito di bagni pubblici -3 febbraio 2019

Il Comune inaugura 7 bagni pubblici, e l’ottavo?26 febbraio 2018

Un problema di rimozione sociale: i gabinetti pubblici a Roma -1 gennaio 2018

bagni pubblici via Aglie Torino 3NOTE

[1]  https://www.fctp.it/movie_item.php?id=2348

[2] http://www.comune.torino.it/sportetempolibero/news/bagni-pubblici-comunali.shtml

[3] “Carteinregola” lavora da tempo su questo tema e, da circa un anno, si è affiancato anche il Comitato Mura Latine. Per i contributi più recenti di entrambi, si veda:

http://www.carteinregola.it/index.php/il-comitato-mura-latine-chiede-interventi-per-la-zona-della-stazione-termini/?fbclid=IwAR0fGvMArSAseb_BgSquO9JPBenIPmVBSa5DZsw7RHR33ViDzdLxUFlsjJc

http://muralatine.blogspot.com/2019/04/bagni-pubblici-e-i-senza-fissa-dimora.html

 

Share This Post