Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Stadio della Roma: la differenza tra voltafaccia e ripensamento

ma Tor di Valle e una torta?

Ma lo Stadio  Tor di Valle è una torta da cui si può togliere una fetta di cubature? L”Amministrazione deve prendersi le sue responsabilità. Le scelte sono solo 3: andare avanti così, bocciare il progetto, o cambiarlo. Ma se lo si cambia, l’attuale maggioranza   non può  pensare di cavarsela tagliando qualche piano delle torri e – per inevitabile  contropartita – alcune infrastrutture pubbliche. Se si rimette  mano agli accordi, si  deve ripensare il progetto complessivo. E soprattutto affrontare un dibattito con la città,  invece di  continuare a contrattare nelle segrete stanze con Pallotta,  Parnasi e gli avvocati…

AGGIORNAMENTO 15 febbraio: Paolo Berdini si è dimesso. Nell’articolo di Roma Today il resoconto dell’incontro sullo stadio  e il comunicato dell’ex assessore

  “il mancato rispetto delle su esposte condizioni necessarie , anche solo di una, comporterà decadenza ex tunc del pubblico interesse qui dichiarato e dei presupposti per il rilascio degli atti di assenso di Roma Capitale e della Regione Lazio, risoluzione della convenzione, con conseguente caducazione dei titoli e assensi che dovessero essere stati medio tempore rilasciati;

DACDelib. N 132 del 22.12.2014 (scarica)

La delibera Marino/Caudo votata in Assemblea Capitolina , quella che conferisce  il pubblico interesse al progetto preliminare,  l’ha blindato,  subordinandolo ad una serie di opere pubbliche ritenute indispensabili, specificando che se anche un solo punto non fosse poi  rispettato, la delibera dovrebbe considerarsi  decaduta. Quindi si possono mettere a punto  nuovi accordi con il proponente privato, ma a meno che  Eurnova non metta  nero su bianco che è  disposta ad addossarsi comunque le spese di tutte le  infrastrutture pubbliche previste, anche a fronte di meno cubature direzionali e commerciali, la  Sindaca e la sua maggioranza dovranno comunque, a nostro avviso,  revocare la Delibera precedente e approvarne un’altra, che confermi – garantendolo – l’interesse pubblico del nuovo progetto ridimensionato (1)

Inutile quindi per questa amministrazione cercare scappatoie burocratiche o cercare di salvarsi la faccia limando piani dai palazzi. Anche perchè,   al di là degli imbuti burocratici, la sforbiciata di cubature non metterebbe al riparo  dalle fondate  obiezioni avanzate da più parti al progetto: anche se le Torri fossero un po’ più basse o i centri commerciali qualcuno in meno, la sostanza edificatoria non cambia.

Ma non vogliamo parlare ancora una volta del progetto dello Stadio. Quello che è in ballo, a questo punto, è anche  la  coerenza di una Sindaca e della sua maggioranza  con le sue  promesse elettorali e con i dettami e lo stile del movimento Cinque Stelle. E’ vero, nel programma e nelle linee programmatiche della Sindaca lo Stadio non è presente neanche come parola. Però ci sembra piuttosto rilevante  tutto quanto è stato detto a suo tempo  sull’operazione Stadio e Business Center da appartenenti del MoVimento,  dal blog del suo leader Beppe Grillo (2) ai consiglieri M5S che avviarono azioni legali contro, ai tavoli degli  attivisti, fino alla scelta di indicare – e prima del voto – come futuro  assessore all’urbanistica Paolo Berdini, il più risoluto avversario dell’operazione Tor di Valle.

patate bollenti definitivo

La copertina di Patate bollenti, 12 domande ai candidati

E se a rileggere oggi il programma della Sindaca giunge un forte sentore di aria fritta – infatti nessuna delle nostre “patate bollenti” (3), in cui era compresa la “patata bollente stadio” (4) sottoposte ai candidati in campagna elettorale vi trova una risposta (5) – possiamo confermare che, prevalentemente, il MoVimento era contrario al Business Center e alle cubature commerciali, e non allo Stadio (posizione poi abbracciata anche dall’Assessore Berdini dopo  un parziale ripensamento).

Ma, a nostro avviso,  non si può essere un po’ contrari al Business center. O si è contro a tutto l’agglomerato spropositato che dovrebbe sorgere accanto allo Stadio  (che avrebbe comuqnue una già  consistente quota di annessi: uffici, museo della Roma, centri commerciali, alberghi) e lo si cancella, però  pretendendo le stesse infrastrutture che dovrebbero  rendere sostenibile l’impatto del nuovo polo sportivo, oppure si spiega ai cittadini perché si è cambiato idea.

E se per dare giudizi di coerenza è corretto aspettare di vedere come andrà effettivamente a finire la vicenda, possiamo già  darli sul come la vicenda è stata gestita finora. Molto male.  E con scarsa coerenza.

Perchè la differenza tra “voltafaccia” e “ripensamento” non riguarda tanto il cambio di rotta rispetto a una  scelta  – sempre possibile, se adeguatamente motivato –  ma il modo in cui avviene, in un movimento che ha sempre messo la trasparenza e il confronto con i cittadini al primo posto. Finora noi abbiamo visto un tema di grande rilevanza cittadina come il progetto Stadio della Roma affrontato nelle segrete stanze capitoline in riunioni ristrette con proponenti e avvocati, e l’informazione pubblica ridotta alle poche briciole raccolte da una stampa affamata più di gossip che di notizie di interesse pubblico.

Per inciso: se questa Amministrazione avesse fin dall’inizio improntato la sua azione di governo a una vera trasparenza sulle  intenzioni e sigli atti (anziché spargere spot celebrativi di scarsa consistenza), aprendosi al confronto sui temi importanti,  il giornalismo del pettegolezzo non avrebbe trovato sponde,  né ossa da spolpare, e il dibattito non sarebbe mai caduto così in basso.

facebook referendum attivisti stdio1Ora leggiamo di iniziative di consiglieri e attivisti Cinquestelle che ancora un a volta reclamano chiarimenti e referendum on line dentro il Movimento (6). Ma finchè non entrerà nella testa di quelli che si definiscono “portavoce della cittadinanza” che il governo di Roma è una faccenda maledettamente seria, che i cittadini meritano rispetto, e che la Sindaca e  i suoi assessori  non rispondono a Grillo, a direttorii, avvocati, consiglieri, attivisti, tavoli, sondaggi, ma alle persone in carne e ossa, che ogni giorno fanno i conti con l’inferno di squallore metropolitano che è diventata la Capitale, continueremo a rotolare – tutti – lontano da ogni speranza.

E ad aggiungere puntate su puntate a una soap opera che questa città non si merita.

 Anna Maria Bianchi Missaglia

Per osservazioni e precisazioni: LABORATORIOCARTEINREGOLA@GMAIL.COM

grillo su stadio 2014 1

> Vai a Stadio della Roma cronologia e materiali

> Vai a Stadio della Roma, adesso che succede?

(1) Su quali  siano poi i passaggi buricraici, attendiamo di vdere gli sviluppi. A nostro avviso, dovrebbe essere rifatta anche al Conferenza dei Servizi decisoria

(2) http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/roma/2014/12/favorevoli-allo-stadio-per-le-squadre-di-calcio-romane.html

(3) Patate bollenti: 12 domande che nessuno fa ai candidati Sindaco

Patate bollenti: 12 domande che nessuno fa ai candidati SindacoSono molti i temi su cui i candidati  Sindaco della  Capitale  sono stati intervistati, o che sono stati inseriti nei punti, linee guida o  programmi presentati.  Ma ci sono degli…

(4) Nulla a che fare con lo squallido titolo di Libero, per cui abbiamo già inviato la nostra solidarietà alla Sindaca

(5) né ci è mai pervenuta risposta diretta, al contrario di altri candidati vedi  Patate bollenti – le risposte

Patate bollenti – le risposte> vai alle 12 domande “Patate bollenti” Le risposte di:  Lorenza Baroncelli indicata dal candidato Roberto Giachetti come assessore all’urbanistica in caso di elezione (4 giugno) La  risposta di Roberto…

 

Share This Post