Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

OpenPolis: Think tank e fondazioni, dove non arrivano i partiti

open polis think thank fondazioni luglio 2018

dal sito di Open Polis

Think tank e fondazioni, dove non arrivano i partiti Partiti in crisi

Con i partiti in crisi economica e di credibilità, cresce il ruolo di fondazioni e associazioni politiche. Quali sono e come agiscono.

La politica italiana vive un periodo di forte transizione.
Al centro di questa transizione ci sono i partiti, snaturati dalla loro funzione di aggregazione e formazione politica, e in forte crisi economica.

Il vuoto generato ha fatto sì che la condivisione di idee sulla “cosa pubblica”, tratto caratteristico proprio dei partiti, necessitasse di una nuova “casa”. Per rispondere a questa esigenza negli anni abbiamo testimoniato la crescita di think tank, fondazioni e associazioni politiche. Strutture che sono accomunate dalla presenza di politici negli organi apicali, dal desiderio di diventare dei forum in cui discutere e formare una nuova classe politica e dalla volontà di instaurare dei processi di policy making.

121 le strutture tra think tank, fondazioni e associazioni politiche che abbiamo censito dal 2015 a oggi.

Perché ne dobbiamo parlare

Think tank, fondazioni e associazioni sono diventati il primo passo per fare politica, o per iniziare un percorso di affermazione politica al livello nazionale o locale. L’ascesa politica di Matteo Renzi e della sua fondazione Open ne è stato un perfetto esempio. Una struttura parallela al partito di appartenenza, in questo caso il Partito democratico, utilizzata per raccogliere fondi, organizzare eventi e aggregare la base elettorale. Si tratta del caso più noto a livello mediatico, ma gli esempi negli ultimi anni sono stati numerosi: dalla fondazione Change di Giovanni Toti che ha accompagnato la sua elezione a governatore della regione Liguria, a Primavera Italia di Alessandro Cattaneo.

Non rappresentano solo un modo per affermarsi politicamente, ma anche un strumento per tessere rapporti trasversali tra partiti. Nel 2013 l’arrivo del governo Letta, nato da un accordo post elettorale centrosinistra-centrodestra, vedeva la presenza di numerosi ministri appartenenti alla fondazione Vedrò: avversari nel campo della politica che avevano già stabilito rapporti personali in una fondazione.

Associazioni che possono diventare anche il terreno “neutrale” in cui instaurare relazioni con rappresentanti del mondo accademico, politico e giornalistico. L’ultimo esempio in ordine di tempo è la kermesse SUM, organizzata dall’associazione Gianroberto Casaleggio, in cui Davide Casaleggio, esponente di spicco del Movimento 5 stelle, ormai da due anni mette assieme vari esponenti del dibattito politico pubblico. Il Movimento stesso, non essendo un partito nel senso ufficiale del termine, basa la stragrande maggioranza della sua organizzazione su una rete di associazioni.

Il M5s non essendo un partito nel senso stretto del termine, basa tutta la sua organizzazione su una rete di associazioni.

Analizzando questo mondo possiamo anche dare un senso a domande apparentemente senza risposta. Il neonato governo 5stelle-Lega vede al suo interno Luciano Barra Caracciolo come sottosegretario del ministro Savona agli affari europei. Magistrato con incarichi passati da consigliere giuridico nei governi Berlusconi e Dini, per molti la nomina nel governo Conte è stata inaspettata. Uno dei fattori che può aver contribuito è la presenza dello stesso Barra Caracciolo in a/simmetrie, associazione guidata da Alberto Bagnai (senatore leghista, presidenze della commissione finanza), e di cui fa parte proprio Paolo Savona. Paolo Savona stesso, per anni lontano da ruoli politici, anche grazie ai suoi numerosi incarichi in associazioni e fondazioni politiche, è riuscito a mantenere quelle relazioni che hanno contribuito alla sua nomina nel governo Conte.

5 sono le fondazioni o associazioni politiche di cui fa parte Paolo Savona. Solo Giulio Tremonti ha registrato un dato più alto, 6.

Non solo, la mappa delle relazioni che si crea attraverso la rete di fondazioni e associazioni politiche è utile per meglio analizzare elezioni o nomine a incarichi pubblici. Recentemente il parlamento ha eletto Luca Antonini, membro della fondazione Magna Carta, come giudice della corte costituzionale, confermando come queste strutture rappresentino un luogo centrale per affermarsi. E ancora, Marcello Foa, recentemente indicato come presidente del Cda Rai dal governo Conte, è attualmente il vicepresidente di a/simmetrie.

LEGGI TUTTO SUL REPORT COMPLETO
Scarica il report completo  Cogito-ergo-sum-2018

 

Share This Post