Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

La legge sulla legittima difesa esiste già, funziona e i casi citati da Salvini non c’entrano niente

video Salvini Bari da fb

video Salvini Bari da fb

Oggi 6 marzo alla Camera dei Deputati è stata   approvatoa la proposta di legge: Modifiche al codice penale e altre disposizioni in materia di legittima difesa (Approvata, in un testo unificato, dal Senato) (C. 1309-A e abb.).
 Il centrodestra esulta mentre si consuma uno strappo, seppur silenzioso, con il Movimento 5 Stelle: venticinque deputati non hanno votato rimanendo in Transatlantico ed entrando in aula solo dopo la proclamazione del voto. Dai tabulati risulta che 29 deputati di M5s sono «in missione» e quindi sono assenti giustificati; altri 25 non hanno invece partecipato al voto. Il commento del capogruppo M5S alla Camera Francesco D’Uva: «Che nessuno si metta in testa che con questa legge ci sarà il Far West. Ci sarà sempre un’indagine e spetterà sempre al giudice valutare la legittimità della difesa. Una cosa è certa: è compito delle forze dell’ordine tutelare i cittadini e la loro sicurezza. Con questa legge di sicuro i processi sulla legittima difesa saranno più veloci». Il disegno di legge che varrà, oltre che nel proprio domicilio, anche in ogni altro luogo dove viene esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale , mira a eliminare ogni residuo spazio di discrezionalità da parte del giudice nella valutazione della proporzionalità tra la difesa e offesa, perché si stabilisce che la difesa si considera “sempre” proporzionata all’offesa. Va ricordato che già nell’aprile 2017 la precedente maggioranza aveva approvato alla Camera una  nuova legge che considera legittima difesa la reazione a un’aggressione in casa, in negozio o in ufficio commessa di notte o all’introduzione con violenza, minaccia o inganno ( on 225 a favore (Pd, Ap, Civici e innovatori), i no, per motivi oposti  166 (M5s, Forza Italia, Lega Nord, Fratelli d’Italia, Sinistra Italiana e Mdp). Pubblichiamo un articolo di Valigia Blu. (AMBM)
scarica il testo licenziato dal Senato approvato alla Camera legittima-difesa-primo-si-del-senato-alla-riforma
La legge sulla legittima difesa esiste già, funziona e i casi citati da Salvini non c’entrano niente
di Andrea Zitelli
da Valigia Blu 27 febbraio 2019

Uscendo dal carcere di Piacenza, dopo aver incontrato l’imprenditore Angelo Peveri (e il suo dipendente Gheorge Botezatu) in cella dopo la condanna definitiva per il tentato omicidio di una delle persone che nel 2011 avevano tentato di rubare del carburante da uno dei suoi mezzi, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha dichiarato che il caso mostra qualcosa di ingiusto: «Perché che sia in galera l’imprenditore che si è difeso dopo 100 furti e rapine e sia a spasso il rapinatore in attesa di un risarcimento di danni, mi dice che bisogna cambiare presto e bene le leggi». Il ministro inoltre è poi tornato a parlare di “legittima difesa”: «La legge che approveremo non va indietro ma guarda avanti, non è l’invito a nessuno a farsi giustizia da soli. Ma se io vengo aggredito o minacciato a casa mia, nella mia azienda, nel mio negozio, nel mio bar, ho diritto di difendermi, senza passare come in questo caso nove anni per i tribunali di mezza Italia».
Le parole del ministro dell’Interno hanno provocato la reazione dell’Associazione Nazionale Magistrati. La giunta esecutiva centrale dell’ANM ha infatti sottolineato quali sono “i compiti che la Costituzione assegna a ciascuna istituzione”: “Le decisioni in merito alle modalità e alla durata di una pena detentiva spettano non al Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che oggi ha fatto visita a un detenuto condannato con sentenza passata in giudicato, ma solo alla magistratura, che emette le sentenze in modo rigoroso e applicando le leggi dello Stato”. “Ogni tentativo di stravolgere queste regole – continua l’ANM – rende un cattivo servizio e veicola una messaggio sbagliato ai cittadini, viola le prerogative della magistratura, delegittima il sistema giudiziario ed è contrario allo Stato di diritto e ai principi costituzionali, al cui rispetto dovrebbero concorrere tutti, specialmente chi ricopre importanti incarichi di Governo”. Questa posizione, però, è stata criticata da Magistratura Indipendente, una delle correnti dell’ANM, che ha ritenuto al contrario che le parole di Salvini “in nessuna parte (…) sono apparse lesive dell’operato dei magistrati, che hanno agito sulla base delle leggi attualmente vigenti”. Ma anche l’accostamento tra il caso giudiziario dell’imprenditore Peveri e l’istituto giuridico della “legittima difesa” è stato criticato, questa volta all’unanimità, da parte dell’ANM dell’Emilia Romagna: “Il caso riguarda la condanna passata in giudicato per tentato omicidio nel quale non è mai stata invocata, neanche dall’imputato condannato, la ricorrenza della scriminante della legittima difesa. Fermo il diritto dei Ministri e dei Parlamentari di fare visita a soggetti detenuti e senza voler entrare in un ambito politico che non ci compete, nel caso di specie, come è stato accertato in via irrevocabile, non si è trattato di una reazione ad un’aggressione in atto, ma di una rappresaglia commessa in assenza di pericolo a cose e persone”.
Per l’associazione magistrati, così, “il messaggio veicolato rischia di accreditare presso l’opinione pubblica l’idea che siano leciti comportamenti che in realtà violano le regole più basilari della convivenza civile e del nostro ordinamento, penale e costituzionale, con il pericolo di emulazione e di ulteriori problematiche per l’incolumità sociale e per l’ordine pubblico”. Il caso giudiziario di Peveri e perché non c’entra la legittima difesa In effetti, ricostruendo la vicenda giudiziaria dell’imprenditore emiliano, il richiamo alla legittima difesa, come fatto dal ministro dell’Interno, non risulta corretto.
La vicenda risale a 8 anni fa. Il 6 ottobre 2011 sui media viene pubblicata la notizia che a Ponte Tidone, nei pressi di Borgonovo nella Valtidone, “un ladro di carburante è stato seriamente ferito al petto dalla fucilata di un imprenditore il quale sostiene di aver sparato per errore”. Quattro anni dopo, il 27 aprile 2015, Peveri, che agli investigatori aveva anche detto di essere esasperato dei continui furti che stava subendo in quel periodo, viene condannato in primo grado, con rito abbreviato, per tentato omicidio a quattro anni e sei mesi di reclusione. Insieme a lui viene anche condannato un suo dipendente, Gheorghe Botezatu, presente sulla scena, a 4 anni e due mesi per tentato omicidio in concorso. L’avvocato Paolo Fiori dell’imprenditore si era detto sorpreso per una “sentenza così pesante”: «A nostro avviso si sarebbe dovuto derubricare il reato in lesioni colpose visto che l’accidentalità di quanto accaduto ci poteva stare davvero». Nello stesso tempo, le persone che la notte di ottobre 2011 avevano tentato di rubare il carburante, tra cui Dorel Jucan, l’uomo ferito al petto dal colpo di fucile di Peveri, patteggiano una pena di 10 mesi e 20 giorni. Quattro anni dopo, il 16 febbraio 2019, la Cassazione conferma le condanne di Peveri e del suo dipendente. L’imprenditore, nel commentare la sentenza, dichiara: «Non lo rifarei. Ma penso che debba essere lo Stato a dover metterci nelle condizioni di non farlo».
Su Repubblica Piero Colaprico ha ricostruito cosa emerge dalle carte del processo che hanno portato alla condanna definitiva. Nella serata del 5 ottobre 2011 Dorel Jucan, Florin Bichiu e Andrei Viorel Ucrainet si recano sul greto del torrente Tidone, a Mottazziana, frazione di Borgonovo Val Tidone, in provincia di Piacenza, perché sotto il ponte della provinciale 11 si trova l’escavatore di Angelo Peveri. L’imprenditore ha infatti vinto l’appalto dei lavori sul greto. I tre tentano di rubare il carburante, ma scatta l’allarme e un avviso arriva sul cellulare di Peveri. A questo punto l’imprenditore avverte “il figlio Luigi, che sta nella sua stanza, e per telefono convoca un dipendente”, cioè Gheorghe Botezatu. Circa dieci minuti dopo, Perveri arriva nei pressi del cantiere: “Dal ponte sul Tidone spara più volte. «In aria», dice lui. Però Ucrainet, uno dei ladri, ha una ferita al gomito: interrogato a caldo dai carabinieri, senza sapere dell’amico ferito, sostiene di essere stato colpito mentre se la filava nei campi. Gli altri due, Florin Bichiu e Dorel Jucan, attraversano spaventati l’acqua del Tidone, senonché Jucan ci ripensa. Vuole recuperare la Passat, l’ha lasciata vicino al cantiere”. A questo punto, secondo la versione che l’imprenditore ha fornito agli inquirenti, dopo il passaggio sul ponte, va nel cantiere, dove era tutto buio e l’unica luce era quella «del faretto montato sulla canna» del fucile a pompa. A un tratto sarebbe poi sbucata una «sagoma umana» e l’imprenditore spaventato, scivola e «per non autolesionarmi (…) mi irrigidivo di scatto tanto da avere una contrattura del dito appoggiato sul grilletto, a causa di tale movimento partiva un colpo di fucile, dopodiché cadevo a terra e non vedevo più». Il racconto di Dorel Jucan è però differente: l’operaio chiamato da Peveri lo blocca e lo fa mettere in ginocchio, con le mani dietro la nuca. In questa posizione, viene colpito alle braccia. In un secondo momento arriva l’imprenditore che afferra l’uomo per il collo, facendogli sbattere la testa a terra e sparando poi due colpi. “Il primo a vuoto – racconta Colaprico –, il secondo centra il giovane nella parte destra del petto. Le ferite di Jucan sono perfettamente sovrapponibili al suo racconto, dalle escoriazioni sul collo ai lividi sulla testa. Sul terreno si trova il suo orologio Cromotech, con cinturino rotto sotto i colpi”. Questa dinamica viene anche confermata dal procuratore di Piacenza, Salvatore Cappelleri. A la Repubblica, il magistrato chiarisce innanzitutto che in questo caso la legittima difesa non c’entra nulla. Gli stessi avvocati di Peveri non ne hanno mai parlato: «Hanno detto che partì un solo colpo perché Peveri scivolò. Una ricostruzione che però è stata esclusa in tutti e tre i gradi di giudizio». Cappellerri ricostruisce i fatti stabiliti durante il processo: «Dorel, la vittima, fu fatto inginocchiare con le mani dietro la nuca, poi fu colpito più volte al braccio con un corpo contundente, che non è mai stato ritrovato, tant’è che si ruppe l’orologio trovato poi sul terreno. Peveri sparò dall’alto verso il basso, come dicono le perizie, due colpi di fucile di cui uno colpì Dorel al petto». Cappelleri aggiunge così che nella sentenza di appello si parla di esecuzione: «Usa questa definizione nel quantificare l’anticipo sul risarcimento. Per dare un’idea del danno morale, cioè della paura di essere ucciso, parla di una esecuzione della vittima». La legittima difesa in Italia e cosa dicono i dati a disposizione La Lega, con lo slogan “La difesa è sempre legittima”, ha presentato un riforma della “legittima difesa”. Il disegno di legge, spiega Altalex, – che varrà, oltre che nel proprio domicilio, anche in ogni altro luogo dove viene esercitata un’attività commerciale, professionale o imprenditoriale –, mira a eliminare ogni residuo spazio di discrezionalità da parte del giudice nella valutazione della proporzionalità tra la difesa e offesa, perché si stabilisce che la difesa si considera “sempre” proporzionata all’offesa. Ieri, la discussione sul disegno di legge è stato rinviata dalla maggioranza alla prossima settimana.
Per chi volesse approfondire come funziona attualmente la legittima difesa e cosa prevede nel dettaglio la riforma proposta dalla Lega, ecco il nostro articolo: C’è davvero bisogno di una riforma della legittima difesa?
Rispetto però a una nuova modifica di questo istituto giuridico, diversi magistrati, avvocati e professori di diritto penale hanno affermato che non c’è bisogno di una riforma e sottolineato come sia imprescindibile il ruolo del magistrato nello stabilire, in base a quanto emerso delle indagini, se esiste o meno il principio di proporzionalità tra offesa e difesa. La scorsa settimana, ad esempio, durante un comizio a Bari, Salvini, mentre parlava del disegno di legge proposto dal suo partito, ha citato il caso di Enrico Balducci, segretario provinciale della Lega di Bari (l’uomo era anche sul palco insieme al ministro), che nel 2010, quando era titolare di una stazione di servizio di carburante, uccise un uomo nel corso di un tentativo di rapina. In questo caso, però, Balducci era stato condannato, con rito abbreviato, in primo grado a 10 anni per omicidio volontario. In appello, nel 2014, l’uomo fu condannato per omicidio preterintenzionale a 3 anni e 8 mesi di reclusione. Sentenza confermata anche dalla Cassazione. Tramite le prove raccolte durante il processo – con indagini, testimoni e telecamere della zona – i giudici non hanno infatti riconosciuto la legittima difesa: “Al momento in cui il ricorrente ha usato l’arma – si legge nella sentenza di Cassazione – non vi era alcun pericolo di aggressione, perché i due malviventi si erano già allontanati” con il motorino su cui erano arrivati.
Inoltre, su Quotidiano del Diritto si legge che già con le norme attuali quasi tutte le sentenze sono di assoluzione o comportano pene minime. Rispetto a questo aspetto, il presidente della Commissione Giustizia del Senato, il leghista Andrea Ostellari, ha dichiarato che «è vero che la maggior parte dei processi si conclude con assoluzioni, ma questo avviene con percorsi che durano anni e si traducono in sofferenza e spese che vogliamo cancellare. La norma deve essere così chiara da permettere ai Pm di archiviare la stragrande maggioranza dei procedimenti». Ma sempre Quotidiano del Diritto specifica che “l’archiviazione è un epilogo, comunque già oggi possibile: è stata disposta ad esempio a Milano, nel 2017, per la posizione di un pensionato che, di notte, terrorizzato da un’intrusione domiciliare, aveva sparato al ladro disarmato, uccidendolo”.
I fatti di cronaca più dibattuti negli ultimi anni si sono in effetti conclusi con l’archiviazione e il riconoscimento della legittima difesa: il caso Stacchio, il caso Sicignano, il caso Corazzo, il caso Birolo. Infine, in base ai dati disponibili forniti dal Ministero della Giustizia, il numero di procedimenti penali relativi a casi di legittima difesa e di eccesso colposo è stato negli anni molto basso: ad esempio, dal 2013 al 2016 i procedimenti definiti in dibattimento nei Tribunali Italiani sono stati 10 per la legittima difesa e 5 per l’eccesso colposo in legittima difesa.

Ricorda di citare la fonte: https://www.valigiablu.it/legittima-difesa-peveri-salvini/
Licenza cc-by-nc-nd valigiablu.it

Share This Post