Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Gli Impianti Sportivi di Roma Capitale: a che punto siamo?

Palazzetto dello sport (foto AMBM)

di Thaya Passarelli e Maria Spina

Dal 2014 ci interessiamo degli impianti sportivi di Roma Capitale in concessione. Nel corso degli anni le nostre inchieste hanno riguardato le caratteristiche degli impianti, l’offerta sportiva pubblica, la (scarsa) trasparenza sulle tariffe e sui servizi, il regolamento degli impianti sportivi e i canoni di concessione. Durante la Giunta Raggi molto è stato fatto sul fronte della trasparenza, grazie anche all’impegno di Angelo Diario, Presidente della Commissione Sport, ma molto resta ancora da fare. E noi ci auguriamo che il nuovo Assessore allo Sport e il nuovo Presidente della Commissione Sport di Roma Capitale vorranno portare avanti con determinazione gli impegni assunti con la cittadinanza per assicurare a tutti, ma soprattutto alle fasce deboli, l’accesso alle tante strutture sportive comunali e municipali già aperte e in funzione e a quelle che potranno esserlo a breve. Per questi motivi la trasparenza e l’informazione sono ESSENZIALI.

Riteniamo quindi utile segnalare quanto pubblicato dall’ex Presidente della Commissione Sport sul proprio blog e cioè che: «dal 2016 ad oggi il numero di impianti censiti è passato da 164 a 205, ai quali ne andranno aggiunti 5 (che il Dipartimento deve ancora classificare) e ne va sottratto uno (che il Dipartimento dovrà delistare)». Così come appare assai lodevole la sua precisazione: «ho pensato di pubblicare, a beneficio dell’attuale Amministrazione e di tutte le società e associazioni sportive eventualmente interessate alla gestione di un impianto pubblico, il risultato del lavoro svolto tra il 2016 e il 2021: censimento impianti sportivi di Roma Capitale 2021. La nuova Giunta – prosegue Diario – dovrà, quindi, focalizzare l’attenzione sui 24 impianti sportivi che risultano attualmente chiusi, molti dei quali in stato di abbandono più o meno avanzato. Alcuni impianti, tuttavia, sono stati oggetto di bandi andati deserti a causa di errori di sopravvalutazione del loro valore economico; in questi casi, dato che buona parte del lavoro di costruzione del bando è già stato fatto, per concluder l’iter di assegnazione occorrerà “solo” ridurre il peso dato alle componenti economiche. Altri impianti stanno per essere completati (il centro sportivo di via Como – Municipio 2, ndr – sarà pronto entro la fine dell’anno e il Palazzetto dello Sport di Cesano entro il 2022) o riqualificati (il Palazzetto dello Sport di viale Tiziano sarà pronto entro la prossima primavera)“.

Come avevamo avuto già modo di scrivere nel dicembre 2017, facciamo presente che l’elenco degli impianti sportivi comunali disaggregati per singolo municipio, il relativo Regolamento e le tariffe vigenti, sono consultabili a questo link raggiungibile dal sito di Roma Capitale/Portale Istituzionale/Servizi/Sport.

Ricordiamo anche che gli impianti sportivi comunali fanno parte del patrimonio indisponibile di Roma Capitale e che i canoni di concessione annualmente dovuti a Roma Capitale sono riportati nell’elenco “Canoni relativi ai beni gestiti in concessione” reperibile a questo link da cui è tuttavia impossibile individuare il singolo impianto sportivo se non se ne conosce il nome e l’esatta ubicazione in quanto nel file sono riportate genericamente le singole aree o i singoli fabbricati. Non è poi possibile sapere se il pagamento dei canoni avviene con regolarità, se la concessione è scaduta o se è stata rinnovata… C’è ancora molto lavoro da fare e noi lo documenteremo. Come sempre.

Per osservazioni e comunicazioni: laboratoriocarteinregola@gmail.com

22 novembre 2021

Per approfondimento vedi anche:

https://www.carteinregola.it/index.php/nuovo-regolamento-impianti-sportivi-comunali-il-coraggio-delle-regole/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *