Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Laudato sì, l’Enciclica di Papa Bergoglio

giotto-san-francesco-predica-agli-uccelli-795x500
Pubblichiamo in download l’enciclica di Papa Bergoglio: a scorrerne l’indice e leggerne le pagine si resta colpiti per la profonda attualità e anche per il coraggio di portare al centro della riflessione religiosa temi spesso  frettolosamente attribuiti ai “soliti ambientalisti” che “remano contro lo sviluppo”…
“La qualità della vita nelle città è legata in larga parte ai trasporti, che sono spesso causa di grandi sofferenze per gli abitanti. Nelle città circolano molte automobili utilizzate da una o due persone, per cui il traffico diventa intenso, si alzail livello d’inquinamento, si consumano enormi quantità di energia non rinnovabile e diventa necessaria la costruzione di più strade e parcheggi,che danneggiano il tessuto urbano. Molti specialisti concordano sulla necessità di dare priorità ai trasporti pubblici. Tuttavia alcune misure necessarie difficilmente saranno accettate in modo pacifico dalla società senza un miglioramento sostanziale di tali trasporti, che in molte città comporta un trattamento indegno delle persone a causa dell’affollamento, della scomodità o della scarsa frequenza dei servizi e dell’insicurezza””Queste parole –   ricorda Pietro Spirito* nel suo articolo Left del 27 giugno “Automobili ovunque. La Capitale è in coda” –  non sono state scritte da un accademico di politica dei trasporti, ma da Papa Bergoglio.
Come comincia l’enciclica:
1.«Laudatosi’, mi’ Signore», cantava san Francesco d’Assisi. In questo bel cantico ci ricordava che la nostra casa comune è anche come una sorella, con la quale condividiamo l’esistenza, e come una madre bella che ci accoglie tra le sue braccia:«Laudato si’, mi’ Signore, per sora nostra matre Terra, la quale ne sustenta et governa, et produce diversi fructi con coloriti flori et herba»
2.Questa sorella protesta per il male che le provochiamo, a causa dell’uso irresponsabile e dell’abuso dei beni che Dio ha posto in lei. Siamo cresciuti pensando che eravamo suoi proprietari e dominatori, autorizzati a saccheggiarla.La violenza che c’è nel cuore umano ferito dal peccato si manifesta anche nei sintomi di malattia che avvertiamo nel suolo, nell’acqua, nell’aria e negli esseri viventi. Per questo, fra i poveri più
abbandonati e maltrattati, c’è la nostra oppressa e devastata terra, che «geme e soffre le doglie del parto»
Dimentichiamo che noi stessi siamo terra. Il nostro stesso corpo è costituito dagli elementi del pianeta, la sua aria è quella che ci dà il respiro e la sua acqua ci vivifica e ristora.
* Docente di Economia dei Trasporti, Università Tor Vergata
indice enciclica papa 1
 indice enciclica papa 2
indice enciclica papa 3

One Response to Laudato sì, l’Enciclica di Papa Bergoglio

  1. Pingback: “La nostra matre Terra” e i parcheggi di Expo |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *