Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Salviamo il Museo di Arte Orientale di Roma

Museo Arti Orientali 3 Il 31 di ottobre chiuderà il Museo dell’Arte Orientale di via Merulana a Roma, uno dei più importanti in Europa. I capolavori esposti nelle sale del Palazzo Brancaccio verranno impacchettati per essere trasferiti in una sede all’Eur, più piccola e più costosa, dove è certo che non saranno più visti da nessuno. Se questo delitto sarà compiuto avremo l’ennesima dimostrazione che l’Italia non si merita la ricchezza di beni culturali che il suo territorio ospita senza attenzione e senza cura.
Per scongiurare un atto irrimediabile sono già molte le voci  di protesta che si sono levate verso il Ministero dei Beni culturali , a partire da una petizione, in calce,con il  link per sottoscriverla. Ed è stato organizzato un sit- in  per martedì 31 ottobre > Vai all’evento Facebook

Museo Arti Orientali 1

Petizione: SALVIAMO IL MUSEO NAZIONALE D’ARTE ORIENTALE DI PALAZZO BRANCACCIO DALLA CHIUSURA!

Museo Arti Orientali 2Ancora una volta il Governo italiano penalizza la cultura e l’arte perpetrando l’ennesimo delitto ai danni del patrimonio artistico del Paese.

Infatti, il Ministero dei Beni Culturali vuole chiudere il Museo Nazionale d’Arte Orientale istituito nel 1957 nella sede – situata nel cuore della città di Roma – di Palazzo Brancaccio, che custodisce la più importante raccolta di arte orientale italiana. Negli anni ‘90 i lavori per la messa a norma dell’edificio, che sono costati circa 2 miliardi, hanno riportato alla luce affreschi e arredi occultati nel tempo e hanno visto il recupero architettonico del palazzo, “bene monumentale” esso stesso e cornice ideale per la collezione orientale.

I circa 4o.ooo oggetti ivi conservati provengono da un’area vastissima che si estende dall’India al Giappone dalla Cina alla Corea, beni di importanza eccezionale nell’ambito nazionale ed europeo sia per il numero che per la qualità e varietà delle opere a cui recentemente si sono aggiunti preziosi reperti provenienti dal Tibet e dal Nepal di inestimabile valore. Nel complesso si tratta di una collezione essenzialmente archeologica che abbraccia un arco di tempo che va dal III millennio a.c. ad oggi: statue di Buddha, Bodhisattva, rilievi dell’arte del Gandhara con gli episodi della vita del Maestro… Tali beni sono strettamente connessi alla storia della ricerca scientifica italiana in Asia nonché alla vita e all’opera di Giuseppe Tucci (1894-1984) l’insigne orientalista noto a livello internazionale i cui eredi hanno donato al Museo l’intera collezione.

Il Ministero dei Beni Culturali (MIbact) invece di promuovere questo patrimonio – che potrebbe essere, se ben gestito e valorizzato, grande fonte di reddito per l’Italia e gli italiani – ha deciso di spostare il Museo dalla sua sede originaria nel cuore del quartiere Esquilino negli spazi inevitabilmente ristretti di altre strutture all’EUR, collocando solo una minima parte della collezione e quindi smembrandola definitivamente.

È economicamente conveniente spostare da Palazzo Brancaccio il Museo Orientale e trasferire la ricca collezione ivi ospitata in spazi all’EUR del tutto insufficienti e con spese d’affitto molto più alte? Certamente no!

Infatti, la stima approssimativa dei soli costi preliminari per assicurare, imballare e trasportare i circa 40.000 preziosi oggetti del Museo si aggira, secondo una perizia del 2014 – anno del primo appello rivolto al Ministro Franceschini -, tra i  9.500.000 e gli 11.250.000 euro, oltre l’iva. A tale cifra si devono aggiungere le spese senz’altro onerose per la messa a norma dei nuovi spazi  e quelle per il nuovo allestimento destinato ad accogliere, accanto agli oggetti del Museo Africano, i reperti orientali. Inutile, tra l’altro, sottolineare l’assurdità di tale accostamento.

Sorge spontanea una considerazione: “Quanti anni verranno impiegati per fare questo disastroso e inutile trasloco e riallestimento? E quanti ne dovranno passare prima che noi si possa visitare in forma ridotta un Museo che ora splende per la sua bellezza?”.

Realizzare all’EUR un polo museale è un’idea che risale agli anni 2000, che fin dall’inizio ha dovuto fare i conti con la mancanza di fondi economici assegnati e di personale, oltre a doversi scontrare con la realtà di un quartiere lontano dalle mete turistiche e dalla vita dei romani in una zona ribattezzata “il cimitero dei musei.

In qualsiasi altra Nazione questo patrimonio unico sarebbe tutelato e adeguatamente valorizzato con grossi rientri economici, mentre lo Stato Italiano sceglie di non adoperarsi a tal fine, malgrado abbia un numero sproporzionato di dirigenti tra i meglio retribuiti in Europa (basti pensare che un Dirigente di prima fascia percepisce uno stipendio quasi pari a quello del Presidente della Repubblica).

Condividi questo appello per evitare l’ennesimo atto perpetrato contro il patrimonio artistico e culturale del Paese!

Questa petizione sarà consegnata al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo
Dario Franceschini

> VAI ALLA PETIZIONE  https://www.change.org/p/dariofrance-salviamo-il-museo-nazionale-d-arte-orientale-di-palazzo-brancaccio-dalla-chiusura

Stefania Massari ha lanciato questa petizione che in 4 mesi,  al 28 ottobre 2017,  ha raccolto  24.617 sostenitori.


Il museo nazionale di arte orientale a Roma
I

Inchiesta. L’incredibile storia del museo nazionale di arte orientale in via Merulana a Roma. Per la spending review il Ministero dei beni culturali lo trasferirà all’Archivio centrale di Stato all’Eur dove pagherà un affitto triplo rispetto a quello attuale. E i soldi andranno all’Ente Eur, una società pubblica partecipata dallo Stato. Il museo fondato nel 1957 verrà sradicato dal quartiere più multietnico di Roma dove ha trovato una straordinaria integrazione e rischia di scomparire in un risiko di affitti con molti misteri immobiliari (> leggi tutto)

 

Share This Post