Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Solidarietà a Sabrina Alfonsi: sulla 194 non si torna indietro

foto alfonsi azione frontale 30 11 2018

Foto da Roma Today

Carteinregola esprime solidarietà a Sabrina Alfonsi e a tutte le donne e gli uomini che continuano a sostenere la libertà e il diritto all’autodeterminazione delle donne, conquistati con anni di battaglie politiche, culturali e umane.

Dopo i minacciosi manifesti di Azione Frontale affissi stanotte sui muri esterni della sede del I Municipio Centro Storico, che raffigurano il volto della minisindaca e la scritta: “Quando la politica diventa morte. Giù le mani da ProVita!“, la Casa Internazionale delle donne ha indetto una manifestazione di solidarietà per oggi venerdì 30 novembre alle 18, davanti alla sede del primo Municipio, in via Petroselli 50, per sostenere la Presidente Sabrina Alfonsi.
Ci auguriamo che di fronte a questo episodio si mettano da parte le differenti appartenenze politiche e che le più alte  istituzioni comunali, a partire dalla Sindaca Virginia Raggi, dall’Assessora Flavia Marzano*, dalla Presidente della Commisione Pari opportunità Gemma Guerrini, dalla Presidente della commissione Politiche sociali Agnese Catini,  insieme  alle consigliere e ai consiglieri capitolini tutti, mandino un segnale  forte e chiaro di solidarietà alla Presidente.
Per dire ancora una volta, insieme alle cittadine e ai cittadini, che non ci faremo intimidire da chi vorrebbe portare  l’orologio indietro di 50 anni e cancellare la dignità e i diritti delle donne con azioni minacciose e squadriste. (in calce alcune informazioni)
Associazione Carteinregola
Logo carteinregola con baffo 2
Per osservazioni e precisazioni: laboratoriocarteinregola@gmail.com

Manifestazione davanti al I Municipio (foto Paolo Gelsomini)

Un pericoloso  crescendo contro la  Legge 194 (1)  (difesa in Campidoglio da un fronte che comprende la maggioranza pentastellata e le opposizioni di centro sinistra) 
I Manifesti contro Sabrina Alfonsi sono l’ultimo episodio di un crescendo che negli ultimi mesi ha avuto una notevole accelerazione, anche in seguito a esternazioni, prese di posizione e  proposte di legge nazionali, come il Decreto del ministro leghista Pillon (2), che mirano a cancellare diritti conquistati faticosamente grazie a battaglie delle donne che vengono da molto lontano.
Dopo che al Comune di  Verona il 5 ottobre scorso  è stata approvata una mozione “pro vita” che contiene un attacco assai crudo all’interruzione volontaria di gravidanza –  “uccisioni nascoste provocate dalle pillole abortive”, “con gli aborti si diffonde la cultura dello scarto(3),-  Fratelli d’Italia ha presentato all’Assemblea Capitolina una  mozione  – assai più misurata nel linguaggio ma con un sottotesto  assai simile – che  è stata bocciata con 33 voti contrari e 6 favorevoli, mentre sono state approvate a larghissima maggioranza altre due mozioni, una presentata dal centro sinistra PD lista civica insieme a Cristina Grancio  (ora DEMA) e  un’altra da Stefano Fassina di Sinistra per Roma e ancora Grancio.
L’Aula ha approvato l’atto “in difesa degli inalienabili diritti di autodeterminazione delle donne garantite dalla legge 194/1978, a tutela della salute e del riconoscimento di una maternità consapevole(4) con i voti del M5S capitolino,  che ha sostenuto convintamente le mozioni delle opposizioni, come dichiarato dalla Presidente della commissione Politiche sociali, la consigliera Agnese Catini : ‘Noi come gruppo siamo a favore dell’autodeterminazione delle donne. Siamo a favore di questa mozione” [quella di Stefano Fassina] “per ribadire l’intenzione di questa assemblea per la piena applicazione della 194 e per dare la possibilità alle donne, come prevede la legge, di autodeterminarsi”.
Ma l’attacco ad Alfonsi è legato a una vicenda parallela, nata nella primavera  scorsa, quando la città sè stata  tappezzata di manifesti antiabortisti con un contenuto molto forte (5), suscitando la richiesta alla Sindaca che venissero rimossi, cosa poi avvenuta.
E arriviamo a qualche giorno fa, quando la Presidente Alfonsi,  insieme alle assessore e consigliere del Municipio,  ha  oscurato con alcuni fogli di carta attaccati con lo scotch un manifesto conro l’interruzione di gravidanza ancora affisso nella vetrina della sede dell’associazione Pro vita (6). La reazione non si è fatta attendere: prima un gruppo di attivisti Provita  si è  recato in consiglio municipale srotolando lo  striscione  “Alfonsi dimettiti(7), poi i manifesti di stanotte (8). Con quel non casuale accostamento di parole “Alfonsi” e “morte”, fatto apposta per spaventare.
CHI SONO QUELLI DI  AZIONE FRONTALE
AZION E FRONTALE SITO 4> VAI AL SITO DI AZIONE FRONTALE http://www.azionefrontale.it/
 * L’Assessora Marzano ha espresso la sua solidarietà commentando il post di Sabrina Alfonsi  su  Facebook, come moltissimi altri esponenti politici (consiglieri comunali, municipali e regionali) del PD e non solo.
 (1) Vedi La  storia della Legge 22 maggio 1978, n. 194 su Wikipedia
> Vai al testo della legge su Altalex
(2) Vedi TPI Ddl Pillon: cosa prevede il disegno di legge sull’affido condiviso dei figli Di Redazione TPI
Le Formiche Perché sono contro il decreto Pillon e dalla parte dei minori e delle madri di Alessandra Servidori
(3)scarica la mozione di Verona Mozione Pro vita Verona ott 2018
vedi Verona Sera 5 ottobre 2018  Il consiglio comunale di Verona ha approvato la mozione anti-aborto Il consigliere proponente Zelger: “Adoperarsi per la diffusione di una cultura di accoglienza della vita”. L’opposizione attacca: “Si critica una legge giusta”. Presenti in aula anche le attiviste di Non Una di Meno

(4) vedi RomaToday 22 novembre 2018  Roma non è Verona, M5S e centrosinistra bocciano la mozione ‘pro-vita': “Sostegno alle 194″

(5) vedi

Roma Today 6 aprile 2018 Rimosso manifesto antiaborto via Gregorio VII

Dopo le polemiche e la richiesta di togliere il messaggio della ProVita onlus l’annuncio di Aurelio in Comune: “Soddisfazione per la rimozione dell’aberrante maxi-manifesto”

Roma Today 14 maggio 2018 ‘L’aborto è la prima causa di femminicidio’, manifesti choc per Roma: “Il Comune intervenga”
Gli autori: “Diritto di opinione”. Del Bello: “Offendono le donne”

(6) Roma Today 27 novembre 2018 Viale Manzoni, flash mob contro i manifesti anti abortisti: Alfonsi in prima linea, ira di Fdi

La presidente del I municipio: “La legge 194 costituisce uno dei capisaldi del diritto delle donne all’autodeterminazione e alla libertà di scelta”

(7) Roam Today 29 novembre 2018 Flash Mob Pro Vita consiglio I Municipio Centro: “Alfonsi dimettiti” Il presidente dell’associazione: “Da Sabrina Alfonsi abbiamo subìto un atto incivile e abusivo”. La replica della minisindaca: “Quella dell’autodeterminazione delle donne in materia di aborto è una battaglia delle nostre madri”

(8)Roma Today 30 novembre Manifesti di Azione Frontale contro Sabrina Alfonsi in difesa di Pro Vita
Flash mob antiaborto, Azione Frontale contro Sabrina Alfonsi: “Quando la politica diventa morte” I manifesti affissi sulla sede del Municipio dopo il blitz di Pro Vita in consiglio comunale

 

Share This Post

One Response to Solidarietà a Sabrina Alfonsi: sulla 194 non si torna indietro

  1. Pingback: Famiglia Di Consiglio, vi ricordiamo lo stesso |

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>