Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Vi consigliamo chi votare…

copertina per chi votareNo, non consigliamo nè nomi nè partiti. Proponiamo un “prontuario dell’elettore” per scegliere, al di là dell’orientamento politico, persone che  meritino il nostro voto. O almeno per escludere gli “imbonitori di piazza”  che puntualmente riemergono in campagna elettorale e che, contano sulla scarsa conoscenza o la scarsa memoria dei cittadini, o anche sulla loro credulità.  Perchè effettivamente  molti elettori  scelgono un nome sulla scheda in base alla faccia sui manifesti, o  allo slogan, o alla chiacchiera arguta o aggressiva nei talk show o alle promesse iperboliche, spesso repliche “copia e incolla” di quelle – mai mantenute – delle passate stagioni.

Il voto è importante  perchè  è l’unico momento in cui il cittadino, per quanto con margini sempre più risicati, può decidere  chi va  in parlamento (e al governo della Regione Lazio). Non sprechiamo questa opportunità andando a votare  senza informarci su chi stiamo votando.

PER CHI VOTARE    Vademecum dell’elettore 2018

(scarica il PDF –  PER CHI VOTARE 2018 530 KB)

Proponiamo 7  verifiche da fare per  distinguere quantomeno le persone serie dai “venditori di fumo”, sia per  i candidati alle elezioni nazionali, sia per quelli alle elezioni regionali, considerando che per Camera e Senato i nomi sono già indicati sulla scheda e non è consentito il voto disgiunto, ovvero non si può scegliere un candidato diverso dal Partito/coalizione  di appartenenza, mentre per  la Regione  si può votare per un candidato Presidente e per una lista diversa da quelle che lo sostengono, e si possono indicare due preferenze purchè di genere diverso (cioè un uomo e una donna) .

   punto interr 4   1) IL/LA  CANDIDATO/A HA UNA BIOGRAFIA PUBBLICA E TRASPARENTE?

Mostrarsi  al proprio elettorato senza zone d’ombra, è la prima e più importante garanzia che ogni candidato deve offrire  agli elettori:  

Il candidato affronta la campagna elettorale inondando di messaggi la tua casella email, il cellulare, i social ma poi, se vai a cercare qualche informazione su chi è e che cosa ha fatto, al massimo trovi un  blog (1) dove alla voce “chi sono” racconta di credere nell’altruismo, che ha due figli e che gli piace la montagna?

Un candidato serio si presenta raccontando dettagliatamente  cosa ha fatto nella vita, nella professione, nella politica, non le sue qualità e i suoi gusti.

La sua carriera è passata attraverso  schieramenti  assai diversi ma nella sua biografia non appare?

Questo è un campanello d’allarme da non trascurare. Possono esserci molte buone ragioni per cambiare partito o addirittura schieramento. Nessuna per nasconderlo agli elettori. In molte occasioni, nelle ultime tornate elettorali,  abbiamo trovato biografie di candidati  passati ad esempio dal centrodestra al centrosinistra,  in cui erano elencate le cariche  politiche e amministrative ricoperte in precedenza senza però  l’indicazione del partito (2)

punto interr 92) IL/LA  CANDIDATO/A E’ SOTTOPOSTO A INDAGINI/PROCEDIMENTI/PROCESSI PENALI?

Diverse sono le correnti di pensiero sui candidati  che si trovano nella  condizione di  indagato, imputato, condannato Fermo restando che, fino a una condanna definitiva, il candidato è, come tutti i cittadini, presumibilmente non colpevole, e che, se non ha subito condanne che lo privino del diritto all’ elettorato passivo,  è libero di candidarsi,  pensiamo che l’elettore dovrebbe quantomeno essere messo  a conoscenza del suo status, per fare una scelta consapevole. E pensiamo anche che sia il partito sia il candidato abbiano  il dovere  spiegare i motivi della sua candidatura. (3)

Il candidato è indagato, imputato, condannato o sottoposto a misure di prevenzione personali o patrimoniali per reati  quali corruzione, concussione, criminalità organizzata e mafiosa, traffico di sostanze stupefacenti, voto di scambio estorsione, truffa, usura, riciclaggio, traffico illecito di rifiuti e altri gravi reati ambientali  (4)?

La Carta di Avviso Pubblico – Codice etico della buona politica prevede (5) che un pubblico amministratore si dimetta – a maggior ragione non si candidi – nel caso in cui  sia rinviato a giudizio o sottoposto a misure di prevenzione personali o patrimoniali per i reati sopra elencati. Ma – a qualsiasi livello si fissi l’asticella, la responsabilità è  anche dei partiti che non dovrebbero  candidare  soggetti che possono essere condannati dopo l’elezione o  – ancora peggio –  che sono già stati condannati in primo o secondo grado.

Il candidato ha avuto una condanna in  primo e secondo grado  per reati come quelli sopracitati e successivamente  il reato si è estinto per prescrizione?

Sempre la Carta di Avviso Pubblico – Codice etico della buona politica  prevede (5) che in caso di prescrizione, l’amministratore debba rinunziarvi, per dimostrare la propria non colpevolezza. Un politico che ci chiede il voto dovrebbe avere tutto l’interesse che sia  accertata   la sua estraneità ai fatti di cui  è  accusato. Se non se la sente, meglio restare un normale cittadino.

Spunto interr 73) IL/LA  CANDIDATO/A   HA CAMBIATO UNA O PIU’ VOLTE PARTITO?

L’ultima legisatura ha registrato il record del “cambio di casacche”, cioè il passaggio – più o meno disinvolto – da un partito a un altro. Secondo  Openpolis (6), dal 2013 al 2018  347 parlamentari (il 35,53% degli eletti) hanno cambiato 566 volte. Cioè qualcuno addirittura più di una volta (7)
 
Il candidato ha cambiato una o più volte partito,  in Parlamento e/o negli enti locali?
 
L’art. 67 della Costituzione prevede la piena autonomia del parlamentare  (“Ogni membro del parlamento rappresenta la nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”), ma è necessario conoscere  circostanze e motivazioni del cambio di partito, per valutare  se si tratti di scelte in coerenza con le proprie convinzioni politiche o piuttosto dettate da opportunismi  individuali.

punto interr 34) PAROLE  E PROGRAMMI

Nelle campagne elettorali, si sa, le promesse si sprecano, salvo poi,  troppo spesso, finire  nel dimenticatoio subito dopo.  Ma anche in questo è importante distinguere il grado di serietà dei programmi valutando vari aspetti:

Il candidato partecipa a vernissage, dibattiti, presentazioni varie in cui spiega cosa farà se verrà eletto, ma poi non trovi traccia dei punti programmatici  sul suo sito/blog?

“Verba volant” espressione tristemente nota soprattutto in politica. E se ormai sono pochi gli elettori che si prendono la briga di leggere i programmi, soprattutto quelli più  articolati, è sicuramente una garanzia degli impegni presi   – o quantomeno un deterrente per clamorosi  ripensamenti –  che siano “messi nero su bianco”  (8)

Il programma del candidato/del partito  è concreto e  verificabile,  o promette prodigiosi tagli delle tasse, opere avveniristiche o emolumenti a varie categorie di cittadini ecc senza spiegarne la fattibilità  e la copertura finanziaria ?

Il  programma del candidato/del partito indica con sufficiente precisione le soluzioni che si intendono adottare per perseguire determinati obiettivi o si limita ad affermazioni generiche? Cioè lancia slogan astratti (“cura del ferro”, “mobilità sostenibile”) o  proposte concrete e  verificabili  (“10 km di nuove piste ciclabili entro…, linea tramviaria XY su sede propria da… a…etc)(9)?

Se è inevitabile uno scarto tra un programma elettorale e quanto viene poi effettivamente realizzato,  un distacco troppo ampio, o addirittura una linea  di governo (o di opposizione) in contraddizione  con gli impegni presi con i cittadini,  permette di fare una valutazione sulla coerenza di un candidato o di un partito. L’ideale sarebbe  fare un confronto con i programmi elettorali precedenti, impresa però  alquanto impegnativa (10) .

punto interr 15) L’ “ASCOLTO” DEI CITTADINI

Un altro tormentone della propaganda  elettorale è quello di andare sui territori “ad ascoltare i cittadini”, che sono  ormai rassegnati a queste periodiche calate di politici,  a cui  chiedono  sempre le stesse cose, da anni, perchè assai raramente all’ascolto seguono i fatti.  E come i programmi “copia e incolla” dei candidati,   anche la maggior parte delle proposte e rivendicazioni di associazioni e comitati – ne abbiamo esperienza diretta –  sono “copia e incolla”.

Quante volte un candidato già eletto in passato  è tornato in  quei territori  a “riascoltare”  quei cittadini fuori  dalla  campagna elettorale?

Si è fatto carico con serietà e continuità delle problematiche segnalate dai cittadini?

Quante iniziative della sua amministrazione, a lungo sollecitate, sono andate  a buon fine (o hanno fatto un passo avanti)  proprio nelle settimane prima della consultazione elettorale?

Il neo candidato, prima delle elezioni, si è mai recato  sui territori o negli  ambienti ai quali chiede il voto? Dimostra di averne approfondito le problematiche o si limita a lanciare i suoi slogan buoni per qualsiasi territorio e situazione?

Un buon indicatore, utile a  valutare quanto un candidato sia effettivamente  disponibile  all’ascolto,  è verificare se – su siti, blog o pagine Fb  – si trovino  in vista dei contatti di varia natura, ai quali  risponda effettivamente qualcuno in breve tempo.

punto interr 56) UNA PERSONA O UN GRUPPO?

La comunicazione politica (e non solo) ci porta sempre più  a concentrarci sui singoli, che siano  leader di partito o candidati,   come se dovessimo scegliere il nostro rappresentante  sulla base  di  carattere,  idee,  valori, modi di fare  che vengono esibiti  nelle arene televisive (o nelle occasioni di incontro organizzate a fini  elettorali).  Così si finisce  spesso con il dare più importanza all’immagine del candidato –  “è simpatico”, “mi assomiglia” –  spesso costruita a tavolino dagli staff di comunicazione,  che alla sua visione e alle  sue capacità  utili a  svolgere il compito di parlamentare o di amministratore.

Quanto valuto un candidato in base alla sua personalità apparente e quanto in base a quello che  ha fatto effettivamente ?

Molte liste arruolano  singoli esponenti della società civile che,  più che persone adatte a rappresentare i propri elettori in parlamento o negli enti locali,  sono  “fiori all’occhiello” che aumentano il prestigio o la credibilità della formazione  (ad esempio esponenti  della cultura, sportivi,  professionisti famosi) e anche i voti, anche se   spesso  le preferenze raccolte sono insufficienti a garantirne l’elezione .

Quanto il candidato è stato scelto per  le sue competenze e esperienze e quanto invece come “testimonial”?

Diverso il discorso quando  i candidati   sono  espressione di una realtà sociale, intesa non come categoria corporativista, ma come  gruppo di persone con valori comuni che si impegna nel tempo  per i diritti, per il lavoro, nel volontariato,  sui territori etc.  

Il candidato proviene da un gruppo da tempo attivo e impegnato nel sociale o nei territori?

Se alle spalle del candidato c’è un  gruppo che ne condivide il  progetto, l’eletto  potrà  continuare a  trarne la sua spinta propulsiva, insieme al  contatto con la realtà e il bisogno di  coerenza.

punto interr 27) CHI FINANZIA IL CANDIDATO/A

Quella del 2018 è la prima campagna senza finanziamento pubblico dei partiti, neppure sotto forma di rimborso elettorale. Così manifesti, volantini, pranzi, cene, comizi, convegni,  feste e vernissage  sono a  carico dei partiti e dei candidati, favorendo, come osserva un illuminante articolo di Marco Damilano su l’Espresso, l’ ascesa delle formazioni personali con i leader trasformati in fundraiser, procacciatori di finanziamenti in arrivo dai privati (11). E il finanziamento è il  lato della  campagna elettorale che ha più  margini di  opacità, dato che difficilmente  i cittadini vengono  a sapere da quale fonte vengono attinti i finanziamenti per  la campagna (12).

Il candidato  dichiara le fonti di finanziamento della sua campagna elettorale? Pubblica sul suo sito i resoconti delle donazioni ricevute da aziende private e le spese elettorali sostenute (anche prima delle scadenze stabilite dalle  normative) ?

La lista/il  partito dichiara da chi riceve i  fondi spesi per la campagna elettorale?

Come è immaginabile, il punto riguarda il caso delicato -  e frequente – in cui  l’eletto dovesse  trovarsi a fare scelte che  riguardano   provvedimenti che possono favorire alcuni dei suoi benefattori. A questo proposito  la Carta di Avviso Pubblico – Codice etico della buona politica prevede che l ‘amministratore  si impegni a non ricevere finanziamenti da parte di privati che abbiano rapporti contrattuali con l’amministrazione (13). Se l’impegno fosse sottoscritto e rispettato da tutti, probabilmente i finanziamenti a partiti e candidati si assottiglierebbero notevolmente.   Eppure,  è questa l’unica vera garanzia dell’imparzialità di un amministratore,   che deve  perseguire unicamente l’interesse pubblico generale.

Va detto che  il  candidato che dichiara  le sue  spese e le sue fonti di finanziamento già durante la campagna elettorale dimostra una trasparenza fuori dal comune.

punto interr 6IL MIGLIOR METRO DI GIUDIZIO

E’ un luogo comune che la politica  trasformi i fatti secondo la bisogna,  con ben poche preoccupazioni per la verità e la coerenza. Molti elettori lo danno per scontato, e anzi, trovano normale anche il  doppio standard:  accusando  di falsità i propri avversari politici, ma diventando improvvisamente indulgenti  sulle  manipolazioni operate dai propri compagni di partito o di movimento. Così,  all’insegna di “il fine giustifica i mezzi”,  si finisce con il coprire  errori e contraddizioni  della propria parte  o con l’amplificarne  oltre misura i meriti, anche quando sono di altri. O, al contrario, di comprimere le ragioni altrui esasperandone i torti.

Ma chi nasconde i propri errori, chi si prende meriti altrui, chi non ha il coraggio di dichiarare ripensamenti e fare autocritica, inganna i cittadini.

Per quante giustificazioni si possano trovare, senza verità non c’è democrazia, non c’è uguaglianza, non c’è dignità .

E chi mente non merita il nostro voto.

(Roma 21 febbraio 2018)

Il Laboratorio per una Politica trasparente e democratica di Carteinregola

LOGO ARCO E MATITA-definitivo

(1) Non esistono  giustificazioni come  il non  avere  tempo – o, peggio, fondi – per non realizzare un semplice spazio web  dove inserire  a portata di click tutte le informazioni. Una pagina Facebook si costruisce in pochi minuti, un blog –  esistono anche  gratuiti  – in un’ora.

(2) Nei CV   dei consiglieri regionali  pubblicati sul sito istituzionali non sono indicati i partiti con cui in passato hanno svolto il ruolo di  consigliere  comunale, capitolino, regionale. In un caso – Righini di FdI – è addirittura omessa la carriera politica precedente. Noi abbiamo ricostruito  il curriculum partitico  di alcuni candidati alle elezioni regionali  con molta esperienza alle spalle e anche con qualche cambio di schieramento: vai a Candidati navigati alla Regione Lazio

(3) Le scelte della composizione e dei criteri di inclusione ed esclusione delle liste sono responsabilità  dei partiti e dei candidati  (Presidente di Regione, Sindaco). Ma  è   auspicabile  che i partiti decidano di usare criteri più restrittivi di quanto prescritto dalla legge,  anche  decidendo  di non mettere in lista  soggetti sospettati di aver commesso reati. Il punto è dove si fissa l’asticella.  Troppo restrittivo a nostro  avviso escludere  i semplici indagati – in molti casi l’apertura di un fascicolo è un atto dovuto, in seguito a una denuncia da parte di qualcuno che potrebbe avere interesse a mettere fuori gioco un avversario politico o un amministratore troppo solerte –  mentre è certamente politicamente raccomandabile lasciare a casa chi è stato condannato  in  primo grado. Da valutare il rinvio a giudizio, cioè un atto richiesto da un Pubblico Ministero e convalidato da un GUP (Giudice per l’Udienza Preliminare), quando ritiene che ci siano sufficienti elementi per sostenere l’accusa in giudizio. Giudizio di cui non è scontato l’esito:  infatti  il caso viene sottoposto  al giudice di primo grado che  può  prosciogliere o condannare (e in caso di condanna si può accedere agli altri gradi di giudizio). Ma l’asticella  dovrebbe  tenere conto anche del tipo di reato ipotizzato, distinguendo quei reati che non mettono in dubbio l’onestà e la capacità di amministrare dell’interessato – ad esempio diffamazione – , dalla  corruzione, dall’appropriazione indebita  o reati ben più gravi. E anche dalle circostanze già note: un amministratore  ripreso dai carabinieri mentre intasca una mazzetta forse può essere escluso dalle liste anche prima della condanna definitiva…

(4) Questi i reati più gravi individuati dalla carta di Avviso Pubblico – Codice Etico per la buona politica che include anche “altri delitti contro l’ordine pubblico – ad eccezione degli articoli 414, n. 2 e 415 codice penale”

5)Art.21 scarica 20141025_carta-di-avviso-pubblico

(6) Openpolis 28 dicembre 2017 Cosa succede in parlamento nell’ultima settimana della legislatura

Si veda anche: Openpolis 30 giugno 2017 Perché i cambi di gruppo sono un problema

(7) Un senatore eletto nel PDL nel 2013, Luigi Compagna, ha accumulato addirittura 9 cambi di casacca nella stessa legislatura

.(8) Alcuni significativi esempi: nel programma della candidata Sindaca Virginia Raggi del 2016 non si parla affatto di Stadio della Roma, nonostante  il M5S quando era all’opposizione del Sindaco Marino avesse fatto una durissima battaglia, promuovendo persino ricorsi legali,  e abbiamo visto com’è andata a finire. Il “Piano Casa Polverini”, è stato prorogato per due anni con poche modifiche  (per la parte edilizia) dalla Giunta Zingaretti,  e l’assessore Civita, quando gli abbiamo ricordato  che nel programma elettorale del 2013 era scritto: “Servono, a regime, regole che garantiscano la sostenibilità urbanistica degli interventi di trasformazione diretta e che restituiscano ai Comuni il governo del loro territorioaveva risposto che non era scritto da nessuna parte del programma di Zingaretti che sarebbe stato abolito il Piano casa Polverini…infatti ! (vai al programma del 2013per l’urbanistica  di Zingaretti  e degli altri candidati ).

(9) vedi Che programmi avete per le elezioni? Analisi delle proposte politiche dei partiti della Fondazione Cattaneo (scarica Analisi-Istituto-Cattaneo-Analisi-dei-programmi-elezioni-2018-Valbruzzi)

(10)  Chi volesse fare un confronto dei programmi delle elezioni regionali  del Lazio 2018 con quelli del 2013 (anche se le formazioni a supporto dei candidati sono un po’ cambiate),  può trovare entrambi nelle sezioni dei candidati Presidenti  linkate a questa pagina > Vai alla pagina Elezioni regionali 2018

Si veda il caso emblematico  della ferrovia  Roma Lido: ad ogni tornata elettorale i candidati si  ricordano dei pendolari, mettendo nei programmi la trasformazione della linea in metropolitana leggera, il suo trasferimento  al Comune (oggi è della Regione, e gestita da ATAC), il potenziamento  dei treni, l’ammodernamento delle strutture  e l’ aumento della frequenza. L’ha detto Veltroni, l’ha detto Alemanno, l’ha detto Marino.. l’ha detto la Polverini. L’ha detto anche Zingaretti nel 2013. E tutto è rimasto (quasi) uguale.

mosaico programmi elettorali roma lido

 

(11) Damilano ne individua i modelli nella fondazione renziana, ma anche nei ruoliodi Silvio Berlusconi per Forza Italia e di Beppe Grillo e di Davide Casaleggio per il Movimento 5 Stelle. http://espresso.repubblica.it/palazzo/2017/11/27/news/perche-la-campagna-elettorale-per-il-2018-sara-un-momento-storico-per-l-italia-1.315029

(12)  da tempo Carteinregola lamenta l’inadeguatezza di quanto pubblicato sui siti istituzionali rispetto ai finanziamenti elettorali, dato che per legge  non è obbligatorio indicare quali soggetti –  quindi anche società – abbiano  erogato contributi al candidato inferiori ai 5000 euro. Per  esempio un consigliere regionale che nel 2013 ha dichiarato di aver ricevuto più di 30.000 euro da persone fisiche e più di 60.000 da “altri soggetti” (quindi persone giuridiche  come società, cooperative, fondazioni), all’interno di  questi ultimi indica  solo   tre soggetti per un totale 45.000 euro

(13) la Carta di Avviso Pubblico – Codice etico della buona politica, all’art.12 prevede che l’amministratore si astenga “dal richiedere o dal ricevere finanziamenti e altre forme di sostegno alla propria attività politica da parte di concessionari o gestori di pubblici servizi, ovvero da privati che hanno rapporti di natura contrattuale con l’amministrazione, o che hanno domandato od ottenuto provvedimenti da essa nei 5 anni precedenti, nell’ambito di procedimenti nei quali l’amministratore abbia svolto una funzione decisionale o istruttoria”.

Share This Post