Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Roxy Bar: arrivano le condanne

Roxy bar Romanina

Carteinregola e la Comunità Territoriale con Roxana, che gestisce il Roxy bar alla Romanina nel luglio scorso

Ieri 15 ottobre  le prime condanne, con il riconoscimento dell’aggravante mafiosa, per il bestiale pestaggio avvenuto nell’aprile scorso nel Bar Roxy alla Romanina. Sul processo dei tre imputati che hanno scleto il rito abreviato,  ha  però pesato  la mancata costituzione di parte civile del Comune di Roma, per un ritardo nella presentazione della richiesta, mentre si sono costuiti la Regione Lazio e l’Associazione Libera.  Un fatto grave, che la  Comunità Territoriale del VII Municipio ha voluto sottolineare. (AMBM)

> Vai al dossier:  Roxy Bar: il pestaggio e il coraggio

Dalla Comunità Territoriale del VII Municipio:

Apprendiamo che per i tre imputati, tra coloro che hanno scelto il rito abbreviato, per i fatti accaduti la scorsa Pasqua al Roxy Bar del quartiere Romanina è stata richiesta la condanna per complessivi 14 anni e 6 mesi con l’aggravante del metodo mafioso.

Al processo si sono costituiti parte civile la Regione Lazio e l’Associazione Libera, mentre  il Campidoglio non si è potuto costituire per tardiva presentazione.

Riteniamo che, vista anche la vicinanza mostrata dalle istituzioni sia locali che comunali ai titolari del Roxy Bar e alla ragazza disabile malmenata da componenti del clan Casamonica – Di Silvio, sia preciso compito della Sindaca verificare, con nomi e cognomi, a chi sia ascrivibile la responsabilità di tale superficialità e sciatteria che ha portato il Comune di Roma, e quindi tutti i suoi cittadini, a non potersi costituire parte civile in un processo che per molti versi, e per le coscienze che ha smosso, assume importante rilievo per la città di Roma.

Vedi anche

Al Roxy bar di Roxana la dedica di Vasco Rossi

Al Roxy bar di Roxana la dedica di Vasco Rossi

Romanina: IL SILENZIO E’ MAFIA – il 23 maggio una giornata di iniziative

Romanina: IL SILENZIO E’ MAFIA  – il 23 maggio una giornata di iniziative

Riprendiamoci tutta la nostra città

Riprendiamoci tutta la nostra città

* Vedi il resoconto di  La Repubblica 16 ottobre 2018 : Roma, processo Casamonica per raid al Roxy Bar. La donna picchiata: “Ho ancora paura di loro” In aula show di Antonio Casamonica, uno dei quattro imputati, che urla “Dì che ti ho aiutata!” durante la testimonianza della giovane disabile presa a cinghiate durante la spedizione punitiva nel locale della Romanina. Parlano anche i titolari. Ieri le prime condanne con il riconoscimento dell’aggravante mafiosadi FEDERICA ANGELI E FLORIANA BULFON

Share This Post