Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Appia Antica – scheda, cronologia e materiali

Piano appia antica da elaborato DCRONOLOGIA delle NORME (e dell’iter della Proposta di Delibera del Piano di Assetto)
(ancora da inserire le normative del cosiddetto “Piano casa” con ricadute sulle aree naturali )

(aggiornato al 20 luglio 2018)

L.R. 06 Luglio 1998, n. 24 Pianificazione paesistica e tutela dei beni e delle aree sottoposti a vincolo paesistico scarica LR Lazio 24_1998

10 novembre 1988 Legge regionale 10 novembre 1988, n. 66 – Istituzione del Parco regionale dell’Appia Antica e successive modifiche http://www.consiglio.regione.lazio.it/consiglio-regionale/?vw=leggiregionalidettaglio&id=224&sv=storico

6 dicembre 1991, legge  n. 394 e successive modifiche;http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/1991/12/13/091G0441/sg

6 ottobre 1997 legge regionale , n. 29 – Norme in materia di aree naturali protette regionali e successive modifiche, che detta le norme in materia di aree naturali protette regionali, secondo le disposizioni della legge 6 dicembre 1991, n. 394 e successive modifiche; con l’articolo 39, comma 1, lett. d) viene istituito l’Ente Regionale di diritto pubblico “Parco regionale dell’Appia Antica”, al quale è affidata l’amministrazione e la gestione delle attività e del territorio dell’area protetta; http://www.consiglio.regione.lazio.it/consiglio-regionale/?vw=leggiregionalidettaglio&id=8357&sv=vigente

18 febbraio 2002  legge regionale , n. 6 e successive modifiche;http://www.consiglio.regione.lazio.it/consiglio-regionale/?vw=leggiregionalidettaglio&id=9269&sv=vigente

29 luglio 2002 Deliberazione del Consiglio Direttivo, n. 17, l’Ente di Gestione Parco regionale dell’Appia Antica adotta all’unanimità il Piano del Parco regionale Appia Antica (di cui all’Allegato A della proposta di delibera PDC 10 proposta Delibera Regione Lazio Piano assetto appia antica) , trasmesso alla Regione con nota del 20 novembre 2002, prot. 3240, e composto dai seguenti elaborati (1) (vedi allegato A scarica PDC 10)

6 settembre 2002 regolamento regionale, n. 1 e successive modifiche;http://www.regione.lazio.it/rl_main/%3Fvw%3DregolamentiDettaglio%26id%3D33%26tipo%3Dtc%26nreg%3D%26anno%3D%26testo%3D

 13 dicembre 2002 il Piano viene pubblicato  sul quotidiano “Il Tempo” e a seguito della quale pervengono  all’Ente di Gestione Parco regionale dell’Appia Antica, 126 osservazioni al Piano, che il  21 febbraio 2003 vengono approvate le controdeduzioni dall’Ente di Gestione Parco regionale dell’Appia Antica (vedi allegato B http://aulacrl.regione.lazio.it/atticonsiliari/PDC_10/index.html)

21 febbraio 2003 Deliberazione del Consiglio Direttivo , n. 03, dell’Ente di Gestione Parco regionale dell’Appia Antica che approva  le controdeduzioni alle osservazioni pervenute nei termini,(allegato C http://aulacrl.regione.lazio.it/atticonsiliari/PDC_10/index.html, e le trasmette  alla Direzione Regionale Ambiente e Protezione Civile con nota 14 marzo 2003, prot. 793

22 gennaio 2004 viene approvato il Codice dei Beni culturali e del Paesaggio decreto legislativo del 22 gennaio 2004 n. 42. (successivamente modificato e integrato dal D.lgs 24 marzo 2006 n. 157 e d.lgs del 26 marzo 2008 n.63) È il principale riferimento normativo italiano che attribuisce al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo il compito di tutelare, conservare e valorizzare il patrimonio culturale dell’Italia. Il codice dei beni culturali e del paesaggio invita alla stesura di piani paesaggistici meglio definiti come “piani urbanistici territoriali con specifica attenzione ai valori paesaggistici”. L’art. 145 del Codice dei beni culturali ha introdotto una regola inversa a quella stabilita dalla Legge quadro n. 394/91 sulle aree naturali protette, ossia la regola della prevalenza del piano paesaggistico sul piano d’assetto del Parco. In particolare, l’art. 145, comma 3, codice cit., prevede che “le previsioni dei piani paesaggistici (…) non sono derogabili da parte di piani, programmi e progetti nazionali o regionali di sviluppo economico, sono cogenti per gli strumenti urbanistici dei comuni, delle città metropolitane e delle province, sono immediatamente prevalenti sulle disposizioni difformi eventualmente contenute negli strumenti urbanistici, stabiliscono norme di salvaguardia applicabili in attesa dell’adeguamento degli strumenti urbanistici e sono altresì vincolanti per gli interventi settoriali. Per quanto attiene alla tutela del paesaggio, le disposizioni dei piani paesaggistici sono comunque prevalenti sulle disposizioni contenute negli atti di pianificazione ad incidenza territoriale previsti dalle normative di settore, ivi compresi quelli degli enti gestori delle aree naturali protette” .

La prevalenza del piano paesaggistico trova una sua specifica disciplina anche negli articoli  142 e 143: in base all’art. 142, comma 1, lett. f) (che riprende la L. 8 agosto 1985, n. 431, c.d. legge “Galasso”) “i parchi e le riserve nazionali o regionali, nonché i territori di protezione esterna dei parchi” sono di interesse paesaggistico e, in quanto tali, sono sottoposti alle disposizioni del titolo I, parte terza del d.lgs stesso. E il secondo correttivo al d.lgs n. 42/04 chiarisce che “(…) la prevalenza dei piani paesaggistici rispetto ai piani degli enti gestori delle aree naturali protette, compresi quelli nazionali, ben si giustifica anche in considerazione della partecipazione dello Stato alla elaborazione dei piani paesaggistici con riguardo alle aree vincolate (art. 135, comma 1).(2)

25 luglio 2007 adozione Piano Territoriale Paesaggistico Regionale (che al 2018 non è ancora stato adottato, nonostante sia stato riproposto ad ogni campagna elettorale) Il nuovo Piano Territoriale Paesaggistico Regionale (PTPR) è stato adottato dalla Giunta Regionale con atti n. 556 del 25 luglio 2007 e n. 1025 del 21 dicembre 2007, ai sensi dell’art. 21, 22, 23 della legge regionale sul paesaggio n. 24/98. (> leggi tutto sul sito della Regione lazio)
Il Piano TerritorialePaesaggistico Regionale è lo strumento di pianificazione attraverso cui, nel Lazio, la Pubblica Amministrazione disciplina le modalità di governo del paesaggio, indicando le relative azioni volte alla conservazione, valorizzazione, al ripristino o alla creazione di paesaggi. Il PTPR sviluppa le sue previsioni sulla base del quadro conoscitivo dei beni del patrimonio naturale, culturale e del paesaggio della Regione Lazio, esso è redatto sulla C.T.R. 1:10.000 della Regione Lazio volo anni 1989 -1990.

(il PTPR al 2018 non è ancora stato adottato, nonostante sia stato riproposto ad ogni campagna elettorale)

10 febbraio 2010 DCR n.70 è approvato il PTP 15/12″Valle della caffarella, Appia Antica e Acquedotti” ai sensi del Codice del paesaggio. Ne consegue l’obbligo pe rl’Ente Parco regionale di conformare o adeguare il Piano alle previsioni del iano paesaggistico entro due anni dalla loro approvazione (3)

5 marzo 2010 Deliberazione di Giunta regionale n. 169, che  prevede nelle “Disposizioni Operative in merito alle procedure di VAS”, che non sono assoggettati a VAS i Piani e le loro varianti che siano stati adottati dall’organo deliberante competente prima della data di entrata in vigore del D.lgs. 4/2008

14 aprile 2010 Sul SO n. 71 al BUR n. 14  è pubblicata la deliberazione consiliare n. 70 del 10/02/2010 concernente: “Approvazione del Piano Territoriale Paesistico (PTP) di Roma 15/12 “Valle della Caffarella, Appia Antica e Acquedotti” ai sensi degli articoli 21 comma 2, 22 e 23 della L.R. 24/1998 e dell’articolo 143 del DLgs 42/04″.
Nello stesso SO è pubblicato il DVD contenente tutti gli elaborati approvati.
Il SO al BUR sopradetto è inviato Comune di Roma e della Provincia di Roma ai fini la pubblicazione di competenza ai rispettivi Albi Pretorii ai sensi dell’articolo 23 co. 6 della l.r.r24/98 insieme ad una copia cartacea degli elaborati approvati con contenuto prescrittivo. PTP di Roma Ambito 15/12 “Valle della Caffarella, Appia Antica e Acquedotti” (4)

12 agosto 2014 Modifiche alle leggi regionali 6 luglio 1998, n. 24 (Pianificazione paesistica e tutela dei beni e delle aree sottoposti a vincolo paesistico) e 11 agosto 2009, n. 21 (Misure straordinarie per il settore edilizio ed interventi per l’edilizia residenziale sociale) e successive modifiche http://www.gazzettaufficiale.it/atto/regioni/caricaDettaglioAtto/originario;jsessionid=P1jtLfReMN7r+a9w9yugJQ__.ntc-as5-guri2b?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2015-03-07&atto.codiceRedazionale=15R00111

 10 novembre 2014, Legge regionale n.1o Modifiche alle leggi regionali relative al governo del territorio, alle aree naturali protette regionali ed alle funzioni amministrative in materia di paesaggio Modifica dell’art. 26 della legge 29/97 per interventi edilizi nelle zone dei piani delle aree protette, dell’art. 57 della legge regionale 38/99, regolamentazione dei Piani di Utilizzazione Aziendale (PUA)http://www.gazzettaufficiale.it/atto/regioni/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2015-03-14&atto.codiceRedazionale=15R00113

9 aprile 2016 DECRETO Ministero Beni Culturali 9 aprile 2016 Disposizioni in materia di aree e parchi archeologici http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2016/06/28/16A04824/sg e istituti e luoghi della cultura di rilevante interesse nazionale. (16A04824)

6 ottobre 2016, n. 243/1 il  Comitato Regionale per il Territorio – struttura regionale competente in materia di aree naturali protette – (allegato D http://aulacrl.regione.lazio.it/atticonsiliari/PDC_10/index.html),con voto  trasmesso con nota 26 luglio 2017, prot. 386222, reso in seduta congiunta con la partecipazione del Direttore Regionale della Direzione Ambiente e Sistemi Naturali, nella funzione di membro esterno competente in materia ambientale, esprime  il parere favorevole all’approvazione del Piano del Parco regionale Appia Antica, proponendo modifiche ed integrazioni e espirmendosi sulle osservazioni al Piano pervenute;

23 giugno 2016, la Direzione Regionale Territorio, Urbanistica e Mobilità  invita (prot. 334224) ai sensi del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, articolo 145 comma 5  il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e la Direzione Ambiente e Sistemi Naturali a partecipare al “Tavolo tecnico interistituzionale per le attività di conformazione e adeguamento dei Piani delle Aree naturali protette ricadenti in ambiti a pianificazione paesaggistica approvata, D.Lgs. 42/04, art. 145 – Conformazione e adeguamento del Piano del Parco dell’Appia Antica ricadente in ambito di pianificazione paesaggistica approvata ai sensi del D.lgs. 42/04, art. 145”, “Tavolo tecnico” finalizzato a garantire la partecipazione degli organi ministeriali alla procedura di conformazione e adeguamento del Piano del Parco Naturale Appia Antica al Piano Territoriale Paesistico ambito 15/12 “Valle della Caffarella, Appia Antica e Acquedotti”;

10 agosto 2016 Legge Regionale  N.12 Disposizioni per la semplificazione, la competitività e lo sviluppo della Regione  – Capo IIIDisposizioni in materia di ambiente  – Art. 9 (Modifiche alle leggi regionali 6 ottobre 1997, n. 29 in materia di aree naturali protette, 10 gennaio 1995, n. 2 istitutiva dell’ARSIAL, 6 novembre 1992, n. 43 istitutiva dell’IRViT, 31 marzo 2005, n. 14 sul rischio da gas radon, 16 marzo 2015, n. 4 in materia di attività faunistico-venatoria, e successive modifiche. Disposizioni sul piano di risanamento della qualità dell’aria e sul piano stralcio per l’assetto idrogeologico)http://www.consiglio.regione.lazio.it/consiglio-regionale/?vw=leggiregionalidettaglio&id=9294&sv=vigente

7 ottobre 2016   nota prot. n. 3885,  l’Ente di Gestione Parco regionale dell’Appia Antica in merito all’attestazione di esclusione dalla procedura di VAS di cui sopra (Deliberazione di Giunta regionale n. 169/2010)

23 ottobre 2016- 18 maggio 2017 si svolge il lavoro istruttorio del Tavolo tecnico, riportato nei  verbali delle riunioni del 24 ottobre 2016, del 23 novembre 2016, del 13 dicembre 2016, del 27 febbraio 2017 e del 18 maggio 2017 eche elabora alcuni  documenti condivisi dal nucleo operativo del Tavolo tecnico

31 12 2016 – Legge regionale 2016 n.17

18 maggio 2017, il Tavolo  invia  alla Direzione Regionale Territorio Urbanistica e Mobilità (prot. 14854)   una nota  con la quale si comunica l’impossibilità di pervenire ad una piena applicazione di quanto stabilito all’art. 145, comma 5, del D.Lgs. 42/2004 e ss. mm. e ii. Nello stesso giorno il Tavolo tecnico conclude la propria attività.

23 maggio 2017  la Direzione Territorio, Urbanistica e Mobilità – Area Legislativa e Conferenze di servizi risponde  (prot. 260721) a uno  specifico quesito avanzato nell’ambito del Tavolo tecnico circa l’applicabilità delle deroghe di cui all’art. 18, comma 2, della legge regionale 6 luglio 1998, n. 24 e successive modifiche (5)  relative ai Piani Utilizzazione Aziendale (PUA) in zona agricola vincolata paesaggisticamente nel perimetro del PTP 15/12,

11 luglio 2017 approvata e pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione Lazio del 18 luglio  la Legge per la rigenerazione urbana e il recupero edilizio. scarica BUR-2017-57-3 LAZIO Rigenerazione urbana che nonostante il titolo si occupa per una parte consistente,  curiosamente,  di aree agricole  e anche di coste marittime e lacustri. (in preparazione un approfondimento su questi aspetti) scarica legge rigenerazione urbana + circolare Regione Lazio con riferimenti di legge

 25 luglio 2017, Determinazione  n. G10517 del Direttore della Direzione Regionale Ambiente e Sistemi Naturali,  (Allegato E http://aulacrl.regione.lazio.it/atticonsiliari/PDC_10/index.html ), con la quale si prende atto delle prescrizioni del Voto del CRpT n. 243/1 del 2016 e delle risultanze dell’attività del Tavolo tecnico, si formulano proposte di modifica e integrazione istruttoria alla luce di quanto emerso nell’ambito dell’attività istruttoria del Tavolo tecnico e si approva la graficizzazione delle prescrizioni del citato Voto 243/1 e delle suddette proposte di modifica e integrazione istruttoria;

10 ottobre 2017 Deliberazione della  Giunta regionale  Parco Appia Antica 10 10 2017 323257 (che decade con la  fine della consiliatura) il 4 marzo 2018

vedi Ma l’Appia Antica è molto di più di un Parco naturalistico (15 dicembre 2017)

1 dicembre 2017 Regolamento regionale  n. 29 delle attività agrituristiche ai sensi dell’articolo 9 della legge regionale 2 novembre 2006, n. 14 (Norme in materia di multifunzionalità, agriturismo e turismo rurale) e successive modificazioni http://www.regione.lazio.it/rl_main/?vw=regolamentiDettaglio&id=370&tipo=tc&nreg=&anno=&testo=

13 febbraio 2018 Viene approvata la Legge Regionale 13 febbraio 2018, n. 2  Regione Lazio “Modifiche alla legge regionale 6 luglio 1998, n. 24 (Pianificazione paesistica e tutela dei beni e delle aree sottoposti a vincolo paesistico) e successive modifiche”. scarica legge_regionale_13_febbraio_2018_n2 (4)

Il fatto quotidiano del 7 maggio 2018 pubblica l’articolo  “Due cavalli di Troia e la regione Lazio svende il territorio” in cui parla di “rischio condono mascherato” e di “Ristrutturazioni disinvolte, aperture di nuove attività, stravolgimento di manufatti storici che saranno più semplici, anche in aree delicatissime” ; Su  VAS Rodolfo Bosi parla di “vizio di legittimità costituzionale che il Governo dovrebbe impugnare presso la Corte Costituzionale”

29 marzo 2018 Il MIBACT chiede chiarimenti alla Regione Lazio in merito alla LR del 13 febbraio 2018,n.2 pianificazione paesistica e tutela dei beni e delle aree  sottoposti a vincolo paesistico. Ci risulta che la Regione risponde che le modifiche hanno introdotto una disciplina tarnsitoria  che vale solo fino all’approvazione definitiva del PTPR, e impegnandosi a introdurre, nel comma 2  la necessaria intesa con il Ministero.

24 aprile  2018 viene approvata dalla Giunta regionale la PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 10 del 3 maggio 2018 ADOTTATA DALLA GIUNTA REGIONALE CON DECISIONE N. 9 DEL 24 APRILE 2018 scarica http://aulacrl.regione.lazio.it/atticonsiliari/PDC_10/index.html (3) che sarà poi sottoposta al Consiglio (6)

_________________________________________________________________________________

(1) Piano d’assetto adottato 29 luglio 20012 – indice elaborati (di cui all’Allegato A della proposta di delibera PDC 10 proposta Delibera Regione Lazio Piano assetto appia antica)

  1. Inquadramento Territoriale delle Aree Protette
  2. Confini Attuali
  3. Vincoli Infrastrutturali
  4. Vincoli Archeologici D.Lgs 490/99 titolo I
  5. Vincoli Paesistici D.Lgs 490/99 titolo I
  6. Caratteri Fisici
  7. Complessi Litologici
  8. Caratteri Pedologici
  9. Bacini Idrografici
  10. Sistema dell’Acqua
  11. Fisionomia della Vegetazione
  12. Il Sistema Monumentale, Epoca Romana, sec. VI a,C. – V d.C.
  13. Il Sistema Monumentale, Epoca Medioevale, sec. VI d.C. – XV sec.
  14. Il Sistema Monumentale, Epoca Moderna, sec. XVI – XVIII
  15. Il Sistema Monumentale, Epoca Moderna, sec. XIX
  16. Il Sistema Monumentale, Epoca Contemporanea sec. XX
  17. Sintesi dei Valori Storico Monumentali
  18. Progetto Territoriale
  19. Progetto Paesaggio
  20. Gestione Ambientale
  21. Fruizione
  22. Zonizzazione

a) Relazione di Progetto;
b) Normativa di Piano;
c) Relazione di analisi del Sistema Ambientale; d) Relazione di analisi del Sistema Antropico;
– Tavole:- Dossier:
23. Attività Produttive
24. Attività Agricole
25. Proprietà
26. Delocalizzazione
27. Data Base Sistema Monumentale 28. Mobilità
29. Inquadramento Urbanistico
30. Paesaggio
31. Delimitazioni Catastali zona 4;

(2)Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42
Codice dei beni culturali e del paesaggio, ai sensi dell’articolo 10 della legge 6 luglio 2002, n. 137

Art. 135. Pianificazione paesaggistica
(articolo così sostituito dall’art. 2 del d.lgs. n. 63 del 2008)

1. Lo Stato e le regioni assicurano che tutto il territorio sia adeguatamente conosciuto, salvaguardato, pianificato e gestito in ragione dei differenti valori espressi dai diversi contesti che lo costituiscono. A tale fine le regioni sottopongono a specifica normativa d’uso il territorio mediante piani paesaggistici, ovvero piani urbanistico-territoriali con specifica considerazione dei valori paesaggistici, entrambi di seguito denominati: “piani paesaggistici”. L’elaborazione dei piani paesaggistici avviene congiuntamente tra Ministero e regioni, limitatamente ai beni paesaggistici di cui all’articolo 143, comma 1, lettere b), c) e d), nelle forme previste dal medesimo articolo 143.

2. I piani paesaggistici, con riferimento al territorio considerato, ne riconoscono gli aspetti e i caratteri peculiari, nonché le caratteristiche paesaggistiche, e ne delimitano i relativi ambiti.

3. In riferimento a ciascun ambito, i piani predispongono specifiche normative d’uso, per le finalità indicate negli articoli 131 e 133, ed attribuiscono adeguati obiettivi di qualità.

4. Per ciascun ambito i piani paesaggistici definiscono apposite prescrizioni e previsioni ordinate in particolare:

a) alla conservazione degli elementi costitutivi e delle morfologie dei beni paesaggistici sottoposti a tutela, tenuto conto anche delle tipologie architettoniche, delle tecniche e dei materiali costruttivi, nonché delle esigenze di ripristino dei valori paesaggistici;
b) alla riqualificazione delle aree compromesse o degradate;
c) alla salvaguardia delle caratteristiche paesaggistiche degli altri ambiti territoriali, assicurando, al contempo, il minor consumo del territorio;
d) alla individuazione delle linee di sviluppo urbanistico ed edilizio, in funzione della loro compatibilità con i diversi valori paesaggistici riconosciuti e tutelati, con particolare attenzione alla salvaguardia dei paesaggi rurali e dei siti inseriti nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Art. 142. Aree tutelate per legge
(articolo così sostituito dall’art. 12 del d.lgs. n. 157 del 2006, poi modificato dall’art. 2 del d.lgs. n. 63 del 2008)

1. Sono comunque di interesse paesaggistico e sono sottoposti alle disposizioni di questo Titolo:

a) i territori costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i terreni elevati sul mare;
b) i territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sui laghi;
c) i fiumi, i torrenti, i corsi d’acqua iscritti negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, approvato con regio decreto 11 dicembre 1933, n. 1775, e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna;
d) le montagne per la parte eccedente 1.600 metri sul livello del mare per la catena alpina e 1.200 metri sul livello del mare per la catena appenninica e per le isole;
e) i ghiacciai e i circhi glaciali;
f) i parchi e le riserve nazionali o regionali, nonché i territori di protezione esterna dei parchi;
g) i territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, come definiti dall’articolo 2, commi 2 e 6, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 227;
h) le aree assegnate alle università agrarie e le zone gravate da usi civici;
i) le zone umide incluse nell’elenco previsto dal d.P.R. 13 marzo 1976, n. 448;
l) i vulcani;
m) le zone di interesse archeologico.

2. La disposizione di cui al comma 1, lettere a), b), c), d), e), g), h), l), m), non si applica alle aree che alla data del 6 settembre 1985:

a) erano delimitate negli strumenti urbanistici, ai sensi del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, come zone territoriali omogenee A e B;
b) erano delimitate negli strumenti urbanistici ai sensi del decreto ministeriale 2 aprile 1968, n. 1444, come zone territoriali omogenee diverse dalle zone A e B, limitatamente alle parti di esse ricomprese in piani pluriennali di attuazione, a condizione che le relative previsioni siano state concretamente realizzate;
c) nei comuni sprovvisti di tali strumenti, ricadevano nei centri edificati perimetrati ai sensi dell’articolo 18 della legge 22 ottobre 1971, n. 865.

3. La disposizione del comma 1 non si applica, altresì, ai beni ivi indicati alla lettera c) che la regione abbia ritenuto in tutto o in parte, irrilevanti ai fini paesaggistici includendoli in apposito elenco reso pubblico e comunicato al Ministero. Il Ministero, con provvedimento motivato, può confermare la rilevanza paesaggistica dei suddetti beni. Il provvedimento di conferma è sottoposto alle forme di pubblicità previste dall’articolo 140, comma 4.

4. Resta in ogni caso ferma la disciplina derivante dagli atti e dai provvedimenti indicati all’articolo 157.

Capo III – Pianificazione paesaggistica

Art. 143. Piano paesaggistico
(articolo così sostituito dall’art. 2 del d.lgs. n. 62 del 2008)

1. L’elaborazione del piano paesaggistico comprende almeno:

a) ricognizione del territorio oggetto di pianificazione, mediante l’analisi delle sue caratteristiche paesaggistiche, impresse dalla natura, dalla storia e dalle loro interrelazioni, ai sensi degli articoli 131 e 135;
b) ricognizione degli immobili e delle aree dichiarati di notevole interesse pubblico ai sensi dell’articolo 136, loro delimitazione e rappresentazione in scala idonea alla identificazione, nonché determinazione delle specifiche prescrizioni d’uso, a termini dell’articolo 138, comma 1, fatto salvo il disposto di cui agli articoli 140, comma 2, e 141-bis;
c) ricognizione delle aree di cui al comma 1 dell’articolo 142, loro delimitazione e rappresentazione in scala idonea alla identificazione, nonché determinazione di prescrizioni d’uso intese ad assicurare la conservazione dei caratteri distintivi di dette aree e, compatibilmente con essi, la valorizzazione;
d) eventuale individuazione di ulteriori immobili od aree, di notevole interesse pubblico a termini dell’articolo 134, comma 1, lettera c), loro delimitazione e rappresentazione in scala idonea alla identificazione, nonché determinazione delle specifiche prescrizioni d’uso, a termini dell’articolo 138, comma 1;
e) individuazione di eventuali, ulteriori contesti, diversi da quelli indicati all’articolo 134, da sottoporre a specifiche misure di salvaguardia e di utilizzazione;
f) analisi delle dinamiche di trasformazione del territorio ai fini dell’individuazione dei fattori di rischio e degli elementi di vulnerabilità del paesaggio, nonché comparazione con gli altri atti di programmazione, di pianificazione e di difesa del suolo;
g) individuazione degli interventi di recupero e riqualificazione delle aree significativamente compromesse o degradate e degli altri interventi di valorizzazione compatibili con le esigenze della tutela;
h) individuazione delle misure necessarie per il corretto inserimento, nel contesto paesaggistico, degli interventi di trasformazione del territorio, al fine di realizzare uno sviluppo sostenibile delle aree interessate;
i) individuazione dei diversi ambiti e dei relativi obiettivi di qualità, a termini dell’articolo 135, comma 3.

2. Le regioni, il Ministero ed il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare possono stipulare intese per la definizione delle modalità di elaborazione congiunta dei piani paesaggistici, salvo quanto previsto dall’articolo 135, comma 1, terzo periodo. Nell’intesa è stabilito il termine entro il quale deve essere completata l’elaborazione del piano. Il piano è oggetto di apposito accordo fra pubbliche amministrazioni, ai sensi dell’articolo 15 della legge 7 agosto 1990, n. 241. L’accordo stabilisce altresì i presupposti, le modalità ed i tempi per la revisione del piano, con particolare riferimento all’eventuale sopravvenienza di dichiarazioni emanate ai sensi degli articoli 140 e 141 o di integrazioni disposte ai sensi dell’articolo 141-bis. Il piano è approvato con provvedimento regionale entro il termine fissato nell’accordo. Decorso inutilmente tale termine, il piano, limitatamente ai beni paesaggistici di cui alle lettere b), c) e d) del comma 1, è approvato in via sostitutiva con decreto del Ministro, sentito il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

3. Approvato il piano paesaggistico, il parere reso dal soprintendente nel procedimento autorizzatorio di cui agli articoli 146 e 147 è vincolante in relazione agli interventi da eseguirsi nell’ambito dei beni paesaggistici di cui alle lettere b), c) e d) del comma 1, salvo quanto disposto al comma 4, nonché quanto previsto dall’articolo 146, comma 5.

4. Il piano può prevedere:

a) la individuazione di aree soggette a tutela ai sensi dell’articolo 142 e non interessate da specifici procedimenti o provvedimenti ai sensi degli articoli 136, 138, 139, 140, 141 e 157, nelle quali la realizzazione di interventi può avvenire previo accertamento, nell’ambito del procedimento ordinato al rilascio del titolo edilizio, della conformità degli interventi medesimi alle previsioni del piano paesaggistico e dello strumento urbanistico comunale;
b) la individuazione delle aree gravemente compromesse o degradate nelle quali la realizzazione degli interventi effettivamente volti al recupero ed alla riqualificazione non richiede il rilascio dell’autorizzazione di cui all’articolo 146.

5. L’entrata in vigore delle disposizioni di cui al comma 4 è subordinata all’approvazione degli strumenti urbanistici adeguati al piano paesaggistico, ai sensi dell’articolo 145, commi 3 e 4.

6. Il piano può anche subordinare l’entrata in vigore delle disposizioni che consentono la realizzazione di interventi senza autorizzazione paesaggistica, ai sensi del comma 4, all’esito positivo di un periodo di monitoraggio che verifichi l’effettiva conformità alle previsioni vigenti delle trasformazioni del territorio realizzate.

7. Il piano prevede comunque che nelle aree di cui al comma 4, lettera a), siano effettuati controlli a campione sugli interventi realizzati e che l’accertamento di significative violazioni delle previsioni vigenti determini la reintroduzione dell’obbligo dell’autorizzazione di cui agli articoli 146 e 147, relativamente ai comuni nei quali si sono rilevate le violazioni.

8. Il piano paesaggistico può individuare anche linee-guida prioritarie per progetti di conservazione, recupero, riqualificazione, valorizzazione e gestione di aree regionali, indicandone gli strumenti di attuazione, comprese le misure incentivanti.

9. A far data dall’adozione del piano paesaggistico non sono consentiti, sugli immobili e nelle aree di cui all’articolo 134, interventi in contrasto con le prescrizioni di tutela previste nel piano stesso. A far data dalla approvazione del piano le relative previsioni e prescrizioni sono immediatamente cogenti e prevalenti sulle previsioni dei piani territoriali ed urbanistici.

(3) PTP di Roma Ambito 15/12 “Valle della Caffarella, Appia Antica e Acquedotti”

Articolo 145 del Decreto Legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 – Codice dei beni culturali e del paesaggio  detta le disposizioni per il coordinamento della pianificazione paesaggistica con gli strumenti di pianificazione territoriale, e in particolare il comma 5 del medesimo Decreto che stabilisce che “la regione disciplina il procedimento di conformazione e adeguamento degli strumenti urbanistici alle previsioni della pianificazione paesaggistica, assicurando la partecipazione degli organi ministeriali al procedimento medesimo

(3)PTP di Roma Ambito 15/12 “Valle della Caffarella, Appia Antica e Acquedotti”

Sul SO n. 71 al BUR n. 14 del 14 aprile 2010 è pubblicata la deliberazione consiliare n. 70 del 10/02/2010 concernente: “Approvazione del Piano Territoriale Paesistico di Roma 15/12 “Valle della Caffarella, Appia Antica e Acquedotti” ai sensi degli articoli 21 comma 2, 22 e 23 della L.R. 24/1998 e dell’articolo 143 del DLgs 42/04″.
Nello stesso SO è pubblicato il DVD contenente tutti gli elaborati approvati.
Il SO al BUR sopradetto è inviato Comune di Roma e della Provincia di Roma ai fini la pubblicazione di competenza ai rispettivi Albi Pretorii ai sensi dell’articolo 23 co. 6 della l.r.r24/98 insieme ad una copia cartacea degli elaborati approvati con contenuto prescrittivo.

(4) scarica LR 24_1998

Art. 18
(Aziende agricole in aree vincolate)

1. Nell’ambito delle aziende agricole, condotte sia in forma singola che associata, ubicate in aree sottoposte a vincolo ai sensi delle ll. 1497/1939 e 431/1985 e comunque classificate dai PTP o dal PTPR, è consentita la realizzazione di manufatti, strettamente funzionali e dimensionati all’attività agricola e/o alla relativa trasformazione dei prodotti provenienti dalle aziende stesse per almeno il 75 per cento, anche mediante ampliamenti dei fabbricati esistenti, nonché la costruzione di piccoli ricoveri per attrezzi. Nelle aree classificate nei PTP o nel PTPR al massimo livello di tutela, le nuove costruzioni sono consentite solo se non sono possibili o ammissibili ampliamenti dei fabbricati esistenti.

2. Gli interventi di cui al presente articolo sono subordinati, se in deroga alle norme dei PTP, del PTPR e/o della presente legge, all’approvazione, da parte dell’organo competente, del piano di utilizzazione aziendale (PUA), secondo le modalità indicate con deliberazione della Giunta regionale e sono corredati del SIP (studio di inserimento paesistico)  di cui agli articoli 29* e 30*.

*Art. 29
(Opere e piani da corredare con SIP)

1. Nelle zone vincolate ai sensi delle ll. 1497/1939 e 431/1985 debbono essere accompagnati da SIP i progetti relativi a:
a) le opere in deroga previste dalla presente legge;
b) tutti i piani urbanistici attuativi alla cui formazione i singoli PTP o il PTPR subordinano il rilascio delle autorizzazioni e dei pareri ai sensi della l. 1497/1939;

c) le opere e le attività per le quali la presente legge lo preveda nonché le seguenti opere ed attività che risultino consentite dalla normativa dei PTP o del PTPR e quando non sottoposte alla procedura di VIA:
1) strade carrabili esterne ai centri urbani con carreggiata superiore a ml. 5,50;

2) dighe ed altre opere idrauliche di grande portata;
3) utilizzazione, a scopo industriale, di aree con superficie superiore a cinque ettari;
4) impianti industriali ubicati fuori dalle aree già attrezzate e previste negli strumenti urbanistici, che impegnino una superficie del lotto di pertinenza superiore a due ettari;
5) impianti zootecnici per allevamenti superiori a:
a) 250 UBA (unità bovino adulto);
b) 10.000 capi per avicunicoli;
c) 100 scrofe per suini;
6) elettrodotti di elevata potenza e grandi impianti e attrezzature per telecomunicazioni e diffusioni radiotelevisive che richiedano la costruzione di grandi strutture di supporto (piloni e tralicci);

7) gasdotti ed acquedotti che non riguardino la distribuzione locale;
8) porti turistici ed approdi di media e grande dimensione anche dei canali navigabili;
9) interventi di adeguamento di impianti ferroviari;
10) attività o modalità d’uso del suolo con conseguenze rilevanti sulle qualità ambientali e paesistiche del luogo quali depuratori, depositi nocivi, discariche pubbliche, depositi di materiali per esposizione o rivendita comprese macchine o automobili soprattutto se a cielo aperto, attività di autodemolizione compresi depositi di macchinari nuovi o usati, attività di rottamazione e deposito di rottami di ogni genere;
11) aeroporti, eliporti, autoporti, piste per corse automobilistiche e motoristiche, piste per go-kart, piste per motocross, centri merci, centri intermodali, impianti di risalita.

Art. 30
(Studio di Inserimento Paesistico – SIP)

1. Per le opere e le attività di cui all’articolo 29, comma 1, lettere a) e c), il SIP costituisce documentazione essenziale della valutazione di compatibilità paesistica per il rilascio delle autorizzazioni ai sensi della l. 1497/1939; a tale scopo il SIP deve contenere le seguenti informazioni ed analisi commisurate alla entità delle modificazioni ambientali e paesistiche prodotte dalle opere da realizzare:

a) descrizione della morfologia dei luoghi ove è prevista la realizzazione dell’intervento o dell’attività;
b) descrizione, relativa sia all’ambito oggetto dell’intervento o dell’attività sia ai luoghi circostanti, dello stato iniziale dell’ambiente e delle specifiche componenti paesistiche da tutelare, con riguardo alla specificità del bene sottoposto a tutela e con particolare riferimento ai valori dell’ambiente naturale, dei beni storici e culturali, degli aspetti percettivi e semiologici, della pedologia dei suoli e delle potenzialità agricole, del rischio geologico;

c) caratteristiche del progetto e indicazione delle motivazioni che hanno portato alla scelta del luogo per l’intervento in oggetto rispetto alle possibili alternative di localizzazione;
d) misure proposte per l’attenuazione e la compensazione degli effetti ineliminabili.

2. Per i piani urbanistici attuativi di cui all’articolo 29, comma 1, lettera b), il SIP costituisce documentazione essenziale affinché gli stessi assumano valenza paesistica ai sensi dell’articolo 28, comma 1 e deve contenere, sintetizzate in elaborati redatti in scala adeguata, precise considerazioni relativamente a:

a) relazioni tra il piano attuativo e gli strumenti di pianificazione vigenti;
b) individuazione dell’ambito territoriale del piano con descrizione delle caratteristiche geomorfologiche;
c) descrizione dello stato iniziale dell’ambiente e delle specifiche componenti paesistiche da tutelare;
d) collocazione nel contesto urbano con individuazione delle relazioni spaziali e visive tra il piano ed il tessuto edilizio esistente anche in rapporto con il paesaggio, naturale o antropizzato, circostante;
e) individuazione delle azioni o prescrizioni tese alla conservazione, alla valorizzazione ed al recupero delle qualità peculiari del bene o dei luoghi cui subordinare l’attuazione degli interventi; f) individuazione, con particolare riferimento agli interventi da attuare nei centri storici o in zone a questi limitrofe o visivamente interferenti con essi, delle prescrizioni tese a evitare la continuità tra nuove realizzazioni e gli organismi urbani storici facilitandone la percezione nonché gli squilibri dimensionali sia nel caso di edifici pubblici che privati, nel rispetto delle tipologie e dei valori

estetici tradizionali, con specifico riferimento ai particolari costruttivi, alle finiture ed alle coloriture;
g) individuazione, con particolare riferimento agli interventi da attuare nelle zone non urbanizzate, delle motivazioni della localizzazione e delle azioni e prescrizioni tese ad attenuare gli effetti ineliminabili sul paesaggio.

3. Ai fini della redazione del SIP la Giunta regionale, sentita la competente commissione consiliare permanente, approva, entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, apposite direttive.

4. In ogni caso, per le opere, le attività ed i piani di cui all’articolo 29, comma 1, lettere a), b) e c) il SIP deve contenere una valutazione della compatibilità delle trasformazioni proposte in rapporto alla finalità specifica di tutela ambientale e paesistica stabilita per i beni o per gli ambiti, attribuendo a detta finalità preminente rilievo ponderale nelle operazioni di valutazione.

(4) Art.1 comma 1. Il comma 4 dell’articolo 9 della l.r. 24/1998 è sostituito dal seguente:
“4. Fino all’approvazione del PTPR la disciplina di tutela dei beni paesaggistici di cui al presente articolo si attua mediante le previsioni contenute nei piani delle aree naturali protette qualora definitivamente approvati dal Consiglio regionale.”

Art. 2 comma 1. All’articolo 21 comma 1 della l.r. 24/1998 le parole: “Entro il 14 febbraio 2018” sono sostituite dalle seguenti: “Entro il 14 febbraio 2019”.

comma 2. Ai fini dell’adeguamento dell’attuale rappresentazione dello stato del territorio regionale, necessaria alla modifica del Piano territoriale paesistico regionale (PTPR) e nelle more dell’approvazione del medesimo Piano, la Regione procede tramite le proprie strutture competenti, all’aggiornamento della base cartografica del PTPR adottato, con riferimento alla Carta dell’uso del suolo di cui alla deliberazione della Giunta regionale 28 marzo 2000, n. 953 come aggiornata dal volo 2014 e pubblicata sul portale cartografico della Regione. L’aggiornamento della base cartografica del PTPR determina la modifica d’ufficio, da parte della direzione regionale competente, della serie delle Tavole A e B del medesimo PTPR.

A. RELAZIONI E NORMATIVA
Relazione di Progetto (Relazione generale di Progetto con Appendice) – come da DCD Ente

Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

Normativa di Piano (Norme) – come da Determinazione del Direttore Ambiente e Sistemi Naturali n. G10517/2017

Relazione di Analisi del Sistema Ambientale (Relazione di analisi ambientale) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

Relazione di Analisi del Sistema Antropico (Relazione di analisi antropica) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

B. CARTE DI ANALISI
1. Inquadramento Territoriale delle Aree Protette (Tav. a-inq-1) – come da DCD Ente

Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

2. Confini Attuali (Tav. a-inq-2 I confini amministrativi) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

3. Vincoli Infrastrutturali (Tav. a-ant-3 I vincoli infrastrutturali) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

6. Caratteri Fisici (Tav. a-amb-6 I caratteri fisici) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

7. Complessi Litologici (Tav. a-amb-7 I complessi litologici) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

8. Caratteri Pedologici (Tav. a-amb-8 I caratteri pedologici) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

9. Bacini Idrografici (Tav. a-amb-9 I bacini idrografici) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

10. Sistema dell’Acqua (Tav. a-amb-10 Il sistema dell’acqua) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

11. Fisionomia della Vegetazione (Tav. a-amb-11 Carta fisionomica della vegetazione) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

12. Il Sistema Monumentale, Epoca Romana, sec. VI a.C – V d.C. (Tav. a-ant-12 Epoca Romana (IV sec. a.C. – VI sec. d.C.) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

13. Il Sistema Monumentale, Epoca Medievale, sec. VI d.C – XV sec. (Tav. a-ant-13 Epoca Medievale (VI sec. – XV sec.) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

14. Il Sistema Monumentale, Epoca Moderna, sec. XVI – XVIII (Tav. a-ant-14 Epoca Moderna (XV sec. – XVIII sec.) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

15. Il Sistema Monumentale, Epoca Moderna, sec. XIX (Tav. a-ant-15 Epoca Moderna (XIX sec.) ) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

16. Il Sistema Monumentale, Epoca Contemporanea, sec. XX (Tav. a-ant-16 Epoca Contemporanea) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

17. Sintesi dei Valori Storico Monumentali (Tav. a-ant-17 Sintesi dei valori storico-monumentali) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

C. CARTE DI PROGETTO

Tavole progettuali

p-pro-1 – Il progetto territoriale – come da Determinazione del Direttore Ambiente e Sistemi Naturali n. G10517/2017

p-pro-2 – Il restauro del paesaggio – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

Tavole gestionali

p-ges-1 – La gestione ambientale (con Allegato) – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

p-ges-2 – La fruizione – come da Determinazione del Direttore Ambiente e Sistemi Naturali n. G10517/2017

Tavole prescrittive

p-pre-1 – La zonizzazione – come da Determinazione del Direttore Ambiente e Sistemi Naturali n. G10517/2017

D. DOSSIER
D1 – Attività Produttive – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

D2 – Attività Agricole – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

D3 – Proprietà – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

D4 – Delocalizzazione – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

D5 – Data Base Sistema Monumentale – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

D6 – Mobilità – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002
D7 – Inquadramento Urbanistico – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica

n.17/2002

D8 – Paesaggio – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

D9 – Delimitazioni Catastali Zona 4 – come da DCD Ente Parco Regionale dell’Appia Antica n.17/2002

GLI ALLEGATI ALLA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 10 DEL 3 MAGGIO 2018 SONO DISPONIBILI AL SEGUENTE COLLEGAMENTO INFORMATICO: http://aulacrl.regione.lazio.it/atticonsiliari/PDC_10/index.html

la  Proposta  era già stata oggetto di una Delibera di Giunta dell’ottobre 2017 poi decaduta per la fine della consiliatura Scarica  Delib giunta reg parco appia 10 10 2017 323257

La Giunta ritiene di pronuciarsi (sintesi) “alla luce di quanto emerso dai lavori del Tavolo tecnico, confermando le proposte di modifica degli elaborati del Piano del Parco regionale dell’Appia Antica, consistenti in correzioni di errori materiali e precisazioni del testo delle NTA e limitate proposte di modifica della zonizzazione, di cui alla Determinazione 25 luglio 2017,  e  per tutto quanto non oggetto delle proposta di modifica in esito ai lavori del Tavolo tecnico,  confermando i contenuti del Voto del Comitato Regionale per il Territorio 06 ottobre 2017, n. 243/1; sulle osservazioni pervenute al Piano, in conformità con quanto espresso in merito alle medesime osservazioni dal CRpT ; in base all’articolo 1, comma 147, della legge regionale 13 agosto 2011, n. 12 che stabilisce per le disposizioni in materia di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) di applicare quanto disposto dalla deliberazione della Giunta regionale 5 marzo 2010, n. 169 che al paragrafo 1.3 – Ambito di Applicazione al punto 7 lett. o) dell’Allegato “Disposizioni operative in merito alle procedure di V.A.S.” esclude dalla procedura “i Piani/Programmi e le loro varianti che siano stati adottati dall’organo deliberante competente prima della data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 4/2008”;

 

vedi anche  Luca De Lucia Piani paesaggistici e piani per i parchi. Proposta per una razionale divisione del lavoro amministrativo in RIVISTA GIURIDICA DI URBANISTICA. Vol. 1. Pag.72-83 scarica piano paesaggistico e piano del parco (Luca De Lucia)

– Art. 13  L.394/1991 http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/1991/12/13/091G0441/sg

ART. 13. Nulla osta
1.  Il  rilascio  di  concessioni  o   autorizzazioni   relative   ad
interventi, impianti ed opere all'interno del parco e' sottoposto  al
preventivo nulla osta dell'Ente parco.  Il  nulla  osta  verifica  la
conformita' tra  le  disposizioni  del  piano  e  del  regolamento  e
l'intervento ed  e'  reso  entro  sessanta  giorni  dalla  richiesta ...etc