Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Nuovo Statuto targato Cinquestelle: quando la forma è sostanza

screen shot video aula III votazione statutoE’ stato approvato il 30 gennaio,  con la seconda votazione a maggioranza assoluta (1),    il nuovo Statuto di Roma Capitale  fortemente voluto dalla maggioranza pentastellata, che in realtà resta quasi  identico al precedente, perdendo quindi anche l’occasione di rendere lo Statuto  ben più innovativo e rispondente ai bisogni di Roma –  e soprattutto  della Città metropolitana con la redazione di un’unica Carta  per i due enti –  attraverso un ampio dibattito con la città (2).

Due i principali  aspetti oggetto delle modifiche: le nuove forme di partecipazione dei cittadini – con l’introduzione di nuovi strumenti di “democrazia diretta” e la possibilità di ricorrere a tecnologie informatiche e telematiche (3) – e un ridimensionamento delle percentuali di genere nelle giunte comunali e municipali introdotte nel 2013 .

Due cambiamenti  che abbiamo ampiamente criticato fin dalla nostra audizione in Commissione Roma Capitale e Riforme  istituzionali il 15  maggio 2017, sottolineando, da un lato, i rischi di referendum propositivi e abrogativi senza “quorum”, cioè con un esito valido e  l’applicazione obbligatoria senza un numero minimo di votanti (4), dall’altro l’ipocrita passo indietro sulla composizione delle Giunte rispetto alle percentuali  dei generi, portate dal 50 al 40 per cento, senza che nessuna legge nazionale lo prescrivesse  (il 40 % introdotto dalla Legge Delrio è infatti una soglia minima) e soprattutto senza che  lo stesso Statuto del 2013  rendesse quel “50 e 50″  vincolante, dato che si poteva derogare con il solo obbligo della motivazione (5).

Ma di  tutto questo abbiamo già – inutilmente – parlato. Quello che merita ancora una volta evidenziare è come il MoVimento Cinque Stelle – non solo romano –   non si renda conto della profonda contraddizione tra “il dire e il fare” che impronta molte delle sue iniziative rivolte alla cittadinanza.

E tale contrasto è particolarmente stridente se si guarda come è stato affrontato il  percorso per la revisione dello Statuto, revisione che si vorrebbe avviata in nome di un maggiore  protagonismo civico dei cittadini: zero informazione alla cittadinanza,  zero dibattito pubblico, praticamente zero confronto con le realtà della società civile che si occupano dei temi oggetto di modifica (6) . E, ci risulta, zero confronto con le opposizioni,  che sarebbe stato doveroso, modificando  una Carta che è, per la città, quello che è per l’Italia la Costituzione (7).

Uno Statuto modificato in nome dei cittadini portato avanti e approvato a  insaputa dei cittadini.

Emblematica, di tale contraddizione,  la questione da noi posta,   rilanciata nel corso dell’Assemblea dal Consigliere De Priamo (FDI) (8)  come  questione pregiudiziale, sulla effettiva  messa in atto  di tutte le misure previste per la revisione dello Statuto (9).  Chiedere se  sia stato rispettato  l’obbligo della  pubblicazione delle proposte di modifica dello Statuto su almeno due quotidiani  e  del ricorso “ad altri idonei strumenti di comunicazione“, non è  un  pignolo richiamo alle regole o  una questione meramente formale, ma  riguarda la sostanza di un processo democratico, che deve essere in ogni passaggio  coerente  con il fine che intende raggiungere. E  la dichiarazione del Presidente De Vito dell’avvenuta pubblicazione su Il Tempo e Il Messaggero,  il 27 novembre 2017 al di là dello sfasamento  rispetto ai tempi indicati dallo Statuto  –  che prescrive che le misure elencate siano messe in atto “prima di essere poste all’esame della competente Commissione Capitolina(10) - non cambia il fatto che sia stata in ogni caso disattesa la sostanza di tale prescrizione, il cui spirito è ben evidenziato nel testo:  al fine di acquisire pareri e contributi propositivi, “sono portate a conoscenza degli appartenenti alla comunità cittadina con l’affissione all’Albo Pretorio per non meno di dieci giorni (effettivamente avvenuta nel maggio 2017), con la pubblicazione su almeno due quotidiani e con il ricorso ad altri idonei strumenti di comunicazione”.

E un’ulteriore contraddizione  è   la decisione della Sindaca Raggi di indire il referendum “Mobilitiamo Roma” promosso da Radicali italiani per chiedere che l’Amministrazione tenga per sè il ruolo di pianificazione e di controllo del  trasporto pubblico della Capitale affidando la gestione del servizio  a imprese private tramite gara pubblica (11),  tra ben 4 mesi, il prossimo 3 giugno, cioè quando sull’argomento si saranno prese decisioni irreversibili e rinunciando all’opportunità di accorpamento con le elezioni politiche e regionali del 4 marzo (con un costo aggiuntivo che i radicali stimano  tra i 10 e i 15 milioni di euro).

E anche se sicuramente nel valutare la  vicenda non si può ignorare che è in corso la presentazione di un piano industriale ATAC  che completa la domanda di concordato in Tribunale  (12), bisogna ricordare che il referendum dei radicali, sottoscritto da 33000 romani, aveva ed ha un valore esclusivamente consultivo, senza alcun obbligo nè conseguenza concreta,  se non quella  di rendere manifesta la  volontà della maggioranza dei cittadini sul tema del trasporto pubblico.

Il rischio  è che,   anzichè  una democrazia sempre più partecipata, basata su un’ampia informazione della cittadinanza  e su un dibattito pubblico aperto a tutti,  a partire  dalle tante realtà della società civile, si finisca con il confezionare una “democrazia diretta” a misura  del M5S, dei suoi punti programmatici, delle sue piattaforme, dei suoi attivisti (13).

Ma la democrazia  o è di tutti, o non è democratica.

Anna Maria Bianchi Missaglia

(1) La procedura si è resa necessaria in quanto  alla prima votazione non era stata raggiunta la maggioranza di due terzi dei consiglieri prescritta per le modifiche dello Statuto dal TUEL

(2) Nel testo illustrato e consegnato in occasione dell’audizione delle associazioni il 15 maggio 2017 alla Commissione Roma Capitale e  riforme istituzionali  avevamo fatto presente che “Carteinregola ha assistito all’approvazione dello Statuto vigente di Roma Capitale nel corso del presidio contro le delibere urbanistiche del 2012-2013, votato dall’allora maggioranza e opposizioni,  e in quell’occasione aveva lamentato  l’esclusione della cittadinanza  da qualunque dibattito sul nuovo Statuto;  in seguito si è occupata dello Statuto di Roma Città Metropolitana, approvato nel dicembre 2014, a cui ha contribuito presentando alcuni emendamenti che sono stati in parte recepiti dalla Commissione competente. Tuttavia entrambi gli Statuti ci sembrano presentare ampi margini di miglioramento, e anzi,  in questa occasione,  avrebbero potuto essere  unificati, nella prospettiva di un vero e definitivo  cambiamento dell’assetto istituzionale, da anni invocato e  mai realizzato” (> vai alla pagina con i video della Commissione     del 15 maggio 2017 , con  gli interventi dei rappresentanti istituzionali, gli interventi di Carteinregola e di Cittadinanzattiva Lazio sono a questo link  – questi i link dei siti di Open Polis - vedere Open Bilancio e Open Municipio – e Trasparency Italia)

(3) nel testo si introduce anche un articolo dedicato al “Bilancio partecipativo” (Articolo 8 – bis) che tuttavia rimanda a un “apposito regolamento” da redigere in seguito per disciplinare  “i criteri e le modalità di informazione, consultazione e partecipazione, anche mediante strumenti informatici e telematici, dei cittadini al Bilancio Partecipativo” e anche  un comma (articolo 2, comma 12-bis)  che precisa che “Roma Capitale riconosce l’accesso all’acqua come diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell’acqua come bene comune pubblico”.

(4 vedi il nostro articolo del 15 gennaio 2017: Nuovo Statuto: il rischio per la democrazia della democrazia diretta in cui scrivevamo: …ci  preoccupa molto l’idea che referendum  abrogativi e propositivi riguardanti  provvedimenti di competenza dell’Assemblea Capitolina, possano passare a maggioranza,  indipendentemente dal numero di votanti, offrendo la possibilità a minoranze organizzate di poter influenzare scelte importanti per la città anche se non rappresentano né la maggioranza né un consistente numero di cittadini interessati dal provvedimento.

(5) Vedi il nostro articolo del 29 gennaio 2018: Percentuali di genere: il vero e il falso

(6) Carteinregola e altre associazioni sono state effettivamente ascoltate nella citata  riunione della Commissione dle 15 maggio; tuttavia non ci risulta che le nostre obiezioni abbiamo avuto alcun seguito nell’elaborazione della stesura definitiva del testo

(7) Come ricordato nella nota precedente, Carteinregola  ha avanzato dure critiche  – in parte analoghe – anche in occasione delle modifiche allo Statuto  di Roma Capitale votate durante la consiliatura Alemanno  – vedi NO AL NUOVO STATUTO DI ROMA CAPITALE SENZA LA PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI del 28 febbraio 2013Il nuovo Statuto di Roma Capitale del 25 febbraio 2013 –   e in occasione della stesura dello Statuto di Roma Città metropolitana durante la consiliatura Marino – vedi  Statuto Roma città metropolitana del 26 novembre 2014
e Statuto Roma Città Metropolitana: contributi del 27 novembre 2014

 (8) vedi il  video della diretta dell’Assemblea Capitolina del 30 gennaio 2018, il Nuovo Statuto è stato trattato e votato alle ore 16 circa (la questione pregiudiziale posta dal consigliere De Priamo sulla pubblicazione su due quotidiani del nuovo Statuto è a circa  1h 49′ dall’inizio del video)

(9) Statuto 2013: Articolo 43. Revisione dello Statuto (…) comma 2 : Fermo restando il rispetto della procedura deliberativa prevista dalla normativa vigente, al fine di acquisire pareri e contributi propositivi, prima di essere poste all’esame della competente Commissione Capitolina per l’attivazione del procedimento di revisione statutaria, le proposte di modifica dello Statuto sono trasmesse a ciascun Consiglio del Municipio e sono portate a conoscenza degli appartenenti alla comunità cittadina con l’affissione all’Albo Pretorio per non meno di dieci giorni, con la pubblicazione su almeno due quotidiani [frase tagliata nella nuova versione NDR] e con il ricorso ad altri idonei strumenti di comunicazione; sono trasmesse, altresì, agli osservatori di cui all’articolo 12.

(10) La Delibera con le modifiche è stata discussa in Commissione Riforme alla presenza elle associazioni il 15 maggio 2017, è stata  pubblicata sul sito istituzionale dal 15 al 29 maggio 2017, ed è stata inviata ai Municipi per il parere nello stesso periodo (pareri inviati dai Municipi al Comune dopo la discussione nei consigli municipali a fine giugno/luglio)

(11) Vedi #MobilitiamoRoma: il referendum dei Radicali

(12) Roma Today 27 gennaio 2018 Concordato Atac, il via libera in Aula tra le proteste dell’opposizione http://www.romatoday.it/politica/delibera-concordato-atac–approvata.html

(13) E i  referendum senza quorum conferiscono un grandissimo  potere a qualunque soggetto sia in grado di raccogliere le firme necessarie in poco tempo.

vedi anche:

Nuovo Statuto di Roma Capitale e percentuali di genere, il vero e il falso

Nuovo Statuto di Roma Capitale e percentuali di genere, il vero e il falsoAGGIORNAMENTI: il nuovo Statuto di Roma Capitale è stato approvato il 30 gennaio 2018, con 27 voti a favore, 6 contrati e nessun astenuto (su 38 presenti, quindi con 5…

Nuovo Statuto di Roma Capitale: e la pubblicazione sui due quotidiani?

Nuovo Statuto di Roma Capitale: e la pubblicazione sui due quotidiani?

Nuovo Statuto, i rischi per la democrazia della “democrazia diretta”

Nuovo Statuto, i rischi per la democrazia della “democrazia diretta”(15 gennaio, ultima modifica 17 gennaio) Alla vigilia dell’approvazione definitiva del nuovo Statuto di Roma Capitale, lanciamo un ultimo grido di allarme sull’ambiguità delle nuove norme per la partecipazione dei…

Nuovo Statuto di Roma Capitale: le nostre critiche su percentuali di genere nelle giunte e democrazia diretta

Nuovo Statuto di Roma Capitale: le nostre critiche su percentuali di genere nelle giunte  e democrazia diretta> vai alla diretta in corso dall’Aula Oggi 11 gennaio continua in Aula Giulio Cesare il dibattito sulla Deliberazione che modifica  il vigente  Statuto di Roma Capitale,  con dei cambiamenti …

Le osservazioni di Carteinregola sul Nuovo statuto (maggio 2017)

Le osservazioni di Carteinregola sul Nuovo statuto (maggio 2017)  Osservazioni Carteinregola su Proposta di Deliberazione di iniziativa consiliare ai sensi dell’art. 43 dello Statuto di Roma Capitale avente per oggetto la revisione dello Statuto di Roma Capitale Introduzione…

M5S: un nuovo statuto e un nuovo regolamento per le prossime elezioni

M5S: un nuovo statuto e un nuovo regolamento per le prossime elezioni(a cura del laboratorio per una Politica trasparente e democratica) Il 30 dicembre sul blog di Beppe Grillo sono stati pubblicati  i nuovi Codice etico e Statuto e le regole…

In nome della partecipazione si vorrebbero eliminare dallo statuto le regole per la democrazia paritaria

In nome della partecipazione si vorrebbero eliminare dallo statuto le regole per la democrazia paritariaIl nuovo statuto della capitale proposto dal M5S: in nome della partecipazione si eliminano le regole per la democrazia paritaria (rischiando di riaprire la strada alle vecchie logiche spartitorie) Di…

Revisione dello Statuto di Roma Capitale: le nostre critiche e proposte

Revisione dello Statuto di Roma Capitale: le nostre critiche  e proposte   (15 maggio 2017 – ultima revisione 10 gennaio 2018 – in calce…

Share This Post