Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Stadio della Roma, l’opposizione si è opposta davvero?

aula presidio pup 1Proponiamo di rivedere un video di un anno fa, uno  stralcio di ca 12′ con una parte dell’intervento del consigliere PD Giulio Pelonzi, oggi capogruppo capitolino, poco prima della messa al voto in Aula Giulio Cesare della Delibera 32/2017 (1) che conferiva il pubblico interesse al Progetto dello Stadio della Roma. Pubblico interesse che “aggiornava” quello della Delibera 132/2014 della Giunta Marino,  con una  seconda versione del progetto “adeguato” alle “linee guida” della Giunta Raggi, che aveva chiesto al proponente Eurnova profonde modifiche al Progetto Marino/Caudo (peraltro bocciato alla prima conferenza dei servizi decisoria).  E per procedere  al taglio di una parte  delle cubature direzionali e commerciali, il nuovo progetto pagava il prezzo di una parallela decurtazione degli  investimenti previsti per la realizzazione di molte opere pubbliche al servizio della nuova centralità di Tor di Valle e non solo.

Molte e argomentate le obiezioni con le quali Pelonzi attacca la Delibera della maggioranza pentastellata, definita “forzatura statutaria e regolamentare enorme” motivata “da una fretta incomprensibile dal punto di vista della pubblica utilità, ma che appare più comprensibile se si esce dal recinto dell’interesse della città di Roma e se si entra nel recinto dell’interesse di chi fa investimenti privati“: le commissioni capitoline che hanno votato il parere sulla delibera in assenza dei pareri del Municipio (sebbene non vincolante); la richiesta del solo parere del Municipio IX e non dell’XI (dato che, nonostante il taglio  del Ponte di Traiano, “l’XI  è il primo Municipio che risente di quello che verrà fatto in quel quadrante” per la mobilità) (2) ; la mancata conferenza dei servizi preliminare interna prescritta  dalla legge 147 (i commi sugli stadi) sul nuovo progetto inviato  al Comune dal proponente – perchè “non basta acquisire il parere degli uffici e delle aziende  del trasporto e della mobilità collegate” per di più “arrivato solo oggi“; il voto delle commissione capitoline  anche “in assenza dei pareri dei dipartimenti”(“al momento del voto in commissione erano presenti solo delle note”). Pelonzi pone il problema anche  dei  “due vincoli intervenuti  dopo la Delibera Caudo“, “vincoli che sappiano che possono essere rimossi”, visto che il vincolo  della Soprintendenza [sull’Ippodromo e sull’area  circostante] è pendente, e pone una domanda: “perchè se la Conferenza  dei servizi è chiusa e da qui a pochi giorni si attende  la rimozione del vincolo della Soprintendenza noi abbiamo fretta di votare  entro il 15 giugno”  e di “chiedere ai consiglieri comunali  di assumersi la responsabilità di  esimere gli uffici dalla verifica di queste considerazioni” cioè di  “assumerci noi la responsabilità di votare un atto su cui ci sono pendenti vincoli,  che viola la legge 147 e strappa lo statuto comunale“?

E per l’esponente PD l’atto  “viola un’altra condizione della legge 147, che impone di verificare la salute economica del proponente: noi abbiamo chiesto alla commissione urbanistica gli atti“e “il Direttore del PAU  ci ha detto che le condizioni economiche sono buone. Abbiamo chiesto una relazione al curatore fallimentare,  ma non ci basta,  vogliamo che l’avvocatura esprima un suo parere sulla relazione, se no rischiamo di votare la delibera in assenza di un altro requisito previsto dalla legge“.

Carteinregola chiede  al Partito Democratico capitolino di  conoscere quale seguito abbiano avuto  quelle iniziative annunciate un anno fa. La richiesta del  parere all’avvocatura e al segretariato sulla relazione del curatore fallimentare, e anche quella reativa “ai 15000 euro di soldi pubblici spesi per convocare il Consiglio   del IX Municipio di domenica, che richiede la  motivazione dell’urgenza”. Pelonzi infatti annuncia la  richiesta   “per iscritto al direttore  del IX Municipio di motivare l’urgenza“, e successivamente quella del parere del Segretariato  generale e dell’avvocatura comunale, e – nel caso che abbiano  avallato la decisione del direttore del Municipio – l’invio di  “tutto il pacchetto alla Corte dei Conti“.

Ecco, noi vorremmo vedere, anche in questo caso, se l’opposizione del PD capitolino è una cosa seria o solo una manifestazione muscolare a favore di telecamera.

La vicenda dello Stadio della Roma è una prova del fuoco per tutti.

(Carteinregola ha scritto al gruppo PD Captolino con la richiesta di informazioni)

Anna Maria Bianchi Missaglia

Post scriptum: non abbiamo trovato – ma potrebbe essere una nostra lacuna – tracce web di analoghe contestazioni di esponenti del PD  sulla disinvoltura con cui la Regione Lazio ha tenuto aperta oltre i limiti di legge la Conferenza dei servizi dopo la  bocciatura del primo progetto,  nè sulla fretta con cui è stato approvato il Verbale conclusivo della Conferenza, nonostante i tanti nodi ancora irrisolti (e le prescrizioni rimaste in sospeso, dato che non ne era valutabile la fattibilità) (3)

Per osservazioni e precisazioni: laboratoriocarteinregola@gmail.com

(1) scarica Deliberazione Assemblea Capitolina n. 32-2017 (stadio della Roma)

(2) vedi il nostro articolo: Stadio della Roma: “dimenticato” anche il parere dell’XI Municipio 3 luglio 2018

Share This Post