Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Dopo il voto, due scenari e qualche riflessione

raggi giachettiPubblichiamo  due possibili scenari in Campidoglio che seguirebbero alla vittoria di ciascuno dei due contendenti al ballottaggio, secondo i calcoli di Omniroma (formazioni  che potrebbero cambiare in caso di apparentamenti, ma ad oggi, 8 giugno, sia  Meloni che Fassina hanno escluso indicazioni di voto al proprio elettorato- Fassina invita a votare scheda bianca-  mentre Marchini è più possibilista).  Con alcune  analisi e riflessioni generali di Anna Maria Bianchi

VOGLIA DI CAMBIAMENTO

Da tempo lamentavamo l’assenza dal  dibattito elettorale delle vicende legate a Mafia Capitale e   del sistema corruttivo emerso dalle indagini giudiziarie,   che sembravano anche archiviati  dai media e rimossi dai cittadini. Invece, a giudicare dai risultati del 5 giugno,  si direbbe  che almeno i cittadini non si siano dimenticati di quel  devastante back stage della politica romana, e che alle urne abbiamo premiato un movimento che ha fatto del cambiamento e della netta discontinuità con i partiti tradizionali – quelli che hanno governato Roma nell’ultimo ventennio  – il suo tema principale. E per quanto si cerchi di camuffare la sonora sconfitta (nel  PD si è parlato addirittura di “miracolo Giachetti”) i dati sono incontrovertibili: il Movimento 5 Stelle triplica i voti del 2013 ed è il primo partito della Capitale; il Partito Democratico perde  70.000 voti rispetto alle amministrative del 2013 (passando  dal 26,26% al 17,20%) e 100.000 voti rispetto alle elezioni europee  (era al 43,07%); Forza Italia scende  al 4,23 %  dal 19,21% del  Popolo delle Libertà del 2013 (13,4% alle europee); ridimensionamento  anche dello schieramento Sinistra x Roma di Fassina, al 4.43%, mentre nel 2013 SEL aveva ottenuto il 6,25%  e Rifondazione Comunista- comunisti italiani l’1,14%, .Un risultato riconosciuto deludente dallo stesso candidato Fassina, che probabilmente deriva da una crisi generale della sinistra, ma anche dallo scivolone nella presentazione delle liste che ha  rischiato di far escludere il partito dalla competizione elettorale, e  soprattutto dalle accese lotte intestine tra le sue varie anime, che hanno offuscato una proposta politica all’insegna della discontinuità con il passato e del riscatto sociale.

Un notevole ridimensionamento anche per la Lista Marchini, che nel 2013 aveva raccolto da sola il 7,80%, e oggi è al 4,72% (senza Forza Italia, Lista Storace e altre). Marchini ha sicuramente pagato la vistosa contraddizione del suo slogan “lontano dai partiti” non solo rispetto all’abbraccio elettorale con Forza Italia di Berlusconi (con lista targata Alessandra Mussolini) e con La Destra di Storace, ma anche rispetto alla sua stessa lista civica, i  cui primi posti, come ricorda Alessandro Gilioli nel suo blog sull’Espresso in una serie di domande al candidato imprenditore   rimaste senza risposta,  erano quasi  tutti occupati da ex politici di varia provenienza*. L’unica lista ad avere riscosso un discreto  successo, nonostante la lunga storia comune con  Alemanno e il suo centrodestra  è Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che raggiunge il  12,28 % , dal 5,92% del 2013 ottenuto nella coalizione per Alemanno Sindaco (5,32% delle Europee)

MA I VOTI VANNO SEMPRE AI PARTITI E LE  PREFERENZE  AI  POLITICI

Nei nostri incontri per una Politica trasparente e democratica avevamo insistito molto con tutti i partiti perchè per la imminente  campagna elettorale  venissero  utilizzati dei criteri democratici e trasparenti per selezionare una  nuova classe politica, basati sulle competenze e  sul merito.  La cruda realtà è sotto gli occhi di tutti: le liste stilate dai partiti, con per lo più i soliti nomi, sono quelle che andranno  ad alimentare l’Assemblea capitolina, mentre la  maggior parte delle decine di entusiasti candidati civici resterà  a casa, dopo il  magrissimo raccolto di preferenze. Perchè non basta mettere in lista nomi prestigiosi, bisogna che tali nomi ottengano  poi  un cospicuo  numero di voti,  procurandoseli in una città sterminata, dove gli elettori spesso non conoscono nemmeno il nome dei candidati Sindaco. E la competizione elettorale tra le liste civiche e quelle dei  partiti è come un cortile in cui elefanti e pulcini hanno lo stesso diritto di giocare.  Così accade che nella lista civica Roma torna  Roma per Giachetti Sindaco il capolista Marco Lodoli, scrittore e soprattutto impegnato insegnante nelle periferie romane,  si becchi solo  704 voti e non abbia nessuna chance di essere eletto, neanche in caso di vittoria di Giachetti (in caso di sconfitta l’unico seggio andrà alla  ex consigliera civica di  Ignazio Marino Svetlana Celli,  grazie ai suoi 1.755 voti). E nonostante gli annunci del commissario romano Orfini sull’immissione nelle liste PD di esponenti della società civile, soprattutto in caso di vittoria pentastellata,  la (sparuta) pattuglia dem sarà quasi una fotocopia di quella della precedente tornata elettorale,   con poche  assenze  (alcune dovute  anche alle vicende giudiziarie).  Saranno rieletti quindi  molti ex consiglieri  (tra cui  quelli che hanno firmato le dimissioni dal  notaio per mandare a casa il Sindaco  Marino) da Michela Di Biase, moglie del ministro Franceschini,  campionessa femminile di preferenze (5.186),  a Marco Palumbo (4.867),  Ilaria Piccolo (4.484),  Valeria Baglio (3.054),  Orlando Corsetti (3.008). A cui si aggiunge  Antongiulio Pelonzi (3.599) , già consigliere comunale dal 2006 al 2013, e, in caso di vittoria del centrosinistra,  Giulia Tempesta (2.871), Erica Battaglia  (2.263), Cecilia Fannunza   (1.786),  Estella Marino, Assessore all’ambiente della Giunta precedente, (1.704) e altri. Politici navigati anche i pochi che saranno eletti nelle liste del centrodestra, a  seconda delle combinazioni elettorali: per Fratelli d’Italia molti ex consiglieri comunali e qualche municipale, come  Andrea De Priamo (3.527) Maurizio Politi (3.170) Francesco Figliomeni (3.070), forse Lavinia Mennuni (2.664), ma anche l’ex consigliere  nella scorsa consiliatura ed ex  assessore ai lavori pubblici e delle periferie nella Giunta di  Alemanno,  Fabrizio Ghera, secondo nel campionato delle  preferenze capitoline con 5.463 voti. Per Forza Italia dovrebbe essere eletto il solo Davide Bordoni (3.099), una lunga carriera cominciata con l’inaugurazione del primo club di Forza Italia a Ostia e continuata come consigliere e Presidente del XIII municipio, poi consigliere comunale nel 2006  e  nel 2013, con in mezzo la  nomina come Assessore alle Attività Produttive, Lavoro e Litorale nella Giunta Alemanno. Possibile l’elezione  del candidato di Noi con Salvini Antonio D’Apolito (1.383), il dentista  che nel 2013, secondo il Secolo d’Italia,  si era già candidato   con la  lista civica in appoggio di Alemanno “CittadiniXRoma”. Infine, se è certa  l’elezione di Alfio Marchini, è in forse quella del suo braccio destro Alessandro Onorato (5.227), nonostante la giovane età, veterano dell’Assemblea capitolina, con una carriera cominciata nel PD e continuata  nell’UDC prima di approdare nel 2013 alla Lista Marchini. In forse anche l’elezione di  Riccardo Magi (2.606), presidente del Partito Radicale, ex consigliere della lista civica di Marino e ora in una lista a sostegno di Giachetti, mentre a SEL/Sinistra italiana andrà comunque  un unico seggio, che dovrebbe essere occupato da Stefano Fassina o, in caso di rinuncia (ma ha già annunciato l’intenzione di fare il parlamentare e il consigliere comunale) a Sandro Medici (3.039), ex presidente del Municipio di Cinecittà.

QUELLI  DEL MOVIMENTO CINQUE STELLE

Per quanto riguarda gli eletti del Movimento Cinquestelle  (che potrebbero essere 29 o 11, secondo l’esito del ballotaggio), si rileva una novità rispetto alle elezioni del 2013, dove, a fronte di un consistente voto al candidato Sindaco/alla lista (130.635),  le preferenze ai singoli candidati consiglieri erano  state decisamente poche, tanto che Enrico Stefàno, quarto eletto,  era diventato consigliere con soli 710 voti. Adesso la situazione è cambiata: sono nove i candidati che hanno raccolto  più di mille voti, con  l’ex candidato sindaco del 2013 Marcello De Vito campione assoluto di preferenze capitoline (6.451) seguito da Paolo Ferrara ( 3.531) Annalisa Bernabei  (2.647) l’ex consigliere  Daniele Frongia (2.464) Carola Penna (2.369) l’ex consigliere Enrico Stefano  (2.315) Eleonora Guadagno  (1.406) e altri. Una lista di  48 persone individuate attraverso le “comunarie” di novembre, in cui  i simpatizzanti M5S accreditati da tempo avevano  scelto  on line i candidati per il Campidoglio (i primi classificati erano  poi stati oggetto di una successiva votazione a febbraio per decidere il candidato Sindaco, che aveva visto l’affermazione di Virginia Raggi). Sistema che al nostro incontro del 10 dicembre scorso con il Movimento Cinque Stelle avevamo messo in discussione, sollevando perplessità sulle qualità politiche e amministrative di persone per lo più con scarsa o nessuna esperienza,  scelte in base a un curriculum e a un video di pochi minuti da poche centinaia di simpatizzanti. Tuttavia la media di preferenze decisamente più alta di quelle delle altre liste civiche di questa tornata elettorale, indurrebbe a  pensare che in questi tre anni il movimento sia  riuscito ad estendere e approfondire il suo radicamento nel territorio, e soprattutto a far conoscere quanto i suoi attivisti e rappresentanti in Campidoglio e nei Municipi andavano facendo. Non è da sottovalutare l’uso del web per diffondere sedute, documenti, e anche come spazio di dibattito interno e canale di comunicazione con le realtà esterne.

E comunque la si pensi sul Movimento, sia nel merito delle  sue proposte e della   sua democrazia interna, sia rispetto  alla  mancanza di una identità comune con valori condivisi che non siano solo le linee da seguire nella concretezza dei  bisogni sociali da soddisfare, è sicuramente un grave errore  catalogare il voto che gli hanno dato i cittadini come “antipolitica” o voto di protesta o, peggio  “di punizione”.

E servirà ben poco ai partiti tradizionali ricorrere al solito esercizio dello  sminuire la sconfitta  e/o dare la colpa agli elettori che non hanno capito. Gli elettori hanno capito benissimo. E hanno dato una sonora lezione a chi pensava di poter continuare come prima cambiando  solo il minimo indispensabile.

Roma è ben al di là del punto di non ritorno, e i cittadini  lo sanno da un pezzo. Vogliono  proposte convincenti, gente che si rimbocchi  le maniche e che dimostri di  fare sul serio. E se non la trovano nel proprio  partito di riferimento, si rivolgono  a chi sembra che almeno ci provi, a cambiare qualcosa, o che almeno non abbia già dato pessime prove, facendo, nel migliore  dei casi, assai  flebili autocritiche.

Come si può pensare, in una città agonizzante, dove le buche nelle strade e la mancanza di cura degli spazi pubblici  ricordano ogni istante la resa  di chi dovrebbe amministrare una capitale europea, lanciare lo slogan “Roma torna Roma”? o “Questa è Roma”? o  invocare alleanze “lontani dai partiti” e contro “chi ti ha tradito” presentandosi  con le icone più trite della vecchia politica?

La buona notizia è  che i cittadini hanno capito. E chiunque vinca, non si potrà più continuare come prima.

(Altre due buone notizie.  La prima: non basta avere grandi mezzi economici  per vincere le elezioni. Marchini nonostante le massicce risorse impiegate, non ha vinto, anzi è arretrato. La seconda:  i manifesti elettorali (più o meno selvaggi) non fanno vincere le elezioni.  Pochissimo utilizzati da M5S e da varie forze di centro sinistra e sinistra, non hanno particolarmente favorito chi invece li ha spalmati su tutta la  città)

Anna Maria Bianchi Missaglia

NOTA Apriamo uno spazio di dibattito per chi volesse aggiungere le proprie osservazioni  Scrivere a: laboratoriocarteinregola@gmail.com

 

 

> Vai a Dopo il voto un po’ di numeri, con tutti i dati sui voti del Sindaco, delle liste e dei partiti e delle preferenze dei consiglieri capitolini.

(da Omniroma ) I DUE SCENARI

Nel caso in cui vincesse Virginia Raggi, la maggioranza –29 seggi – sarebbe  un monocolore M5S, e i  19 seggi dell’opposizione andrebbero:  7 al Pd, 1 alla civica Giachetti Roma torna Roma, 1 a Sinistra per Roma, 1 a Forza Italia, 2 alla Lista Marchini, 5 a Fdi, 1 alla Lega e 1 alla civica Con Giorgia Meloni.
Di seguito la relativa composizione dell’Assemblea con Virginia Raggi sindaco.

MAGGIORANZA:

M5S
Marcello De Vito; Paolo Ferrara; Annalisa Bernabei; Daniele Frongia; Carola Penna; Enrico Stefano; Eleonora Guadagno; Daniele Diaco; Alessandra Agnello; Roberto Di Palma; Nello Angelucci; Gemma Guerrini; Sara Seccia; Giuliano Pacetti; Valentina Vivarelli; Simona Donati; Teresa Maria Zotta; Donatella Iorio; Maria Agnese Catini ; Angelo Sturni; Fabio Tranchina; Pietro Calabrese; Angelo Diario; Andrea Coia; Cristina Grancio; Alisia Mariani; Cristiana Paciocco; Monica Montella; Simona Ficcardi.

OPPOSIZIONE:

PD
Roberto Giachetti; Michela Di Biase; Marco Palumbo; Ilaria Piccolo; Antongiulio Pelonzi; Valeria Baglio; Orlando Corsetti. [nel caso che Giachetti lasciasse il seggio comunale, subentrerebbe Giulia Tempesta NDR]
CIVICA GIACHETTI ROMA TORNA ROMA
Svetlana Celli.

SINISTRA PER ROMA
Stefano Fassina.[ nel caso che Fassina  lasciasse il seggio comunale, subentrerebbe Sandro Medici, ex Presidente del X municipio oggi VII ndr]

LISTA MARCHINI
Alfio Marchini; Alessandro Onorato.
FI
Davide Bordoni.

FRATELLI D’ITALIA
Giorgia Meloni; Fabrizio Ghera; Andrea De Priamo; Maurizio Politi; Francesco Figliomeni.[ nel caso che Meloni   lasciasse il seggio comunale, subentrerebbe Lavinia Mennuni ndr]
CON GIORGIA MELONI SINDACO
Rachele Mussolini.
LEGA
Antonio D’Apolito.

Nel caso vincesse  Roberto Giachetti, i 29 seggi della maggioranza andrebbero così suddivisi: 22 al Pd; 5 alla civica Giachetti Roma torna Roma; uno ai Democratici e popolari per Giachetti; uno ai Radicali.
Di seguito la relativa composizione dell’Assemblea con Roberto Giachetti sindaco.

MAGGIORANZA

PD
Michela Di Biase; Marco Palumbo; Ilaria Piccolo; Antongiulio Pelonzi; Valeria Baglio; Orlando Corsetti; Giulia Tempesta; Giovanni Zannola; Anna Paola Concia; Erica Battaglia; Giulio Bugarini; Mariano Angelucci; Andrea Casu; Marco Tolli; Cecilia Fannunza; Estella Marino; Carla Consuelo Fermariello; Daniele Parrucci; Riccardo Corbucci; Fabio Pompei; Alessandro Cozza; Maria Pia Federici.
CIVICA GIACHETTI ROMA TORNA ROMA
Svetlana Celli; Bruno Schiaramazzi; Daniele Di Bella; Claudio Monzio Compagnoni; Stefania Gliubich.
DEMOCRATICI E POPOLARI PER GIACHETTI
Francesco Romeo.
RADICALI
Riccardo Magi

OPPOSIZIONE:

SINISTRA PER ROMA
Stefano Fassina. [nel caso che Fassina  lasciasse il seggio comunale, subentrerebbe Sandro Medici ndr]

M5S
Virginia Raggi; Marcello De Vito; Paolo Ferrara; Annalisa Bernabei; Daniele Frongia; Carola Penna; Enrico Stefano; Eleonora Guadagno; Daniele Diaco; Alessandra Agnello; Roberto Di Palma.

LISTA MARCHINI
Alfio Marchini.
FORZA ITALIA
Davide Bordoni.

FRATELLI D’ITALIA
Giorgia Meloni; Fabrizio Ghera; Andrea De Priamo; Maurizio Politi.[ nel caso che Meloni   lasciasse il seggio comunale, subentrerebbe Francesco Figliomeni ndr]
CON GIORGIA MELONI SINDACO
Rachele Mussolini.

Dopo il voto, un po’ di numeri Vai ai  dati sui voti del Sindaco, delle liste e dei partiti e delle preferenze dei consiglieri capitolini.

sito roma cap liste

* Alessandro Gilioli blog l’Espresso L’intervista mai fatta ad Alfio Marchini(> vai all’articolo),  e Maria Beatrice Scibetta,  tra i fondatori di Futuro e Libertà; Ignazio Cozzoli exconsigliere comunale di Forza Italia poi coordinatore del partito di Fitto, Conservatori e riformisti, Francesca Barbatoex consigliera comunale eletta nella lista Cittadini per Alemanno; Jessica De Napoli  consigliera municipale prima del Pdl poi del Nuovo Centro Destra; Stefano Erbaggi  consigliere municipale prima di Alleanza Nazionale poi, dopo il Pdl, con il Ncd di Alfano

 

Share This Post