Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

L’impegno civico contro la pandemia dei pini continua

Pubblichiamo un aggiornamento (1) dell’iniziativa di Paolo Salonia per contrastare la diffusione di un parassita dei pini che rischia di cambiare per sempre il paesaggio della Capitale. A oggi le tecniche sono ancora in via sperimentale, ma è necessario un cambio di passo da parte delle amministrazioni prima che sia troppo tardi. E ben venga il generoso esempio di Salonia. (AMBM)

I CITTADINI SALVANO I 500 PINI DI SAXA RUBRA

di Paolo Salonia

Mercoledì 13 gennaio 2021 sono iniziati i trattamenti endoterapici per salvare i 500 pini di Saxa Rubra, al fine di contrastare gli attacchi devastanti della Toumeyella Parvicornis, volgarmente nota come “cocciniglia tartaruga”, il parassita che sta letteralmente succhiando loro la vita. Così come sta facendo dal 2015 sulle altre centinaia di migliaia di pini domestici in altri territori del Paese e dal 2018 nella nostra città.

L’intervento è interamente supportato da privati cittadini e rappresenta l’esito di una iniziativa civica da me promossa, già da luglio, attraverso la raccolta dei fondi necessari tra i residenti della zona, sostituendomi fattivamente alla Pubblica Amministrazione completamente latitante (1).

Il trattamento endoterapico viene eseguito da una ditta che ha grande esperienza in questo tipo di trattamenti endoterapici ed è partner dell’Università di Napoli Federico II nelle sperimentazioni che da tempo vengono condotte anche in Roma all’Eur, finalizzate alla definizione scientifica dei metodi migliori per la lotta contro la Toumeyella Parvicornis. I lavori saranno supervisionati da una Dottoressa Agronoma che garantirà lo svolgimento e il buon esito delle operazioni.

L’intervento è stato autorizzato dal Responsabile dell’Ufficio Sistema Arboreo Cittadino della Direzione “Gestione Territoriale Ambientale e del verde” Dipartimento Tutela Ambientale del Comune di Roma, al quale avevo inoltrato regolare richiesta, specificando in modo esplicito che si sarebbe trattato di endoterapia con utilizzo del fitofarmaco abamectina come contrasto alla Toumeyella Parvicornis.

Dunque, il risultato ottenuto, con questa autorizzazione, appare ancora maggiore, considerando che, come noto, le Autorità competenti, ad iniziare dai Ministeri (Agricoltura, Ambiente, Beni Culturali) di concerto con il Servizio Fitosanitario Nazionale, non hanno ancora definito protocolli e normativa che consentirebbero di predisporre le procedure operative sulla base delle quali i diversi Enti territoriali possono materialmente intervenire. La mancanza di una normativa nazionale, autorizzativa di metodo e di fito-farmaco ammesso, e delle conseguenti indicazioni del Servizio Fitosanitario regionale, è in pratica diventata il gigantesco alibi dietro al quale nascondere questo inaccettabile e colpevole immobilismo.

Anche a Roma la Pubblica Amministrazione continua ad essere latitante nella difesa del patrimonio arboreo, anche se dovrebbe essere imminente l’approvazione in Assemblea Capitolina del Regolamento del Verde, mentre continuiamo ad assistere a tagli di alberature, senza la dovuta trasparenza e informazione ai cittadini. Ultimi esempi l’abbattimento di quindici pini a via Flaminia e la cancellazione della quinta storica di pini domestici di via di San Gregorio, oggetto di rimpallo tra le diverse Soprintendenze e Parco Archeologico del Colosseo.

Ma il destino degli alberi della Capitale sta molto a cuore ai cittadini, che hanno costituito molti gruppi a difesa del patrimonio arboreo, e che, come nel caso di Saxa Rubra, hanno prontamente aderito alla mia sollecitazione facendosi carico della cura di 500 pini.
Forse è questo il significato dell’art. 118 della nostra Costituzione, in mancanza del rispetto del più citato (inutilmente) art. 9?

Paolo Salonia

Per osservazioni e precisazioni: laboratoriocarteinregola@gmail.com

vedi anche

Roma rischia di perdere un milione di pini, le istituzioni intervengano

Roma rischia di perdere un milione di pini, le istituzioni intervengano

Pubblichiamo un nuovo appello delle associazioni, tra le quali Carteinregola, questa volta oggetto di quattro lettere spedite alle istituzioni coinvolte, per chiedere misure urgenti per fermare l’epidemia che minaccia i…

Redazione -24 Novembre 2020Nessun CommentoContinua#

Pini di Roma in pericolo: l’appello di Italia Nostra

Pini di Roma in pericolo: l’appello di Italia Nostra

Italia Nostra ha lanciato un Appello ai Ministeri delle Politiche Agricole, dell’Ambiente e dei beni Culturali, alla Regione Lazio e al Comune di Roma, per chiedere tempestivi provvedimenti in difesa…

Redazione -14 Ottobre 2020Nessun CommentoContinua#

Cronaca di una strage di pini annunciata (in Commissione ambiente)

Cronaca di una strage di pini annunciata (in Commissione ambiente)

Pubblichiamo un report  sintetico e il video della riunione della Commissione capitolina Ambiente che si è svolta il 16 settembre scorso con all’ordine del giorno la diffusione  della cocciniglia tartaruga…

Redazione -24 Settembre 2020Nessun CommentoContinua#

I Pini di Roma rischiano di scomparire e nessuno interviene. Una proposta -31 Agosto 2020 Continua#

NOTE

(1)I Pini di Roma rischiano di scomparire e nessuno interviene. Una proposta -31 Agosto 2020Continua#

One Response to L’impegno civico contro la pandemia dei pini continua

  1. Pingback: Regolamento del verde: focus sui pini di Roma |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *