Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il Modello Roma è finito

modello roma game over

Carteinregola inaugura una sezione del  sito dedicata al cosiddetto “Modello Roma”, la lunga  stagione di governo del centrosinistra della Capitale cominciato con Rutelli nel 1993,  che dopo il promettente slancio iniziale si è  conclusa con la vittoria  della destra di Alemanno,  nel 2008. Un modello  che sotto i lustrini delle “notti bianche”  e dei festival ha, a nostro avviso, costruito le premesse dello  sfascio successivo,  e su cui non si è mai fatta la necessaria autocritica. Come è nello stile di Carteinregola, non ci affideremo alle opinioni, ma ai fatti.  Rispolvereremo la memoria dei cittadini  su bilanci, opere – incompiute e non – strategie urbanistiche, e soprattutto percorsi e biografie dei suoi protagonisti. Naturalmente con la massima disponibilità a pubblicare  i contributi al dibattito che dovessero pervenirci (laboratorio@carteinregola@gmail.com)

In questo momento così difficile per la città e per chi cerca di portarla fuori dal pantano, tornano alla ribalta (ma in realtà non se ne sono mai andati) molti protagonisti del passato, soprattutto di quel “Modello Roma” del Sindaco Veltroni e del “guru” Goffredo Bettini, ansiosi di elargire critiche e consigli, presumibilmente per riportare la Capitale  ai fasti di quando c’erano loro.

Ma noi pensiamo che se la città si è ridotta in questo stato, con una classe politica dedita – per usare l’eufemistica categoria di Fabrizio Barca – “al potere per il potere”, con risorse pubbliche schiacciate da debiti fuori controllo, con un’amministrazione paralizzata da anni, con cittadini diventati questuanti di favori, con la distruzione dei legami sociali,  le responsabilità non si possano scaricare solo sul quinquennio alemanniano, e sull’allegata pseudo opposizione Pd (con le debite eccezioni), ma che si debbano  individuare  consistenti  radici nelle  amministrazioni precedenti, a partire dalle giunte Rutelli e Veltroni.

Le indagini di Mafia Capitale hanno reso visibile a tutti un degrado materiale, culturale e morale che scorre da anni sotto la superficie della città: le buche stradali, la sporcizia, la povertà e la solitudine sono la crosta, quello che si vede da fuori. Sotto c’è una pluriennale stratificazione di potentati, favori,  spolpamento dei beni collettivi, scardinamento  delle regole, prevalenza dei profitti privati sull’interesse pubblico.

Quello che intendiamo fare è ricostruire tutti gli avvenimenti del periodo 1993 – 2008 che hanno avuto ricadute sulla storia successiva  (in  altre sezioni del sito raccoglieremo gli snodi seguenti) e soprattutto ricostruire i percorsi dei tanti attori principali e secondari che si sono incrociati e susseguiti fino a oggi, con una “rotazione” che si è tradotta in passaggi dal Comune alla Provincia alla Regione alle partecipate per poi approdare in parlamento e magari  ricominciare il giro.

Vogliamo affrontare un discorso che nessuno ha (avuto) il coraggio di affrontare. Perchè  solo rimettendo in discussione gli errori di quel periodo possiamo sperare di ricominciare col piede giusto.

Il tempo del cambiamento è ora.

> VAI ALLA  PAGINA #ilmodelloromaèfinito

 AMBM

0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Bruna
Bruna
9 anni fa

Sono pienamente d’accordo sulla messa in discussione di quel modello Roma che ha condotto alla orribile situazione attuale Anche per sventare il tentativo di interrompere la strada che solo recentemente si è imboccata NON DOBBIAMO PERMETTERE CHE SI TORNI INDIETRO

Maria Agata Cappiello
Maria Agata Cappiello
8 anni fa

sono molto interessata ai vostri interventi, che trovo sempre stimolanti e il cui contenuto assai spesso condivido