Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il Comune renderà le attività istituzionali accessibili ai non udenti

logo-accessibilita-sito-webPubblichiamo il comunicato del Comune sull’avvio dell’adozione di  “un sistema innovativo per la traduzione dei lavori dell’Assemblea Capitolina nella lingua dei segni e la sottotitolazione in tempo reale, favorendo, nello specifico, l’accessibilità delle persone con disabilità uditive”. Ci auguriamo che la versione definitiva del nuovo sito istituzionale implementi anche gli strumenti per garantire l’accessibilità ai non vedenti e agli ipovedenti, come previsto dalla  Legge Stanca – Legge 9 gennaio 2004 n. 4   (*), con la realizzazione di un portale consultabile anche attraverso gli screen reader e i browser vocali (**) (AMBM)

(dal sito istituzionale) 13 aprile 2018#RomAccessibile: le sedute dell’Assemblea Capitolina tradotte in Lis e sottotitolate

Le sedute dell’Assemblea Capitolina saranno tradotte in LIS e sottotitolate in tempo reale sia in Aula Giulio Cesare sia in streaming attraverso i canali istituzionali di Roma Capitale. E’ stato pubblicato dal Campidoglio l’avviso per una manifestazione di interesse-indagine di mercato per individuare la migliore tecnologia al fine di avviare il servizio in via sperimentale entro il mese di giugno.

Insieme alle associazioni, si procederà a monitorare e valutare questo percorso che durerà 24 sedute (circa 4 mesi) consecutive e senza interruzione, per studiare la migliore soluzione tecnico-progettuale utile a realizzare l’iniziativa e per poter quindi predisporre un bando europeo per l’attivazione sul lungo periodo.

Per la prima volta Roma Capitale pone in essere in modo sistematico una progettualità così complessa ed articolata per rendere sempre più accessibile l’amministrazione capitolina. Partecipazione, trasparenza ed inclusione sono le parole d’ordine per ridurre sempre di più le distanze tra i cittadini e le istituzioni. Entro giugno, le attività dell’Assemblea capitolina, cuore dell’azione di governo cittadino, luogo dove vengono approvate le decisioni più importanti per il futuro della città, saranno ancora più vicine ai cittadini, oltre ogni disabilità”, afferma la sindaca di Roma Virginia Raggi.

Sono orgoglioso del ruolo propositivo avuto dall’Assemblea capitolina, approvando all’unanimità una mozione per garantire la massima accessibilità delle informazioni del Consiglio e il pieno riconoscimento dei diritti a tutti i cittadini senza discriminazioni, secondo quanto stabilisce l’art. 2 dello Statuto. E sono anche molto soddisfatto perché il bando appena pubblicato è il frutto di un lavoro condiviso con associazioni, dipartimenti e università durato mesi che consentirà all’Assemblea di diventare un modello di inclusione e pari opportunità per tutte le persone” dichiara il presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito.

Con #RomAccessibile vogliamo assicurare una reale partecipazione di tutti i cittadini alla vita pubblica, abbattendo qualsiasi ostacolo. Perché nessuno deve sentirsi escluso, ma parte attiva del processo democratico. Un obiettivo che questa amministrazione segue con determinazione e che vuole raggiungere usando tutti gli strumenti. Abbiamo avviato quindi un percorso concreto per attivare un sistema innovativo per la traduzione dei lavori dell’Assemblea Capitolina nella lingua dei segni e la sottotitolazione in tempo reale, favorendo, nello specifico, l’accessibilità delle persone con disabilità uditive”, dichiara Andrea Venuto, delegato della sindaca all’accessibilità universale.

 

(*) (dal sito dell’Agenzia per l’Italia Digitale del Consiglio dei Ministri) Accessibilità (Ultimo aggiornamento 02 Febbraio 2018)

AgID promuove l’accessibilità dei siti web in relazione alla normativa vigente

Per accessibilità si intende “la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari” (art. 2, comma a, Legge 4/2004).

Un sito web è, quindi, accessibile quando fornisce informazioni fruibili da parte di tutti gli utenti, compresi coloro che si trovano in situazioni di  limitazioni fisiche, tecnologiche o ambientali.

I siti web delle pubbliche amministrazioni devono rispettare i requisiti tecnici di accessibilità riportati nell’Allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 e successive modifiche. In relazione a quanto previsto dalle leggi vigenti l’AgID si occupa di:

  • monitoraggio dei siti web della pubblica amministrazione e assistenza per l’adeguamento alla normativa
  • predisposizione di modelli per l’autovalutazione ai fini della redazione degli Obiettivi di accessibilità che le pubbliche amministrazioni sono tenute a pubblicare entro il 31 marzo di ciascun anno
  • gestione delle segnalazioni di inaccessibilità e attivazione delle procedure previste
  • gestione elenco valutatori di accessibilità
  • concessione del logo di accessibilità alle amministrazioni richiedenti il Logo di accessibilità
  • definizione e pubblicazione delle Specifiche tecniche sulle postazioni di lavoro per i dipendenti con disabilità
  • formazione alla pubblica amministrazione sui temi dell’accessibilità.

Partecipa alle attività di:

(**)

(*) dal sito del Comune di Fossano (CN)

SCREEN READER E BROWSER VOCALI: COSA SONO E A COSA SERVONO

Sono entrambi navigatori per persone non vedenti:
Il browser vocale tramite una voce artificiale legge la pagina web, traducendola in suoni simili a quelli pronunciati dalla voce umana, in questo modo la pagina può essere letta anche da persone con disabilità visiva.

Lo screen reader invece è un programma che legge tutto quanto appare sullo schermo. Ha un uso più ampio del browser vocali in quanto permette all’utente di leggere letteralmente tutto quanto appare sullo schermo, non solo pagine web quindi ma anche file di testo, stringhe di comando ecc. Per l’utilizzo migliore, sia che si usi un browser vocale sia che si usi uno screen reader, il computer, deve, ovviamente, possedere l’hardware necessario per produrre suoni (scheda audio e diffusori). e le pagine devono essere costruite nel rispetto dell’accessibilità. Il sito è realizzato per agevolare al meglio tali dispositivi sia che si tratti di screen reader sia che si tratti di browser vocali.

Il browser vocale più comune è IBM Home Page Reader.
http://www-03.ibm.com/able/

Lo screen reader più diffuso è Jaws.
http://www.freedomscientific.com

Share This Post