Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Olimpiadi Roma 2024: un milione di metricubi da scavare lungo la pianura fluviale del Tevere?

Maty, il bacino remiero di Szeged

Maty, il bacino remiero di Szeged (Ungheria)

Pubblichiamo un articolo di Maurizio Geusa che si chiede giustamente, date le misure di un  bacino da canottaggio  fissate dai regolamenti internazionali, se sia proprio necessario scavare un lago artificiale lungo la pianura fluviale del Tevere in aree con buona probabilità oggetto di tutela naturalistica e paesaggistica e sottoposti a   rischi idrogeologici, anzichè utilizzare uno dei tantissimi bacini naturali del Lazio o di altre regioni. E, dopo le dichiarazioni  di lasciare  così  alla città, dopo le Olimpiadi,  un parco acquatico “per consentire ai romani appassionati di sport acquatici di dilettarsi con surf e wakeboarding”,   il dubbio che tutto questo si possa poi trasformare nell’ennesima speculazione privata con club sportivi, stabilimenti balneari, ristoranti,  alberghi e  parchi divertimenti, non riusciamo proprio ad allontanarlo…(AMBM)

LA CANDIDATURA OLIMPICA DI ROMA VEICOLO DI PARCHI ACQUATICI ?

di Maurizio Geusa*

L’ Album allegato a La Repubblica di ieri giovedì 29 gennaioed intitolato “La Capitale e i giochi del 2024”** illumina sui probabili effetti collaterali della candidatura di Roma ad ospitare i giochi.

In attesa di conoscere i dettagli, che saranno presentati al CIO il prossimo 17 febbraio, si conferma lo scenario anticipato dal Presidente Malagò nell’autunno scorso riguardo al nuovo bacino remiero per il canottaggio: “Sarà un parco a tema dove, un domani, finite le Olimpiadi, tutti potranno prendere la propria barca o la propria canoa o magari andare a nuotare”[1].

Infatti, come riportato dal Repubblica si prevede la realizzazione di “un bacino remiero artificiale-naturale (unitamente ad un parco fluviale sul Tevere) in zona Fiera di Roma. Un polo da realizzare ex novo utile per ospitare canottaggio, canoa e canoa slalom, ma utilissimo anche per il nuoto in acque libere: si tratta in questo caso di un’opera condivisa con le associazioni ambientaliste e che resterà alla città anche dopo le Olimpiadi, per consentire ai romani appassionati di sport acquatici di dilettarsi con surf e wakeboarding.”

Fin qui le scarne notizie sulla stampa, cui sarà bene aggiungere qualche dato dimensionale. Un bacino da canottaggio, secondo i regolamenti internazionali[2] si sviluppa per almeno 2.150 metri con una larghezza di 162 ed una profondità minima di 3 metri. Quindi, un totale di circa un milione di metricubi da scavare e smaltire lungo la pianura fluviale del Tevere in aree con buona probabilità oggetto di tutela naturalistica e paesaggistica, in cui non possono essere dimenticati i rischi idrogeologici.

La descrizione fornita ieri da Repubblica richiama quella già prospettata a Settebagni in occasione della candidatura per le Olimpiadi del 2020[3] e da cui è tratta l’illustrazione.

Questa prima ipotesi di Parco a tema lungo le sponde fluviali contrasta con la presentazione di una candidatura dichiarata di basso costo e che si vanta di articolarsi sul territorio nazionale. Infatti, non si comprende la costruzione di un impianto artificiale di tali dimensioni quando tutti i canottieri romani sono nati cresciuti lungo le sponde del Tevere. In una regione ricca di bacini naturali, per logica, si sarebbe dovuta indicare la valorizzazione di qualcuno di questi, come nel 1960 quando le competizioni di canottaggio si svolsero nel Lago di Albano.

Ma non solo il lago di Albano, anche il lago di Piediluco era stato proposto dagli umbri come sede per le gare di canottaggio e definito ”il migliore d’Italia e tra i migliori al mondo, per le competizioni[4].

Dunque, una seconda contraddizione, dopo quella del Villaggio olimpico nel campus di Tor Vergata sembra caratterizzare questa candidatura laccata in salsa romana.

Se il Dossier per la candidatura continua ad essere guidato da queste logiche incomprensibili per i cittadini comuni finirà per essere incomprensibile anche al Comitato Olimpico Internazionale.

> Vai alla pagina Olimpiadi Roma2024 cronologia materiali

 

maurizio geusa MPP*Maurizio Geusa – Architetto – –  Funzionario del Comune di Roma dal 1981 successivamente Dirigente tecnico dal 1998 al 2015. – Membro effettivo dell’Istituto Nazionale di Urbanistica – Consigliere dell’Ordine degli Architetti di Roma Direttore della rivista mensile “AR” dal 1986 al 1990 – Ha contribuito all’elaborazione del Piano Regolatore Generale del Comune di Roma (mobilità) –  villec@alice.ithttps://www.facebook.com/maurizio.geusa

impianti per Roma 2024  pag 33  Gazzetta dello Sport  domenica 22 novembre 2015

impianti per Roma 2024 pag 33 Gazzetta dello Sport 22 novembre 2015

[1]-http://www.canottaggio.org/2015_2news/1122_roma.shtml

[2]-http://www.canottaggio.org/carte_fed/norme_regolamenti/2013/cdr/7.1%20-%20CdR%20All.%20A.pdf

[3]http://www.marcantoniocolonna.com/pagine%20canottaggio/villaggio_sportivo_e_bacino_remi.htm

[4] http://www.umbriadomani.it/politica-umbria/giochi-olimpici-a-piediluco-ecco-perche-il-bacino-ternano-puo-essere-la-sede-per-le-gare-di-roma-del-2024-39825/

 

leggi anche

Olimpiadi Roma2024: i radicali lanciano il referendum con un dossier

Olimpiadi Roma2024: i radicali lanciano il referendum con un dossierContro la candidatura olimpica della Capitale Carteinregola aveva lanciato un appello nel giugno scorso (1), sottoscritto da urbanisti, intellettuali, semplici cittadini. Oggi Radicali italiani lanciano una petizione per chiedere  che,…

Prosegue inesorabile il treno delle Olimpiadi Roma2024

Prosegue inesorabile il treno delle  Olimpiadi Roma2024(in calce l’articolo di Maurizio Geusa: Il treno delle Olimpiadi Roma2024 dove pensa di andare ?) Pochi giorni fa anche la città di   Amburgo si è sfilata dalla rosa…

Roma2024

Roma2024(IN COSTRUZIONE) (17 settembre 2015) OLIMPIADI ROMA 2024 CRONOLOGIA E MATERIALI > vai all’appello NO ROMA 2024   > scarica il volantino No Roma 2024 La selezione della città organizzatrice dei…

ROMA 2024, wikispesa ha fatto i conti…

ROMA 2024, wikispesa ha fatto i conti…Pubblichiamo la documentata pagina di wikispesa dedicata ai costi/benefici di Roma 2024 con un nostro aggiornamento:  dopo Boston (USA), che ha scelto di non avanzare  più la candidatura in seguito …

Olimpiadi Roma 2024, senza confronto con la città e senza trasparenza

Olimpiadi Roma 2024, senza confronto con la città e senza trasparenzaE’ stata ufficialmente presentata l’11 settembre la candidatura della Capitale alle Olimpiadi e alle Paralimpiadi  del 2024,  con  l’invio della lettera al CIO (Comitato  Internazionale Olimpico).  E  qualcuno  sta già…

Share This Post