Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Movimento Cinque Stelle – cronologia

simbolo movimento 5 stelle(aggiornato al 15 luglio   2017 – work in progress)

> vai a Movimento Cinquestelle – materiali

Per osservazioni e precisazioni: laboratoriocarteinregola@gmail.com

CRONOLOGIA M5S ROMA a cura di Giuliana Roncolini e Anna Maria Bianchi

Le cinque stelle richiamate nel nome rappresentano tematiche relative ad acqua, ambiente, trasporti, sviluppo ed energia

il 26 gennaio 2005 Beppe Grillo è il gestore di un blog aperto (in contemporanea con la prima tappa a Pordenone dell’omonimo spettacolo a pagamento 2005 Beppegrillo.it) insieme al’imprenditore del web Gianroberto Casaleggio

Il 16 luglio 2005 Beppe Grillo lancia dal suo blog l’adozione del  social network Meetup per comunicare e coordinarsi a livello locale. All’interno dei meetup si creano dei gruppi di lavoro tematici su argomenti vari, da Tecnologia e Innovazione a Studio Moneta, ecc. ecc.

Il 14 giugno 2007 Beppe Grillo lancia l’idea del Vaffanculo Day (o V-Day), una giornata di mobilitazione pubblica per la raccolta delle firme necessarie a presentare una legge di iniziativa popolare che mira a introdurre le preferenze nella vigente legge elettorale e impedire la possibilità di candidare in Parlamento i condannati penali o chi avesse già espletato due legislature. Nonostante lo straordinario numero di firme raccolte  (oltre 350.000), la proposta di legge non verrà mai esaminata.

Il 14 luglio 2007 i rappresentanti di alcune liste civiche partecipanti alle elezioni amministrative della primavera precedente si incontrano a Parma per la costituzione di un coordinamento nazionale fra «associazioni, movimenti, organizzazioni, liste civiche che praticano, promuovono, sperimentano la democrazia diretta e partecipativa». Per le elezioni amministrative del 2008 Grillo inaugura le liste “certificate”da se medesimo attraverso il blog (1)

4 ottobre 2009 Beppe Grillo e Casaleggio fondano il  Movimento 5 Stelle (M5S)  a Genova il (2) . In base all’atto costitutivo dell’associazione “Movimento 5 Stelle”, registrato il 18 dicembre 2012 (3),  a Beppe Grillo appartengono la presidenza, la rappresentanza legale, nonché la proprietà del simbolo del partito. Viene lanciato un programma ispirato alla Carta di Firenze: http://www.beppegrillo.it/iniziative/movimentocinquestelle/Programma-Movimento-5-Stelle.pdf. Il Movimento 5 Stelle vede e promuove se stesso come organizzazione né di destra né di sinistra e non si definisce un partito preferendo locuzioni come “libera associazione di cittadini”, “non associazione”o “forza politica”.  Tra il 2010  e il 2012 i Cinquestelle si presentano a varie competizioni amministrative, ottenendo anche l’elezione di qualche Sindaco, come a Parma, dove viene eletto  Federico Pizzarotti. Si registrano anche i primi dissensi interni  sull’effettiva trasparenza della rappresentanza politica nel M5S e sulla democrazia interna.  In occasione del meeting di Rimini Grillo accusa il gruppo  romagnolo di non rispettare i presupposti del movimento, dopo una  polemica  partita dalle dure dichiarazioni di Grillo contro lo ius soli , l’acquisizione della cittadinanza per chi nasce in un Paese  indipendentemente dalla cittadinanza dei genitori. Dal 2012, il movimento è  segnato da una lunga serie di espulsioni: la lista certificata Progetto per Ferrara; la lista certificata Movimento 5 Stelle di Cento (ora Cento in Movimento); Sandra Poppi, consigliera comunale a Modena; Giovanni Favia, consigliere regionale in Emilia-Romagna; Federica Salsi, consigliera comunale a Bologna; Raffaella Pirini, consigliera comunale a Forlì; la lista certificata Destinazione Forlì; Fabrizio Biolè, consigliere regionale in Piemonte; Antonio Venturino, vicepresidente vicario dell’assemblea regionale sicilianaDal 2014 tutte le espulsioni avvengono tramite votazione sul web.

Enrico Stefano in Aula Giulio Cesare inizio aprile 2013

Enrico Stefano in Aula Giulio Cesare inizio aprile 2013 (foto ambm)

Negli ultimi mesi della Giunta Alemanno, a cavallo tra il 2012 e il 2013, un gruppo di attivisti del M5S, tra cui i futuri consiglieri De Vito, Frongia, Stefàno, affiancano (in reciproca autonomia)  il presidio dei comitati cittadini.

Il 24 e 25 febbraio 2013 il M5S si presenta alle elezioni politiche  in tutte le circoscrizioni: come capo della coalizione è indicato Beppe Grillo, sebbene non candidato. L’esito si rivela superiore alle previsioni: alla Camera raggiunge il 25,55% dei voti (in Italia) ed elegge 109 deputati, affermandosi come la seconda lista in ordine di voti. Al Senato, con il 23,79% (in Italia) per un totale di 7,4 milioni di voti, elegge invece 54 senatori. Dopo i risultati delle elezioni 2013, Grillo contesta  l’articolo 67 della Costituzione che “Permette ai parlamentari di fare ciò che vogliono”

Alle elezioni per la Regione Lazio 2013  il M5s candida come Presidente Davide Barillari, che ottiene più di  600.000 voti, e, con  Barillari vengono eletti altri 5 consiglieri Silvia Blasi, Silvana Denicolò, Gaia Pernarella, Gianluca Perilli, Devid Porrello

Al Comune di Roma, elezioni maggio/giugno 2013, il Candidato Sindaco è Marcello De Vito, che raccoglie 130.635 voti (12,82%). Insieme a lui sono eletti Daniele Frongia (1662 preferenze), Virginia Raggi (1525), e Enrico Stefàno (710)(4)consiglieri m5s ac 2013 15

Libro Frongia "E io pago" 2015Nonostante siano il gruppo di opposizione più numeroso, per due volte la capigruppo delle opposizioni assegna la Presidenza della Commissione trasparenza al centrodestra, la prima con un escamopage che è un vero e proprio “colpo gobbo”.

All’opposizione della Giunta Marino, i consiglieri M5S si battono soprattutto per la trasparenza e contro gli sprechi. Al consigliere Daniele Frongia viene assegnata la Presidenza della Commissione Speciale per la Riforma e la Razionalizzazione della spesa dell’amministrazione capitolina“, lo stesso Frongia insieme a Laura Maragnani sarà poi autore del libro “E io pago” per Chiarelettere. Sul fronte trasparenza si ricorda la battaglia per una permanenza minima  obbligatoria dei consiglieri nelle commissioni , con l’approvazione, da parte dell’ Assemblea Capitolina, il 30 gennaio 2015 (è la prima volta che approva una delibera interamente M5S),  di una mozione che subordina l’ottenimento del gettone alla presenza minima di 20′  (inizialmente 30′, ridotta con una correzione a mano) dei consiglieri alle Commissioni capitoline  (l’altra battaglia sarà quella di introdurre la diretta streaming, oltre che per le sedute di Assemblea Capitolina, anche per le Commissioni) (scarica la mozione).

Di seguito alcune iniziative  dei consiglieri M5S dal luglio 2013 all’ottobre 2015 (dalla presentazione di Thaya Passarelli e Maria Rosa Torriglia per Incontri per una Politica trasparente e democratica,  10 dicembre 2015)

  •  METRO C : 2013 Interrogazioni a Sindaco e Giunta su atti amministrativi e processuali; denuncia su accordo per ridefinizioni obblighi contraente; 2014:Esposto all’ANAC. (Le iniziative sono successive a quelle avviate dal consigliere  della Lista civica Marino Riccardo Magi, presidente di Radicali Italiani).
  • RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA censimento impianti sportivi capitolini, ricognizione edifici nelle ville e giardini storici, ricognizione Punti Verde Qualità, opere incompiute nella Capitale. Proposta di recupero mancati incassi del Comune (concessioni etc) per ottenere risorse e offrire servizi .
  • TRASPARENZA Interrogazione urgente e Mozione sul piano triennale per la prevenzione e la corruzione 2015-2017 con osservazioni recepite dal Resp. Trasparenza. -Pubblicazione di tutti i verbali delle riunioni della Comm. Razionalizzazione della spesa con open data accessibili.- 26 Settembre 2013: approvata all’unanimità la mozione che chiede alla Giunta l’adesione al progetto OpenMunicipio, promosso dall’associazione OpenPolis.
  • Modifiche del Regolamento del CC in tema di Commissioni permanenti
Assemblea cittadina del novembre 2014 (foto ambm)

Assemblea cittadina del novembre 2014 (foto ambm)

Dopo lo scoppio delle indagini di Mafia Capitale si moltiplicano le indiscrezioni su un’entrata in Giunta di un esponente M5S: secondo Il fatto Quotidiano i consiglieri M5s a Roma propongono al sindaco Ignazio Marino di collaborare su alcuni temi e  che il Sindaco proponga  loro la vice presidenza del consiglio comunale.   Ma poche ore dopo, il 6 dicembre 2014, Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio,   con una nota firmata anche dal direttorio dei deputati (e dagli stessi portavoce in Campidoglio) ribadiscono la linea dura: “Il primo cittadino faccia un passo indietro per il bene del Paese”.

marcello de vito 30 novembre 2014 assemblea m5s

Il Consigliere De Vito a un’assemblea cittadina il 30 novembre 2014 (foto ambm)

Nel dicembre 2014 i consiglieri  M5S e il comitato dei residenti di Tor di Valle  presentano due esposti  – alla magistratura penale e  a quella contabile –  per il progetto dello Stadio. L’esposto dei consiglieri M5S riguarda un  presunto ” riconoscimento alla proprietà  di una cubatura di circa 300 mila metri cubi calcolata non sulla destinazione effettiva dell’area a verde privato attrezzato, quale era, ma su quella «parco a tema», quale mai è stata, che prevede una densità maggiore e concedendo, quindi, 100 mila metri cubi in più del dovuto». Gli esposti saranno poi archiviati.

 

 

 

ass m5s roma nov 2014 foto ambm

Gruppo ambiente all’assemblea cittadina M5S (foto ambm)

Nell’ottobre 2015 i consiglieri capitolini M5S (come  Fratelli d’Italia e altri consiglieri di opposizione) si rivolgono  alla  Corte dei Conti  per far luce sulle spese di rappresentanza del  Sindaco Marino, tra cui  sospettano ci siano anche spese private  pagate con  fondi pubblici: scoppia  il “caso scontrini”, che  porterà alle dimissioni di Marino, e  sarà il  motivo scatenante di una crisi in Campidoglio che vedrà i consiglieri del PD dimettersi in massa per far cadere la Giunta (Marino sarà poi assolto nel’ottobre 2013 > leggi le motivazioni del tribunale)

Intanto  nei quartieri di Roma sono attivi molti gruppi di militanti e vari tavoli, tra cui quello dell’urbanisticae dell’ambiente. Periodicamente gli attivisti organizzano manifestazioni e tavoli aperti ai cittadini nelle piazza cittadine (nella foto un’iniziativa di dicembre 2015)

iniziativa M5S dicembre 2015 foto ambm  IMG_4893

Foto ambm

8 novembre 2015 A Milano Patrizia Bedori, 52 anni,  già consigliera municipale, viene scelta in un’assemblea pubblica come  candidata del Movimento 5 stelle per correre come Sindaco alle amministrative milanesi.  Si ritirerà “per sfuggire alla pressione mediatica” dopo aver ricevuto una serie di insulti sul web. A Torino invece la candidata sindaco  Chiara Appendino,  31 anni, consigliera comunale che  sta per diventare mamma, viene  scelta con la consultazione on line.

Dal 24 novembre  al 4 dicembre 2015 anche  il movimento  Cinque Stelle di Roma raccoglie  le candidature per  le elezioni comunali previste a giugno 2016, con lo svolgimento delle “Comunarie” . (Vai al post i Cinquestelle scelgono i candidati) Vengono selezionati 48 candidati consiglieri comunali (alcuni esclusi in seguito faranno ricorso). I primi 6 partecipano  a un secondo turno di votazioni on line per decidere il candidato Sindaco : Annalisa Bernabei, Marcello De Vito, Paolo Ferrara, Virginia Raggi, Enrico Stefàno e Teresa Zotta. Alle votazioni partecipano  3.272 iscritti certificati del MoVimento 5 Stelle residenti a Roma su più di 9mila. Un iscritto  su tre, come era già accaduto  per la scelta del programma. In tutto le preferenze sono 14.636 (tra i dieci più votati ci sono anche Alessandra Agnello, Cettina Caruso, Angelo Diario e Daniele Frongia (altro ex consigliere comunale  che però hanno rifiutato di presentarsi per la poltrona di primo cittadino). Il 23 febbraio viene scelta come candidata Virginia Raggi con  1.764 voti, pari al 45,5% delle preferenze.

La campagna elettorale sarà assai aggressiva, soprattutto tra  M5S/PD

LA CAMPAGNA ELETTORALE M5S 2016

testata sito raggi 14 maggio 2016

raggi coraggio vert hd> VAI  a Candidata Sindaca Virginia Raggi

(> Vai al test trasparenza sui candidati di Anna Maria Bianchi)

> Vai a Liste elettorali  M5S Movimento Cinque Stelle

(> Vai a Candidature e finanziamenti elettorali: forze politiche a confronto  di Paolo Gelsomini)

IL PROGRAMMA DI VIRGINIA RAGGI http://www.movimento5stelle.it/virginiaraggisindaco/programma.html (> VAI A Programmi per la mobilità, l’urbanistica l’ambiente a confronto  di Maurizio Geusa)

24 febbraio 2016 La Raggi viene accusata di avere omesso nel suo curriculum on line il lavoro come avvocato  presso lo studio Sammarco, collegato allo studio Previti. In realtà la circostanza era già stata pubblicata  nel suo curriculum del 2013, quando fu eletta consigliere in Campidoglio. Il Fatto quotidiano tuttavia dedica un articolo di Marco Lillo molto critico verso la candidata Sindaco

Nel febbraio 2016 viene reso pubblico il CODICE DI COMPORTAMENTO PER I CANDIDATI ED ELETTI DEL MOVIMENTO 5 STELLE ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE DI ROMA 2016, su cui si svolge un acceso dibattito sopratutto a causa di una clausola che prevede che “Ciascun candidato si dichiara consapevole che la violazione di detti principi comporta l’impegno etico alle dimissioni dell’eletto dalla carica ricoperta e/o il ritiro dell’uso del simbolo e l’espulsione dal M5S e che pertanto a seguito di una eventuale violazione di quanto contenuto nel presente Codice, il M5S subirà un grave danno alla propria immagine che in relazione all’importanza della competizione elettorale, si quantifica in almeno Euro 150.000” e che  “… si impegna pertanto al versamento del predetto importo, non appena gli sia notificata formale contestazione a cura dello staff coordinato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio…”

raggi tweet skynews2422 marzo 2016 Tam tam  mediatico per Virginia Raggi, candidata M5S: l’Economist le dedica un articolo (in verità piuttosto critico verso il Movimento), entra nei salotti TV, da Porta a porta  a Virus, mentre l‘Espresso le dedica la copertina.

25 marzo 2016 In un’intervista TV Virginia Raggi dichiara l’intenzione, se fosse eletta, di cambiare il management (o piuttosto il consiglio di amministrazione) di Acea:  si scatenano   polemiche  da parte di  un fronte bipartisan – con in prima fila  l’antagonista PD Roberto Giachetti – dopo l’allarme  lanciato dal quotidiano Il Messaggero  dell’editore/costruttore/finanziere Francesco Gaetano Caltagirone, che è anche il  primo azionista privato di Acea, con il 15,8% delle quote. Accusano  la Raggi di aver provocato  irresponsabilmente  il crollo in borsa del titolo, facendo  perdere ai romani 142 milioni. Ma tra le parole della Raggi e l’andamento del titolo Acea non c’è  alcun nesso.

12 aprile 2016 Grave lutto nel Movimento Cinque Stelle Muore  Gian Roberto Casaleggio, cofondatore del Movimento insieme a Beppe Grillo, dopo,  si scopre, una lunga malattia.

12 aprile 2016  Il tribunale di Roma accoglie il ricorso di tre espulsi dal Movimento Cinque Stelle, estromessi dalle Comunarie della Capitale. Il giudice sospende l’espulsione, ma non si  pronuncia  sull’annullamento delle consultazioni online che hanno visto la vittoria di Virginia Raggi. In seguito alcuni esclusi saranno reintegrati nelle liste  (> vai alla pagina)

Al referendum  il M5S si schiera per il sì alla riduzione dell Trivelle (17 aprile la consultazione)

17 aprile  2016 Il giornale L’Unità pubblica sul sito lo spot elettorale azzurro del 2008 con la canzone «Meno male che Silvio c’è» in cui si vede  una ragazza molto somigliante alla candidata M5S, ponendo il quesito se si trattasse della Raggi. La Raggi smentisce, ma il direttore Erasmo De Angelis non ritiene necessario scusarsi    http://www.ilpost.it/2016/04/17/unita-virginia-raggi/

22 aprile 2016 LE LISTE DI M5S PER IL CAMPIDOGLIO Pubblicate le liste dei candidati M5S: nomi già noti che avevano corso per le comunarie per individuare il candidato Sindaco nel novembre 2015, in cui dopo i ricorsi ai tribunali amministrativi, sono stati reintegrati alcuni candidati esclusi (> vai alla pagina)

26 aprile 2016 sui giornali si sparge la notizia di un’altra esprienza lavorativa che vede la Raggi  presidente per un anno dell’ Hgr, una società di cui era azionista  l’assistente di Panzironi, il braccio destro di Alemanno finito nei guai per Parentopoli e per Mafia Capitale. “Un ruolo tecnico  – precisa la Raggi – Gloria Rojo era presente in studio e la conoscevo come tale. Ho scoperto che lei ha avuto incarichi da Panzironi quando voi ve ne siete occupati, quindi molto più tardi, nel 2012-2013”. 

12 maggio 2016 Federico Pizzarotti, Sindaco di Parma, indagato per abuso d’ufficio (atto dovuto della Procura, in seguito alla denuncia di un oppositore politico), viene sospeso dal Movimento 5 Stelle, che gli contesta la mancanza di trasparenza. «Non si attendono le sentenze per dare un giudizio politico» si legge sul blog di Beppe Grillo. La replica: «La documentazione chiesta in una mail anonima». Si scatena un dibattito sulla democrazia interna del Movimento..

A proposito del caso Pizzarotti, da quanto riportato dai quotidiani la Raggi auspicava, in caso che a un sindaco arrivasse un avviso di garanzia,  una valutazione “caso per caso”,  con giuste dimissioni in caso di  comportamento contrario  ai principi del Movimento, ma facendo attenzione  “che gli avvisi di garanzia non vengano utilizzati come manganelli.

Nell’intervista a Alessandro Giglioli pubblicata il 18 maggio sull’Espresso, Raggi parla del suo rapporto con lo staff e della sua sottoscrizione al  regolamento che prevede al punto 2 che : “Le proposte di atti di alta amministrazione verranno preventivamente sottoposte a parere tecnico-legale a cura dello staff coordinato dai garanti del Movimento 5 Stelle” e  al punto 7  che “le proposte di nomina dei collaboratori delle strutture di diretta collaborazione o dei collaboratori dovranno essere preventivamente approvate a cura dello staff coordinato dai garanti del Movimento 5 StelleNell’intervista Virginia Raggi risponde anche a domande sulle sue eventuali dimissioni, se le venissero richeiste dal Beppe Grillo: (domanda Gilioli) “Al punto 9 il codice dice che il candidato «assume l’impegno di dimettersi laddove venga iscritto nel registro degli indagati e la maggioranza degli iscritti al M5S mediante consultazione in rete ovvero i garanti del Movimento decidano per tale soluzione». In altri termini, se lei si ritrova indagata i garanti del Movimento possono decidere di farla dimettere. Non ritiene che questo dia un potere eccessivo a qualcuno che i romani non hanno votato?” (riposta Raggi)«Secondo me no. E ormai dei due garanti purtroppo è rimasto uno solo, visto che Casaleggio è morto, quindi c’è solo Beppe. Vede, il garante è una figura che ci aiuta a rispettare i nostri principi. Quindi io ritengo che nel momento in cui una persona si discosta da questi principi, se è onesta deve fare un passo indietro; se invece nonostante le violazioni continua a fare le cose in nome del Movimento, è giusto che ci sia qualcuno che a un certo punto dica basta». (Gilioli) Quindi se lei fosse eventualmente indagata e Beppe Grillo le chiedesse di dimettersi, lei lo farebbe?” (Raggi)«Questo c’è scritto, sì».(> vai all’articolo di Giglioli).

24 maggio LE AFFERMAZIONI DELLA RAGGI SULLO STAFF SCATENANO  POLEMICHE “Il codice etico del MoVimento 5 Stelle sottoscritto dai candidati a Roma prevede che in caso di elezione a sindaco mi debba coordinare con la Giunta e, per le questioni giuridicamente complesse, con il supporto di uno staff coordinato dai garanti del Movimento. I membri di questo ”staff”, di cui tutti finora hanno parlato a sproposito, sono i parlamentari, gli europarlamentari e i consiglieri in Regione Lazio con cui da sempre ci coordiniamo: Roberta Lombardi, portavoce alla Camera; Paola Taverna, portavoce al Senato; Fabio Massimo Castaldo, portavoce al parlamento europeo; Gianluca Perilli Portavoce M5S Consiglio Regionale del Lazio”scrive Virginia Raggi, sulla sua pagine facebook. “Roma ha bisogno di tutti i livelli istituzionali per essere governata al meglio – aggiunge Raggi -. Questo staff, unico nel suo genere, sarà un’altra risorsa del Movimento 5 Stelle che farà la differenza e ci metterà nelle condizioni di superare le difficoltà gestionali e burocratiche a cui la mala politica ci ha sottoposto per decenni.” Le parole di Virginia Raggi, però, scatenano  una serie di reazioni, soprattutto del PD, che ipotizza che  se la Raggi dovesse vincere non avrebbe alcuna autonomia. Una subalternità stabilita per contratto.  Un aspetto che aveva suscitato molte preplessità anche in Carteinregola, soprattutto a proposito della  clausola che prevede che in caso di violazione si possa arrivare all’espulsione e al pagamento di una penale “non appena gli sia notificata formale contestazione a cura dello staff coordinato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio…” (Scarica il regolamento M5S codice_comportamento_M5SRoma) (vedi M5S quale democrazia)

La Raggi non si presenta all’iniziativa “19 idee e 100 domande per il futuro Sindaco” (come neppure Giorgia Meloni e Storace) organizzata d Koinè, mentre  la Meloni fa pervenire le sue risposte scritte.  Raggi partecipa invece all’ incontro del 3 maggio CHIEDIAMOLO AI CANDIDATI organizzati dai blogger di “Roma Pulita!”, “Diarioromano” e “Romafaschifo” con gli aspiranti sindaci della Capitale Fassina e Giachetti,  (non intervenuti gli invitati Marchini, Meloni, Storace)

Dal sito di Sai chi voti

Dal sito di Sai chi voti

SAICHIVOTI: all’iniziativa nazionale per sindaci trasparenti promossa da Riparte il futuro e altre associazioni, tra cui Carteinregola, la  Raggi  aderisce, mentre non risponde alla proposta della CARTA DEL CANDIDATO TRASPARENTE promossa daCarteinregola, Open Polis e Cittadinanzattiva Lazio. Aderiranno invece numerosi candidati comunalie  municipali M5S tra cui Marcelllo De Vito, Enrico Stefàno e Andrea Coia.

Nessuna risposta dalla Raggi nè dal suo staff nè alle proposte di Carteinregola e altre associazioni “Quello che vogliamo“(scarica  il dossier ) e neanche alle “Patate bollenti” criticità sulle quali  Carteinregola chiede ai candidati Sindaco (o agli assessori in pectore) di prendere posizione (rispondono appartenenti alla lista Giachetti e Fassina) tra  i punti lo Stadio della Roma, le Olimpiadi e varie altre problematiche urbanistiche (scarica Patate bollenti – dossier di Carteinregola e altri comitati del maggio 2016)

Il 5 giugno 2016 si svolgono le elezioni per il Sindaco, l’Assemblea capitolina e i Consigli municipali. Al ballottaggio del 19 giugno,  si sfidano Virginia Raggi (Movimento 5 Stelle) e Roberto Giachetti (Partito Democratico + 6 liste civiche). > vai alla pagina con tutti i numeri > Vai agli scenari post ballottaggio e alcune considerazioni dopo il voto > Vai alla pagina sui ballottaggi nei Municipi

raggi da twitter vota si In attesa dell’annuncio ufficiale dei nomi della sua possibile Giunta,  che la candidata ha assicurato sarebbe stato dato prima del ballottaggio,  l’8 giugno appaiono indiscrezioni sul quotidiano La Stampa e altri sulla composizione: l’urbanista Paolo Berdini (> Vai al suo blog su Il fatto quotidiano) (all’urbanistica), lo storico dell’arte Tomaso Montanari (> vai al suo blog su repubblica Articolo 9) (alla cultura), l’esperto di  sistemi di smaltimento del rifiuti Raphael Rossi (Vai al suo blog su Il fatto quotidiano) (all’ambiente). Intanto il 31 maggio la Raggi aveva annunciato una  riorganizzazione degli assessorati nove ,  più uno pro tempore”: 1) Bilancio, risorse economiche e patrimonio’ con l’unione di due settore, il bilancio e il patrimonio, che per la giunta pentastellata significherà rilanciare il censimento patrimoniale di Roma 2) Diritti alla persona, alla scuola e alle comunità solidali’ per “rilanciare un’attività estremamente importante, di cura alla persone e di sostegno alle situazioni più difficili”.3) Sostenibilità ambientale’ in cui saranno incluse tutte le “deleghe in materia di verde pubblico, aree verdi e aree gioco, ma soprattutto la gestione del ciclo dei rifiuti. 4)Trasporto pubblico e ciclabilità diventano ‘Città in movimento con un “focus specifico sulla conciliazione dei tempi di vita, di svago e di lavoro dei cittadini”.  5) assessorato alla ‘Crescita culturale’. con un ” vero e proprio ‘board Cultura’ all’interno del quale troveranno spazio le principale personalità che svolgono attività nel campo della danza, della musica, dell’arte e dello spettacolo” 6). ‘Sviluppo economico, al turismo e al lavoro‘ che comprenderà anche le piccole e medie imprese da rilanciare. 7) ‘Qualità della vita, all’accessibilità, allo sport e alle politiche giovanili’ e 8) Assessorato  all’Urbanistica e lavori pubblici‘. accorpamento che nasce dall’esigenza di unificare non solo le competenze, ma anche la visione”. Parole d’ordine: “Recupero energetico degli edifici e mess ain sicurezza”.9) ‘Assessorato alla Roma semplice’. Perché “vogliamo una Roma che sia smart, digitalizzata e informatizzata”. Un “assessorato a tempo” alla ‘Riorganizzazione delle partecipate’ e si occuperà di riorganizzare le 80 società partecipate dal comune di Roma

LA GIUNTA DELLA RAGGI  La candidata sindaco ha annunciato parte della squadra di governo dal palco di Ostia, durante il comizio di chiusura della campagna elettorale: confermato il nome dell’urbanista Paolo Berdini, che circolava da un pezzo, a cui si aggiungono solo altri 3 nomi: alla Sostenibilità  Paola Muraro, laureata in Scienze agrarie (ha difeso Ama nel famoso arbitrato con Colari)  , alla Qualità della vita, all’accessibilità, allo sport e alle politiche giovanili, un campione internazionale di rugby, Andrea Lo Cicero, alla Crescita culturale il segretario generale del Cae, il Culture Action Europe, Luca Bergamo (la Culture Action Europe è la più estesa e rappresentativa organizzazione non governativa del settore culturale europeo e primo interlocutore di Parlamento, Commissione e Consiglio Europeo quando si tratta di cultura e industrie creative) (vedi nostro post  Un assessore Cinquestelle favorevole agli inceneritori?)

IL CASO  RAGGI Venerdì 17 su Il fatto quotidiano, a firma Marco Lillo,un articolo  riferisce  che la candidata Sindaco  M5S ha  ricevuto   “due incarichi legali di recupero crediti per complessivi 13mila euro per i quali ha incassato finora un acconto di 1.878 euro”  affidati dall’Asl Roma F di Civitavecchia , “il primo da 8mila è del luglio 2012; il secondo da 5mila del luglio 2014, quando Raggi era già consigliera M5S” . Gli incarichi sono stati pubblicati sul sito del Comune solo nel 2015, e non nel 2013 e 2014, come  prescriverebbe l’art. 14 (punto D) della legge 33/2013, secondo la quale il Comune (come gli altri enti) deve pubblicare “ i dati relativi all’assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, ed i relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti”dei titolari di incarichi politici.  Scoppiano le polemiche, tra accuse di mancata trasparenza e ventilati reati,  repliche e controaccuse,  e veleni a fiumi su ogni media possibile e immaginabile. Un finale di campagna elettorale davvero poco dignitoso (Vedi il nostro post  Caso Raggi: facciamo chiarezza sulla vicenda (e sugli attacchi)

Successo straordinario del Movimento Cinque Stelle a Roma, sia in Comune, dove Virginia Raggi raggiunge   770.564 voti (67,15%), prevalendo su Roberto Giachetti (PD) che si ferma a  376.935 (32,85%), che nei Municipi  dove sono  eletti 12 Presidenti M5S (solo nel I Municipio è confermata Sabrina Alfonsi e nel II è eletta la candidata PD Francesca Del Bello). Su 14 Presidenti, 7 sono donne. In calce tutti gli eletti* Alle urne si sono recati  1.185.280 elettori su 2.363.444 aventi diritto (50,20%).

Il 23 giugno  2016 Viginia Raggi riceve  il passaggio delle consegne dal commissario Tronca. In Aula Giulio Cesare arrivano 29 consiglieri M5S (scarica le biografie dalle presentazioni elettorali  BIOGRAFIE M5S CONS CAPITOLINI) (vai agli Obblighi di pubblicazione relativi agli amministratori dal sito del Comune di Roma **)

Consiglieri M5S 2016

Consiglieri M5S 2016

Il 30 giugno 2016  si diffondono  voci di una nomina di Raffaele Marra, ex funzionario nominato da Alemanno,  poi  passato alla Regione della  Polverini  e rientrato in Campidoglio per un peeiodo con Marino,  a vice capo di gabinetto vicario. Si scatenano polemiche, interne ed esterne al movimento.> vedi l’articolo del fatto Quotidiano Roma, nomina dell’alemanniano Marra a vicecapo di gabinetto? La sindaca Raggi non risponde Alla fine (3 luglio) la nomina viene congelata. In un’intervista Marra si definisce “lo spermatozoo che ha fecondato l’ovulo del Movimento” dicendo “Sono uno di loro. La deputata Lombardi replicherà a metà settembre che “Marra è il virus che ha infettato il M5S”   . Fa discutere anche  la possibile nomina di Daniele Frongia a capo gabinetto, che andrebbe contro la  Legge Severino.

Il 1 luglio 2016 Marco Lillo su il Fatto Quotidiano racconta che Marcello De Vito  sarebbe  stato vittima tra dicembre e gennaio 2015-2016  di una campagna orchestrata dai tre ex consiglieri M5S, per “farlo fuori” dalla competizione per la candidatura a Sindaco.  Una vicenda scrive il Fatto “non confermata dai diretti interessati”, che nel febbraio 2017 tornerà in ballo nel corso delle indagini per il caso Marra.

Dal sito del Comune di Roma7 luglio 2016 prima seduta dell’ Assemblea Capitolina,presentata la  GIUNTA RAGGI: vicesindaco e delega a sport e giovani Daniele Frongia, assessore ai trasporti Linda Meleo, Assessore allo sviluppo economico e al commercio Adriano Meloni, assessore al bilancio con delega alle partecipate Marcello Minenna, assessore all’ambiente Paola Muraro, assessore all’urbanistica e alle infrastrutture Paolo Berdini, assessore alla Roma semplice Flavia Marzano, assessore ai diritti alla persona, alla scuola e alle comunità solidali Laura Baldassarre, assessore alla crescita culturale luca Bergamo. Marcello De Vito Presidente dell’Assemblea Capitolina> vai alla pagina con i link alle biografie dal sito del Comune
18 luglio 2016 effettuate le votazioni degli uffici di presidenza delle Commissioni permanenti e della Commissione delle elette. > vai a  Presidenti e i consiglieri con indicazione dei partiti di appartenenza: Le commissioni capitoline 2016

22 luglio Carla Raineri  nuovo Capo di gabinetto di Roma Capitale. A darne l’annuncio in un post su Facebook, è la stessa prima cittadina: “E’ un piacere annunciare che il ruolo di capo di gabinetto nella mia amministrazione sarà ricoperto dal magistrato Carla Romana Raineri, che ringrazio e alla quale invio un augurio di buon lavoro”, scrive Virginia Raggi, aggiungendo che “il cambiamento passa per i cittadini e attraverso le istituzioni, con le istituzioni che si impegnano per il cambiamento”.

LE LINEE PROGRAMMATICHE DELLA GIUNTA RAGGI

Il 21  luglio approvate dalla Giunta le linee programmatiche della Sindaca Virginia Raggi  (dal sito del Comune di Roma)  (> vai alla pagina)SCARICA Linee_programmatiche_080713_Final

I primi mesi della neo Sindaca Raggi sono monopolizzati da due temi su cui si attendono le decisioni della Giunta (che non erano stati esplicitamente affrontati nei programmi elettorali): le Olimpiadi Roma 2024 e l’operazione Stadio della Roma Tor di Valle. Per le prime, dopo una lunga indecisione, la Sindaca e la sua maggioranza scelgono di fermare la macchina, rinunciando alla candidatura (> Vai Olimpiadi Roma2024 cronologia materiali). Per il progetto dello  stadio, invece, si sceglie un percorso assai altalenante e contraddittorio, con  incontri con i proponenti Pallotta e Parnasi per modificare il progetto di Marino/Caudo, in  contemporanea con   la trasmissione dei documenti in Regione Lazio e l’avvio della Conferenza dei servizi decisoria sul progetto Marino/Caudo,  con un tourbillon di dichiarazioni del leader del movimento Grillo a favore e contro l’operazione a Tor di Valle, fino al comunicato del 24 febbraio 2017 che annuncia un nuovo progetto concordato con il proponente, in cui sono state dimezzate le cubature non al servizio dello stadio e non sono più presenti le 3  Torri di Libeskind (ma ci sono sempre delle “palazzine” seppure con cubature inferiori) , a fronte di una proporzionale riduzione delle opere pubbliche previste finanziate dalle cubature  (Vai a Nuovo Stadio della Roma  cronologia materiali)

L’assemblea dell’Azionista AMA , riunitasi il 4 agosto 2016, preso atto dell’ordinanza della Sindaca di Roma Capitale, ha nominato Alessandro Solidoro nuovo amministratore unico di Ama S.p.A. (> leggi il profilo sul sito del Comune)

7 agosto si scatena una martellante campagna stampa contro l’assessora all’ambiente Paola Muraro (Vedi nostro post Caso Muraro, facciamo chiarezza e valutiamo i fatti). Nelle settimane successive si verrà poi a sapere che la Muraro  e la Sindaca sono a conoscenza della condizione di indagata della Assessora e che non l’hanno resa pubblica

1 settembre 2016  Si dimettono  il giudice Carla Romana Raineri da capo di gabinetto del Comune di Roma e  Marcello Minenna, assessore al bilancio e alle partecipate della Giunta capitolina. Si dimettono inoltre   il   dg Atac Marco Rettighieri e l’amministratore unico Armando Brandolese. E anche il neo presidente di Ama Alessandro Solidoro. In una nota l’amministratore di Ama, nominato solo da qualche settimana, ha comunicato che – dopo l’addio dell’assessore al Bilancio  Marcello Minenna – “ha ritenuto venute meno le condizioni per l’incarico affidatogli”(le dimissioni avranno lunghi srascichi di polemiche)

4 settembre 2016 Sui quotidiani viene diffusa la notizia che l’assessore all’ambiente Muraro risulterebbe indagata per concorso in abuso d’ufficio e reati ambientali. L’assessore afferma di non aver ricevuto nessuna comunicazione  e rimanda alla sua audizione alla Commissione parlamentare di inchiesta sul ciclo dei rifiuti e gli illeciti ambientali, prevista il 5 settembre, dove secondo Il fatto quotidiano andrà “senza avvocato anche se il regolamento della commissione Ecomafie, avendo un ruolo inquirente, consente a chi è sottoposto alle indagini di farsi da un legale. L’assessore chiederà invece alla Commissione di secretare una parte della sua audizione: ha già preparato una relazione con tanto di atti allegati, anche per smentire una serie di accuse mossegli da Fortini“.

5 settembre 2016 l’Assessora Paola Muraro e la Sindaca Virginia Raggi sono  ascoltate  alla Commissione di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati. La Muraro dichiara di essere indagata da aprile, di esserne a conoscenza dal 18 luglio e  di averlo comunicato alla Sindaca Raggi il giorno dopo. Scoppiano le polemiche per la mancanza di trasparenza della Sindaca e dell’Assessora, che avevano negato di essere a conoscenza di procedimenti in corso a carico della Muraro > vai alla pagina con il video dell’audizione

Dopo le discussioni interne ed esterne al Movimento, si dimette il cosiddetto “direttorio” formato da parlamentari e consiglieri regionali del M5S

7 settembre 2016  Raffaele Marra viene nominato Capo del personale (nomina  confermata il 31 ottobre ):  il Comune di Roma ha 23mila dipendenti.

8 settembre  Tramonta la nomina dell’ex giudice della Corte dei conti   De Dominicis al Bilancio, annunciata il  4 settembre per sostituire il dimissionario Marcello Minenna. De Dominicis era finito subito al centro delle polemiche perché aveva detto di essere stato contattato dall’avvocato Pieremilio Sammarco, ex collaboratore dello studio Previti e titolare dello studio dove ha lavorato Raggi fino a prima dell’investitura

15 settembre 2016 La deputata ed ex membro del mini direttorio romano Lombardi attacca la sindaca della Capitale.: “Marra è il virus che ha infettato il M5s. Raggi pubblichi pareri Anac sulle nomine” Sotto accusa l’ex vicecapo di Gabinetto che dovrebbe essere a breve spostato ad altro incarico dirigenziale: “Sta a noi dimostrare di avere gli anticorpi (vedi F. Q. | 15 settembre 2016. Cinquequotidiano 15 settembre:  Marra da fecondo spermatozoo a tossina dei 5stelle)

22 settembre 2016 con  una conferenza stampa in Campidoglio, la Sindaca Raggi  annuncia  il NO alla candidatura olimpica, che sarà poi ufficializzato con una mozione votata in Aula .  (VIDEO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA DEL 22 SETTEMBRE SULLA PAGINA FACEBOOK ROMA- COMUNE

24 settembre Festa M5S a Palermo a cui partecipa anche Virginia Raggi

26 settembre 2016 – 26 ottobre 2016  Il M5S vota un nuovo regolamento e un nuovo “non statuto”.  Ruolo ufficiale per Beppe Grillo  e  novità su espulsioni, sospensioni e richiami. Vedi la sintesi delle  modifiche dopo le votazione on line su Formiche.net. Scarica il nuovo Non Statuto -Movimento-5-Stelle 26-9-2016 ( Vai al nuovo Regolamento)

29 settembre 2016 in Aula Giulio Cesare   l’Assemblea vota  la delibera che annulla la candidatura di Roma alle Olimpiadi. Anche a fronte di una approfondita analisi che ha preso in considerazione il mutato contesto economico e socio-politico, si ritiene che non sussistano più le condizioni per proseguire nell’iter di presentazione della candidatura della città di Roma ai Giochi olimpici e paralimpici del 2024” è  quanto si legge nella mozione firmata dai consiglieri capitolini  Angelo Diario, Paolo Ferrara e Cristina Grancio. Favorevoli i consiglieri della maggioranza M5S e il consigliere SI Stefano Fassina.  Contrari gli altri consiglieri delle opposizioni, che presentano una mozione a favore della candidatura, che viene bocciata.  Polemiche per il mancato invito al Comitato promotore a intervenire in Aula.

30 settembre 2016 I giornali annunciano che l’assessore Muraro è indagata anche per abuso di ufficio con l’ex dg di Ama Giovanni Fiscon

30 settembre 2016 La Sindaca Raggi nomina  due assessori che prendono le deleghe prima assegnate a Marcello Minenna, dimessosi il primo settembre. Si tratta di Andrea Mazzillo, a cui va  la delega al Bilancio e a Massimo Colomban che prende quella alle Partecipate. Quanto alla delega al Patrimonio, che si dice attribuita insieme al Bilancio, sul sito del Comune non è specificata. Andrea Manzillo, ex PD,   è commercialista e dipendente in aspettativa di Equitalia, nonchè  capo-staff della Sindaca; Massimo Colomban,  fondatore, e presidente dal 1973 al 2002, del gruppo Permasteelisa.com (già ISA, Industria Serramenti in Alluminio), già candidato per Alleanza di centro di Francesco Pionati a sostegno di Luca Zaia e della Lega Nord. (> Vai al sito del Comune con le biografie)

giunta-raggi-2016-10-14-alle-01-20-17

La seconda Giunta Raggi

Il 2 novembre 2016 esce un’inchiesta de L’Espresso di Emiliano Fittipaldi : “Raffaele Marra, il sindaco ombra di Roma” Il dirigente, arrestato per corruzione, è il Rasputin della giunta capitolina, più potente di qualsiasi assessore. Per questo in Campidoglio tutti lo definiscono senza alcuna ironia «il vero sindaco di Roma» al posto di Virginia Raggi. Ecco chi è, i contratti sospetti che ha firmato per il Comune e i suoi affari immobiliari http://espresso.repubblica.it/inchieste/2016/11/02/news/raffaele-marra-il-sindaco-ombra-di-roma-1.287050

3 novembre 2016 Il fratello di Marra, Renato, ex comandante del Gssu della polizia municipale viene nominato alla neonata direzione del Turismo. (vedi:  Repubblica Campidoglio, l’ira dei consiglieri M5s: “Nominare il fratello? Marra non poteva” Il codice di comportamento dei dipendenti pubblici del 2013 vieta di decidere sui parenti. Ipotesi ricorso e abuso di ufficio di LORENZO D’ALBERGO

3 novembre 2016  L’Assemblea capitolina  approva una mozione,  firmata dai consiglieri Enrico Stefàno, Pietro Calabrese, Alisia Mariani, e Giuliano Pacetti, che impegna la sindaca Virginia Raggi e la Giunta “a rifiutare qualsiasi proposta di commissariamento e/o di cessione della società Atac S.p.A.”  si chiede anche che siano “avviate tutte le procedure necessarie per recuperare il credito dell’azienda nei confronti della Regione Lazio”.

14 novembre 2016  Carteinregola pubblica un dossier sulla trasparenza del campidoglio targato Cinquestelle “Campidoglio: ma la trasparenza è ancora lontana”
15 novembre 2016  Campidoglio, Cardilli nominato delegato alla Sicurezza e alla Protezione Civile. Laureato in Giurisprudenza; dal 1996 al 2001 è stato Vice Questore Aggiunto presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza – Servizio Polizia Postale delle Comunicazioni del Ministero dell’Interno-Polizia di Stato(> LEGGI TUTTO)
17 novembre 2016 Bilancio di Previsione, la Giunta adotta lo schema 2017-2019 La giunta capitolina  adotta lo schema di bilancio 2017-2019 presentato dall’assessore al Bilancio e al Patrimonio Andrea Mazzillo. Il documento è corredato dalle delibere propedeutiche, dallo Stato di attuazione dei programmi e dal Dup (Documento unico di programmazione), tutti approvati durante la riunione che si è svolta martedì 15. Viene così rispettato il termine di legge che fissa al 15 novembre l’adozione in giunta del bilancio di previsione triennale e si avvia l’iter che dovrà condurre, entro le scadenze previste dalla normativa, all’approvazione in Assemblea Capitolina. (> leggi tutto) Vedi anche ANSA Roma: più fondi a tpl, municipi, sociale 481 mln investimenti, 215 mln debiti fuori bilancio
4 dicembre 2016 Referendum costituzionale : il M5S fa parte del fronte del NO  che vince con un consistente distacco. Il Presidente del Consiglio renzi si dimette e viene varato il Governo-fotocopia Gentiloni. Per andare a nuove elezioni però è necessaria una nuova legge elettorale.
 7 dicembre  2016 Rimbalzano sui giornali voci di dimissioni per l’Assessore all’Urbanistica Paolo Berdini. I motivi sarebbero da ricercare nella sua ferma opposizione al progetto delle Tre torri direzionali e commerciali che verrebbero costruite accanto al Nuovo stadio della Roma. Ma le critiche  provengono anche dal tavolo dell’urbanistica M5S che accusa il neoassessore di non condividere scelte e percorsi. Vedi: il manifesto, 7 dicembre  2016 La sindaca sedotta da Pallotta. A Berdini: o lo stadio o la porta di Eleonora Martini   «Campidoglio a 5 Stelle. Raggi avverte il suo assessore all’Urbanistica, contrario al progetto della As Roma. Con un falso scoop delle agenzie di stampa, la prima cittadina pone l’aut aut all’urbanista». Roma Today Urbanistica, la ‘base’ M5S in fibrillazione: “Il programma è stato chiuso in un cassetto”Parla l’architetto Sanvitto del tavolo di coordinamento dell’Urbanistica: “I primi mesi di amministrazione sono passati ma i primi punti del programma ancora non sono stati affrontati” di Ylenia Sina
13 dicembre 2016 L’Assessore  Muraro si dimette dopo aver ricevuto un avviso di garanzia per presunte violazioni del Testo unico ambientale. L’indagine è quella nota fin dal mese di settembre e di cui Muraro era informata da luglio, e riguardano la violazione dell’articolo 256 del Testo unico sull’ambiente, una contravvenzione che punisce l’attività di gestione di rifiuti non autorizzata. I fatti contestati risalgono a una parte del periodo (12 anni) in cui la Muraro lavorava come consulente dell’Ama, l’azienda di rifiuti di Roma. La Muraro fa sapere in una nota che è contestualmente sono stata informata che sarà ascoltata dalla Procura il prossimo 21 dicembre. Dichiarandosi “tranquilla e convinta di riuscire a dimostrare la mia totale estraneità ai fatti” e che “per senso di responsabilità istituzionale e per rispetto verso questa amministrazione, ha deciso di dimettermi in attesa di chiarire la mia posizione.(vedi Il Fatto quotidiano http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/12/13/roma-assessora-muraro-riceve-avviso-di-garanzia-e-nella-notte-si-dimette-ma-sono-estranea-ai-fatti/3255211/

16 dicembre 2016: Marra è arrestato per corruzione (Vedi  Il fatto quotidiano: Marra arrestato per corruzione: “Spiccata pericolosità sociale”. Il gip: “Uomo di fiducia di Raggi, rischio altri reati” . Conferenza stampa lampo della Sindaca in Campidoglio: 1 minuto e mezzo di dichiarazioni e nessuna domanda dei giornalisti

codice comport indagini m5s gennaio 20173 gennaio 2017 Il nuovo regolamento del Movimento, annunciato da Grillo  già a settembre durante Italia 5 Stelle, viene  sottoposto al voto degli iscritti per essere ratificato. Nel Regolamento alcune novità per i cinquestelle: il  codice è articolato in sei punti divisi per argomento che disciplinano il comportamento da tenere dagli eletti dal M5s coinvolti in inchieste della magistratura. L’arrivo di avvisi di garanzia deve essere obbligatoriamente comunicato ai vertici del Movimento, ma le valutazioni su eventuali sanzioni da adottare è affidata alla discrezionalità del garante del Movimento, cioè lo stesso Grillo, e al collegio dei probiviri, Per molti si tratta di un “salva Raggi”. (> Vai al Blog di Beppe Grillo con il codice  di comportamento in caso di indagini giudiziarie)

8 gennaio 2017  -Nelle elezioni del Parlamento Europeo Grillo spinge per i liberali dell’Alde.  Sorpresa tra i militanti M5S. VEDI  Repubblica M5s in Ue divorzia da Ukip dopo Brexit: voto online a sorpresa per decidere alleanze.  Ma il tentativo di convergere nell’Alde, fallisce per il niet del gruppo liberale ed europeista, i pentastellati rientrano a tutti gli effetti nell’Efdd. E Grillo promette di continuare le consuete battaglie sul “ruolo della moneta unica”, sugli “assurdi trattati internazionali come il TTIP” e sul “superamento del regolamento di Dublino”.

17 gennaio 2017: il tribunale rigetta il ricorso  contro la Raggi promosso dall’avvocato Monello ( sostenuto da alcune parlamentari PD) a causa del contratto sottoscritto con M5S che l’avrebbe resa “ineleggibile”: ma secondo gli stessi avvocati della Sindaca quel contratto è da considerarsi nullo in virtù del noto principio vigente nel nostro ordinamento secondo cui quod nullum est nullum producit effectum(cioè: quel che è nullo non produce alcun effetto), l’eventuale dichiarazione di nullità del codice di comportamento comporterebbe automaticamente l’inesistenza di qualunque obbligo per la Raggi al codice di comportamento interno al M5S. Al massimo, come è nei suoi poteri e come è già accaduto col sindaco M5S di Parma, Federico Pizzarotti, il Movimento può decretarne l’espulsione

Il 20 gennaio 2017 Di Maio manda gli auguri al neoletto Presidente degli Stati Uniti Donald  Trump: Ci auguriamo una collaborazione di successo con il futuro governo italiano M5s”.
Il 23 gennaio  2017 Grillo rilascia un’intervista al “Journal du dimanche”, in cui afferma che:
⁃    Servono misure protezionistiche in Italia per difendere il “made in Italy”
⁃    Se vanno al governo, vareranno un reddito di minima sopravvivenza di almeno 800 euro al mese
⁃    Auspica un euro svalutato del 20% e l’emissione di eurobond
⁃    Vanno rivisti i trattati tipo NATO e Maastricht

Il 24 gennaio  2017 La sindaca di Roma Virginia Raggi è indagata per abuso d’ufficio e falso nell’inchiesta condotta dal pm Francesco dall’Olio e dal procuratore aggiunto Paolo Ielo relativa alla nomina a capo del Dipartimento turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele, ex capo del personale del Comune poi arrestato. L’interrogatorio si terrà la  settimana seguente. E’ la stessa Raggi ad anticipare su Facebook la sua posizione:”Oggi mi è giunto un invito a comparire dalla Procura di Roma nell’ambito della vicenda relativa alla nomina di Renato Marra a direttore del dipartimento Turismo che, come è noto, è già stata revocata. Ho informato Beppe Grillo e adempiuto al dovere di informazione previsto dal Codice di comportamento del MoVimento 5 Stelle”. (Fonte: AGI)

Il 26 gennaio 2017 Grillo scrive nel suo blog:  Virginia Raggi ha adempiuto ai doveri indicati dal nostro codice etico (da poco elogiato pubblicamente da Nino Di Matteo) informando tempestivamente il movimento e i cittadini dell’invito a comparire che ha ricevuto l’altro giorno.
Sempre il 26 gennaio Grillo scrive al Presidente Mattarella : “ da ieri finalmente l’Italia ha di nuovo una legge elettorale costituzionale per la Camera e una, diversa, per il Senato. Lei ha fatto sapere che prima di sciogliere le Camere voleva essere sicuro che le leggi elettorali per le due camere fossero armonizzate. La proposta già depositata dal MoVimento 5 Stelle in Parlamento va proprio nel senso da lei indicato e chiede di applicare il Legalicum (la legge battezzata ieri dalla Consulta) anche al Senato e poi votare subito. Il segretario del Pd, il partito di maggioranza che esprime il governo, ha detto che vuole andare al voto. Certo, capisco che lei non si fidi di uno che dice una cosa e fa il suo contrario, ma purtroppo siamo costretti a dover avere a che fare anche con queste persone. A questo punto delle due l’una: o scioglie immediatamente le Camere, o esorta tutte le forze politiche a seguire il MoVimento 5 Stelle nella rotta anche da lei indicata e applicare il Legalicum al Senato, in modo da avere un’armonizzazione effettiva delle leggi elettorali tra le due Camere.”
Il 31 gennaio ,  dopo la bocciatura dell’Oref a dicembre, ed un mese di gestione provvisoria, il Consiglio comunale approva in via definitiva il testo previsionale del bilancio.  Gli investimenti nel triennio 2017-2019 saranno superiori a  577 milioni, di cui 430 destinati alla mobilità. Tuttavia anche questa volta non mancano i rilievi, soprattutto su municipalizzate, patrimonio immobiliare, servizi e uso delle entrate.    Sul blog di Grillo Virginia Raggi scrive:  
Abbiamo riportato la legalità nei conti del Campidoglio. Con noi è finita l’epoca degli esercizi provvisori che duravano fino a marzo, quando andava bene, se non fino a luglio od oltre. Con noi è finita l’epoca dei debiti fuori bilancio, di uno stato di emergenza permanente che produceva spese incontrollate che finivano per arricchire i soliti noti e, in qualche caso, foraggiare il malaffare.

2 febbraio 2017  I giornali riportano la notizia che  la sindaca Virginia Raggi,  è beneficiaria di una polizza vita  stipulata da Salvatore Romeo, ex dipendente comunale messosi in aspettativa e nominato dalla Sindaca capo della segreteria. La Sindaca, interrogata 8 ore dai magistrati  dichiara di non  esserne a conoscenza (i magistrati comunicano che non esistono elementi penalmente rilevanti)

Il 4 febbraio  2017-  Grillo si impegna   difende la  Raggi.  “Chi sta con lei sta con i Mov.5stelle”

Intanto  continuano   le riunioni della Conferenza dei Servizi dello Stadio della Roma e gli incontri tra la Sindaca e i proponenti. il 2 febbraio scade il temine per la conclusione della c.d.s Il Comune chiede una proroga di 30 giorni, poi deposita, insieme a Roma Città Metropolitana, un parere unico “non favorevole”, che tuttavia lascia aperta la possibilità al proponente di modificare il progetto e consegnare ulteriori elaborati per “addivenire a un parere favorevole”…  (> vai a http://www.carteinregola.it/index.php/stadio-della-roma-adesso-che-succede/

Raggi blog beppe grillo 43 successi febbraio 2017

7 febbraio 2017 Sul sito di Beppe Grillo la  Sindaca Raggi elenca i 91  successi dei suoi primi mesi di governo della città (> Vai alla pagina del blog di Beppe Grillo http://www.beppegrillo.it/2017/02/i_91successi_di_virginia_raggi_e_del_movimento_5_stelle_a_roma.html)

7 febbraio 2017 Anche l’ex capo della segreteria della sindaca Salvatore Romeo   è indagato per abuso di ufficio. Riguardo ad alcune polizze sulla vita che Romeo avrebbe intestato alla Sindaca e ad altri attivisti M5S, Romeo ribadisce che non si trattava di una forma di finanziamento politico occulto. “Forme di investimento, non eccessivamente rischiose, più o meno remunerative”. La Sindaca dichiara di non essere mai stata a conoscenza delle polizze.  Sotto osservazione dei magistrati anche lo scatto di carriera  di  Romeo, che dopo l’elezione della raggi si   era dimesso  da funzionario del Comune per essere poi riassunto come dirigente a stipendio inizialmente triplicato, poi ridotto in seguito  ai rilievi dell’Autorità anticorruzione (Anac).

8 febbraio 2017 La stampa pubblica  dichiarazioni dell’assessore all’urbanistica Berdini “La sindaca è impreparata. Dall’inizio si è circondata di una corte dei miracoli” con rivelazioni sulla vita privata della Raggi. L’assessore smentisce, ma quando il quotidiano pubblica la registrazione, ammette l’infortunio, dichiarando  di non essere  a conoscenza  del fatto che il suo interlocutore fosse un giornalista e presenta le sue dimissioni, che la Raggi respinge con riserva. La Stampa però pubblica un   ulteriore brano  della registrazione, in cui Berdini chiede al giornalista che le sue indiscrezioni siano pubblicate in forma  anonima. Dopo  l’annuncio dell’esito positivo di un ulteriore incontro  in Campidoglio il 9 febbraio tra la Sindaca Virginia Raggi, il vicesindaco Luca Bergamo, il direttore generale della Roma Mauro Baldissoni e l’imprenditore Luca Parnasi,  in cui si sarebbe data  un’accelerazione al progetto dello Stadio e dopo che  indiscrezioni giornalistiche  rivelano che l’operato dell’assessore sarebbe stato oggetto di due diligence, Paolo Berdini rassegna dimmissioni irrevocabili (> vai all’articolo di Roma Today il resoconto dell’incontro sullo stadio  e il comunicato dell’ex assessore)

Contemporaneamente all’interno del MoVimento si moltiplicano  le voci contro lo Stadio: qualcuno chiede un referendum tra gli iscritti romani, mentre  il tavolo dell’urbanistica del M5S, da sempre contrario al progetto, attraverso Francesco Sanvitto, scrive alla Sindaca chiedendo la revoca dell’interesse pubblico tramite una delibera predisposta dal tavolo (faranno anche una manifestazione il 21 febbraio)

Dopo indiscrezioni su un accordo tra Campidoglio e proponenti di un  taglio delle cubature direzionali e commerciali del Business Center a fronte  dell’eliminazione dal progetto di alcune infrastrutture previste nella Delibera di Marino, il  16 febbraio la Sindaca pubblica sul blog di Beppe Grillo un’assicurazione che a Tor di valle non vi saranno colate di cemento. Poi  il 24 febbraio 2017 dopo l’incontro in Campidoglio tra La Sindaca e  i rappresentanti di Eurnova e AS Roma,   l’annuncio che lo Stadio a Tor di Valle si farà. Sul suo profilo Facebook Virginia Raggi titola  #UnoStadioFattoBene, spiegando che le tre torri sono state eliminate e che la parte relativa al Business Park è  addirittura il 60% in meno, oltre alle misure “green” già anticipate da Beppe Grillo (> leggi l’articolo)

Il 6 marzo 2017  il Comune annuncia l’avvio di 4 progetti, finanziati dallo Stato sulla riqualificazione urbana e la sicurezza. Il Campidoglio usufruirà di 18 milioni di euro per attuare il progetto denominato “De.Si.Re. – Decoro, Sicurezza, Resilienza  

Giunta Raggi marzo 2017

La quarta Giunta Raggi

6 marzo 2017  Luca Montuori diventa assessore con la delega all’Urbanistica e anche, come il suo predecessore Paolo Berdini, la delega ai  Lavori pubblici (ma secondo alcune fonti giornalistiche è ancora previsto lo ”spacchettamento dei due assessorati con l’affidamento dei LLPP a un nuovo assessore). Montuori ricopriva il ruolo di capostaff del vicesindaco e assessore alla Crescita CulturaleLuca Bergamo, per otto anni è stato membro del Comitato Scientifico della Casa dell’Architettura di Roma, e ha avuto già esperienze amministrative durante la Sindacatura Walter Veltroni, periodo in cui si è occupato di  progetti di rigenerazione urbana.

6 marzo 2017  Franco Giampaoletti è il nuovo City Manager del Campidoglio.  Giampaoletti è stato direttore generale del Comune di Genova, dal settembre 2015 al dicembre scorso, quando è diventato direttore di Unicoop Tirreno per le aree di servizio, dal personale ai sistemi informativi

il 10 marzo 2017   una manifestazione di scuole, associazioni di malati e disabili, volontari, ma anche teatri, presidi sanitari e centri sociali contro l’amministrazione Raggi per dire no agli sfratti delle proprietà comunali date in concessione alle associazioni . 
16 marzo 2017 – La Raggi va al Mercato Metronio con l’assessore al Commercio Meloni per parlare di un rilancio dei mercati rionali, per i quali sono stati stanziati 4 milioni di euro (da suddividere per 70 mercati)   
Il 17 marzo 2017 –  sul sito del Comune,  l’Assessore Frongia annuncia il nuovo Regolamento Impianti Sportivi  comunali

16 marzo 2017 All’VIII Municipio per problemi tra il Presidente Pace e la sua maggioranza:    Pace annuncia  le dimissioni,  che diventeranno  definitive adDa Cinque Quotidiano -Definitive le dimissioni di Pace: cade la giunta del Municipio VII. Passerà poi nelle fila di Fratelli d’Italia

14-17 marzo 2017 A Genova si svolgono le comunarie per la scelta del candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative che decretano  la vittoria di  Marika Cassimatis,  ma Grillo impone un altro candidatoe fa ripetere le elezioni on line:  “Questa decisione è irrevocabile. Se qualcuno non capirà questa scelta, vi chiedo di fidarvi di me“, scrive Grillo. Che aggiunge: “Non possiamo permetterci nessuna sbavatura. Non possiamo permetterci di candidare persone su cui non siamo sicuri al 100 per cento” (Repubblica Genova 17 marzo: Caos M5S a Genova, Grillo toglie il simbolo alla vincitrice delle primarie Cassimatis, sarà candidato Pirondini).

Sulla decisione del leader M5S si levano molte voci critiche, anche di intellettuali che fino a questo momento hanno guardato al Movimento come a una valida alternativa al sistema dei partiti. Tra questi il direttore di Micromega Paolo Flores D’Arcais, che scrive un editoriale di fuoco:Il Movimento 5 Stelle non è più votabile
Entro fine marzo i legali di Virginia Raggi dovrebbero aver  consegnare la memoria difensiva ai pm di Roma che indagano la sindaca per falso e abuso d’ufficio per le nomine in comune (ma da notizie di stampa del giugno 2017 la memoria non è ancora stata consegnata).

29 marzo Atac, nominato  il direttore generale: arriva Bruno Rota (> leggi articolo)

30  marzo 2017  Viene approvata la Delibera di Giunta  per lo Stadio della Roma in cui “si conferma l’interesse alla realizzazione del progetto dello stadio a Tor di Valle e si conferisce mandato al Dipartimento Programmazione ed Attuazione Urbanistica di procedere alla revisione della determinazione del pubblico interesse, dichiarato con deliberazione dell’Assemblea capitolina n.132/2014“.  (dal sito del Comune: Stadio Roma: da Giunta ok linee guida per revisione pubblico interesse delibera n.132/2014)   scarica deliberazione di Giunta Capitolina n. 48 del 30 marzo 2017.

articolo raggi partecipazione blog Grillo

5 aprile 2017  Democrazia diretta e processi partecipativi – presentati in Campidoglio nuovi strumenti  Il digitale può e deve garantire l’effettività degli istituti e degli strumenti di democrazia diretta volti all’attivazione dei processi partecipativi – dichiara l’assessora a Roma semplice Flavia Marzano – In quest’ottica, la ristrutturazione del portale dell’Amministrazione Capitolina su cui siamo a lavoro prevedrà un’area dedicata alla partecipazione con l’obiettivo di favorire un maggiore coinvolgimento dei cittadini sia nel processo democratico che nelle decisioni relative alla trasformazione e all’innovazione del territorio(Leggi tutto) (> leggi il nostro post Sindaca e consiglieri M5S: la democrazia partecipata non è solo un click)

aprile- giugno 2017 Il M5S è al centro di una serie di polemiche per la vicenda delle onlus che raccolgono i disperati in pericolo sui barconi nel Mediterraneoper la posizione ambigua  sull’obbligatorietà dei vaccini e per l’astensione rispetto alla legge che introduce il cosiddetto “ius soli”. Tuttavia va notato che la stragrande maggioranza delle più importanti testate giornalistiche (TV comprese) non evidenziano quai mai – tantomeno con  la stessa rilevanza – l’opposizione M5S alle  tante leggi e leggine che la maggioranza fa passare nel “back stage”: come ad esempio la legge blocca demolizioni immobili abusivi (votata da PD e FI), la riforma della Valutazione di Impatto Ambientale, la riforma dei parchi e molti altri provvedimenti  a cui si oppongono inutilmente le associazioni ambientaliste e il  M5S  (insieme ad altre opposizioni), nel silenzio e nell’indifferenza generale.

21 aprile 2017 Parco archeologico Colosseo, Roma Capitale  presenta  ricorso al Tar per l’annullamento del decreto del Mibact del 12 gennaio 2017 che costituisce l’area del Parco Archeologico del Colosseo”(> leggi l’articolo di Cinquequotidiano)

30 maggio 2017 Virginia Raggi è chiamata a testimoniare al processo dell’ex braccio destro Marra. Interpellata dai giornalisti, parlando del suo coinvolgimento nell’indagine sulla nomina del fratello di Marra al Turismo dice che, come da codice etico,  in caso di rinvio a giudizio non lascerebbe il posto (vedi  https://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/30/roma-virginia-raggi-sara-testimone-al-processo-marra/3623713/)

cristina Grancio fb Schermata 2017-06-10 alle 10.48.55

Pagina Fb di Cristina Grancio, 9 giugno 2017

6 giugno 2017 la Giunta Raggi approva una Proposta di delibera 38a Proposta (Dee. G.C. n. 18 del 6 giugno 2017) che conferisce il pubblico interesse al nuovo progetto dello Stadio della Roma. Nei tre  giorni successivi la Delibera viene sottoposta a 5 commissioni e al IX  Muncipio  per il parere (dopo un primo Consiglio finito nel nulla , il parlamentino del IX Municipio viene convocatodi domenica). La Consigliera capitolina ed ex vicepresidente della Commissione urbanistica  Cristina Grancio che chiede più tempo per approfondimenti e lascia la Commissione senza votare, viene sospesa. La Delibera viene approvata il 14 giugno, assenti la Grancio e le consigliere Guerrini e Montella.

 

_______________________________________________________________________________________________________

sito comune raggi moratoria 13 giugno 2017Mentre è in discussione la nuova legge sulla cittadinanza denominata “Ius soli” in Parlamento e si moltiplicano le polemiche per l’annunciata astensione del M5S (Vedi il post sul sito di Beppe Grillo), che prende bacchettate indirette anche da Papa Francesco, all’indomani del deludente voto delle amminsitrative –  13 giugno 2017 – Virginia Raggi rende noto sul sito istituzionale del Comune di aver scritto al Prefetto chiedendo una moratoria sui nuovi arrivi di migranti in città per non accogliere nella Capitale (e provincia) i circa 2000 richiedenti asilo  della quota  concordata con l’Anci. La nota è poi parzialmente corretta dopo le polemiche (> vai alla pagina)  Molti vedono  nell’iniziativa una ricerca di consensi di quelle parti dell’elettorato M5S che potrebbero spostarsi (o tornare) ai partiti di destra.

20 giugno 2017 la Procura di Roma chiude le indagini – atto che di norma precede la richiesta di processo –  sul cosiddetto ‘pacchetto nomine’ – quelle di   Marra e Romeo – chiedendo di archiviare la posizione di Raggi dall’accusa di abuso d’ufficio solo in relazione alla nomina di Carla Raineri a capo di Gabinetto.  Quindi  la Sindaca rischia il processo per l’abuso d’ufficio in relazione alla nomina di Salvatore Romeo a capo della segreteria politica, e per falso per quella alla direzione Turismo del Campidoglio di Renato Marra, fratello di Raffaele, ex capo del personale. Ma la sindaca a Carta Bianca su Rai 3 il 20 giugno dichiara  che se riceverà l’avviso di rinvio a giudizio non si dimetterà, come  previsto dal Codice etico del MoVimento (> leggi il post)

vidoe roma rinasce conf stampa 21 giugno21 giugno 2017 Conferenza stampa in Campidoglio della Sindaca e della Giunta >Vai alla pagina con i video degli interventi e le slides pubblicate sul sito istituzionale

22 giugno 2017 L’Assessore Massimo Colomban, non presente alla conferenza stampa, a 9 mesi dal ricevimento dell’incarico,  annuncia l’addio a settembre«Il mio è un assessorato di scopo, quindi a tempo, sto completando tutta la riorganizzazione della governance delle partecipate. Il gruppo di lavoro va avanti spedito, il dossier è a buon punto, presto lo presenteremo» (> leggi l’articolo del Messaggero riportato da Next quotidiano)

22-24 giugno 2017: varie testate giornalistiche diffondono i contenuti di alcune intercettazioni di Marra, in cui accusa la Sindaca di non essere in grado di sostenere il suo ruolo con la decisione necessaria e parlamentari e membri del MoVimento di interferire nell’amministrazione capitolina (il tutto condito con una serie di valutazioni poco lusinghiere). Ironia della sorte, un altro Sindaco, quello di Milano targato PD, Giuseppe Sala, è indagato per reati  gravi – turbativa d’asta e falso materiale e ideologico per vicende legate alla sua gestione come commissario di Expo 2015 (Vedi l’Espresso del 23 giugno Scandalo Expo, ecco perché Sala è sotto accusa) – ma  l’impressione è che i media riservino ai due casi  una notevole disparità di trattamento.

Audizione alla Camera sulle periferie: Raggi s chiede 1,8 miliardi per Roma (Vedi Roma Today „La sindaca e parte della sua Giunta in Commissione parlamentare di inchiesta sulle periferie. Botta e risposta con i deputati Morassut, Miccoli, Piso e Rampelli“)

–(IN COSTRUZIONE)

________________________________________________________________________________________

*NOTA : La cronologia è in parte ricavata da una voce Wikipedia “Movimento 5 Stelle” che viene indicata come ” voce o sezione sull’argomento politica ritenuta da controllare”  con il “Motivo: le posizioni del leader vengono attribuite verbatim all’intero partito, anche attraverso l’utilizzo del blog come fonte primaria”

** Obblighi di pubblicazione relativi agli amministratori dal sito del Comune di Roma

Agnello Alessandra – M5S

Angelucci Nello – M5S

Bernabei Annalisa – M5S

Calabrese Pietro – M5S

Catini Maria Agnese – M5S

Coia Andrea – M5S

De Vito Marcello – M5S

Di Palma Roberto – M5S

Diaco Daniele – M5S

Diario Angelo – M5S

Donati Simona – M5S

Ferrara Paolo – M5S

Ficcardi Simona – M5S

Grancio Cristina – M5S

Guadagno Eleonora – M5S

Guerrini Gemma – M5S

Iorio Donatella – M5S

Mariani Alisia – M5S

Montella Monica – M5S

Pacetti Giuliano – M5S

Paciocco Cristina – M5S

Penna Carola – M5S

Seccia Sara – M5S

Stefàno Enrico – M5S

Sturni Angelo – M5S

Terranova Marco – M5S

Tranchina Fabio – M5S

Vivarelli Valentina – M5S

Zotta Teresa Maria – M5S

  1. http://www.beppegrillo.it/2008/01/liste_civiche_s.html
  2.  Grillo presenta il suo Movimento a 5 stelle, in Il Sole 24 ORE, 4 ottobre 2009. URL consultato il 22 maggio 2014.
  3. Andrea Bassi, M5S, ecco lo statuto del Movimento 5 stelle, in L’Huffington Post, 12-13 marzo 2013.
  4. sul sito del Consiglio regionale non sono pubblicati i dati prescritti
  5. dal sito del comune di Roma

DeVito_cv spese elettorali DeVito_spese_elettorali

Frongia_C.V. spese elettorali (spesi in proprio 363€) Frongia_spese_elettorali_

Raggi_CV  spese elettorali  (spesi in proprio 137,28) Raggi_spese_elettorali_

(Stefàno non c’è curriculum)Stefano_enrico spese