Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Patrimonio immobiliare: la caccia al tesoro di Roma continua…

slide presentaz conf tronca immobili

Sulle proprietà pubbliche – appartamenti, locali, impianti sportivi, palazzi, parchi, terreni  – affidate  troppo spesso a prezzi infimi a privati morosi e inadempienti senza nessuna gara pubblica,  Carteinregola  conduce una battaglia da anni*. Per la trasparenza, per la legalità, per l’interesse pubblico e per l’equità. Qualche obiettivo l’abbiamo raggiunto, come la pubblicazione sul sito del Comune delle informazioni sugli  impianti sportivi comunali e, recentemente, sui Punti Verde Qualità. Ma c’è ancora un oceano  da attraversare  prima che si arrivi  a una gestione normale e legale del patrimonio pubblico. Perchè il reticolo di clientes (privati, aziende, associazioni) “sistemati” in  anfratti pubblici più o meno lussuosi e remunerativi, si estende in  tutti i partiti tradizionali (e dai loro antenati)**. E per dimostrare che  davvero si vuole  cambiare registro bisognerebbe fare un viaggio nel tempo, perchè questo sistema dura da anni: è cominciato ben prima di Marino ma anche prima di Alemanno. E se siamo stati noi a sollecitare l’allora Sindaco Ignazio Marino perchè non desse  la possibilità di acquistare immobili a prezzi di favore a chi aveva usufruito di beni senza averne diritto, non troviamo corretto  che la sua amministrazione diventi  spesso il  capro espiatorio di un  andazzo  pluriennale a cui, sebbene  inadeguatamente, ha cercato di porre  rimedio.  Denunciare  i vizi  procedurali,   i malfunzionamenti e anche le responsabilità che hanno prodotto un simile danno alla collettività è il minimo che ci si possa aspettare da chi promette discontinuità con il passato: questa è una delle “patate bollenti”  su cui chiederemo di esprimersi ai candidati Sindaco.

(Ci aspettiamo che, dopo appartamenti e  locali del I municipio, l’indagine  continui a tappeto su tutti gli altri Municipi e su tutte le altre proprietà comunali affidate a privati)

Anna Maria Bianchi Missaglia

Sul campione dei 289 immobili del patrimonio disponibile è stata rilevata una morosità nell’85% dei casi, per complessivi 4,5 milioni di euro, di cui 1,8 milioni riguardanti l’uso abitativo e 2,6 quello commerciale degli immobili. Per l’intero campione delle 574 posizioni del I Municipio (ERP e disponibile) la morosità ammonta a 9,4 milioni di euro, mentre su tutto il patrimonio comunale, che consta di oltre 28000 unità abitative e commerciali, la morosità storica complessiva è di oltre 350 milioni di euro. Dal campione emergono inoltre redditi – personali o d’impresa – a volte molto elevati rispetto al basso canone richiesto per l’immobile. L’Amministrazione Capitolina, nel corso del 2015, ha chiesto ai conduttori degli immobili canoni per 50 milioni di euro, ne sono stati riscossi appena il 50%… “Comunicato stampa del Campidoglio

(a cura di Thaya Passarelli)

(dal sito del Comune di Roma) Mappatura patrimonio immobiliare del I Municipio, un modello di sistema integrato

Conferenza Mappatura Patrimonio

È giunta a termine la prima tappa della ricostruzione dei dati relativi al Patrimonio di Roma Capitale disposta dal Commissario Straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca.

Nella Sala della Protomoteca in Campidoglio, la Segreteria Tecnica ha presentato i risultati  dell’azione di incrocio dei dati e illustrato la metodologia adottata per la mappatura del patrimonio immobiliare del I Municipio, il centro storico della città.

Da questo primo lavoro svolto è nato un modello di sistema integrato di monitoraggio, replicabile anche per gli altri Municipi che, insieme alle diverse competenze del Dipartimento del Patrimonio, del Dipartimento Politiche Abitative, dell’Avvocatura capitolina e della Polizia locale, sta consentendo di procedere all’integrazione e interazione degli archivi esistenti, alla gestione dell’enorme contenzioso pregresso e all’accertamento di tutte le posizioni illegittime. L’intero sistema fa capo al Segretario Generale, per la definizione degli aspetti organizzativi di tutte le strutture coinvolte.

Il campione complessivo analizzato ha riguardato 574 immobili (Erp-edilizia residenziale pubblica e immobili disponibili) del I Municipio. Quella illustrata è l’attività svolta sui 289 immobili del patrimonio disponibile, ovvero i beni ai quali non si applica la disciplina dei beni demaniali né quella dei beni patrimoniali indisponibili, ma quella ordinaria del codice civile. I beni disponibili non sono destinati a funzione o servizio pubblico e possono quindi essere gestiti attraverso contratti di locazione, comodato e affitto.

Le posizioni sono state identificate, analizzate singolarmente ed associate ad un primo titolare di contratto. Si è poi proceduto all’interrogazione delle banche dati e al successivo incrocio dei dati anagrafici e reddituali del conduttore con quelli catastali dell’immobile. Al contempo, l’Amministrazione ha avviato la costruzione di un sistema informatico integrato in grado di consentire l’allineamento delle banche dati e un’efficace scambio di informazioni tra i diversi Dipartimenti e uffici coinvolti a vario titolo nella gestione del Patrimonio.

Le criticità emerse dall’esame incrociato dei dati raccolti e dalle verifiche effettuate dalla Polizia locale di Roma Capitale, sono: unità immobiliari non censite nel sistema di gestione comunale delle locazioni; subentri di fatto e occupazioni abusive; accentuata morosità (sia sotto il profilo quantitativo complessivo che della ricorrenza del fenomeno); irrisorietà dei canoni di locazione; conduttori deceduti o residenti altrove.

Sono stati individuati – grazie alla collaborazione con il Tribunale Ordinario di Roma – tra oltre 30.000 cause,  tutti i contenziosi che avessero visto, nel tempo, l’Amministrazione Capitolina parte in un giudizio di sfratto, di recupero della disponibilità di immobili di proprietà abusivamente occupati e di contestazione di pregresse morosità. Con il supporto dell’Avvocatura Capitolina, sono state poi intercettate circa 1200 posizioni sensibili e recuperati i titoli esecutivi, dando priorità a quelli di imminente scadenza (per prescrizione decennale del titolo).

Sul campione dei 289 immobili del patrimonio disponibile è stata rilevata una  morosità nell’85% dei casi, per complessivi 4,5 milioni di euro, di cui 1,8 milioni riguardanti l’uso abitativo e 2,6 quello commerciale degli immobili.
Per l’intero campione delle 574 posizioni del I Municipio (ERP e disponibile) la morosità ammonta a 9,4 milioni di euro, mentre su tutto il patrimonio comunale, che consta di oltre 28000 unità abitative e commerciali, la morosità storica complessiva è di oltre 350 milioni di euro. Dal campione emergono inoltre redditi – personali o d’impresa – a volte molto elevati rispetto al basso canone richiesto per l’immobile. L’Amministrazione Capitolina, nel corso del 2015, ha chiesto ai conduttori degli immobili canoni per 50 milioni di euro, ne sono stati riscossi appena il 50%.

scarica la presentazione MappaturaPatrimoni

*E’ evidente che ci riferiamo a chi ottiene vantaggi senza averne diritto, e non a chi ha ottenuto alloggi per motivi di emergenza abitativa (nel rispetto di regole e graduatorie)

**Naturalmente il discorso vale per i partiti tradizionali: in particolare, rispetto agli immobili pubblici,  hanno condotto una lunga battaglia  il  Movimento Cinque Stelle e  la Lista Marchini (e in particolare, nella maggioranza, Riccardo Magi)

Vedi anche

Un po’ di trasparenza sugli impianti sportivi pubblici (e qualche scoperta inquietante)

Un po’ di trasparenza sugli impianti sportivi pubblici (e qualche scoperta inquietante)

a cura del gruppo di lavoro su trasparenza e patrimonio pubblico di Carteinregola Sono stati pubblicati sul portale di Roma Capitale, pagina del Dipartimento Sport B (1), i disciplinari di…

Trasparenza a intermittenza (sulla vendita degli immobili comunali e non solo)

“Introdotta nel bilancio la somma di un milione di euro per ogni Municipio. Saranno gli stessi presidenti dei municipi a chiedere ai cittadini quale opera vogliono che sia realizzata con…

Immobili comunali in vendita: quello che dobbiamo sapere

Immobili comunali in vendita: quello che dobbiamo saperePresentata nei giorni scorsi   la Delibera che andrà in Assemblea Capitolina martedì 10 febbraio, con le linee guida e l’elenco degli immobili di proprietà comunale che Roma Capitale intende…

Ecco la Città Pubblica

Ecco la Città Pubblica> vai alla pagina del Dipartimento Urbanistica con le tavole della MappaNota: facciamo  presente che la mappa è stata elaborata   utilizzando le informazioni messe a disposizione dalle singole amministrazioni…

Tesoro di Roma: il nostro censimento

(in costruzione) CENSIMENTO Questa sezione è accessibile per il momento solo al gruppo di lavoro che sta elaborando un dossier sui beni comunali  affidati a privati I Municipio Mercati Mercato…

sviluppi di : Apriamo la caccia al tesoro di Roma Capitale

(in calce le lettere in ordine cronologico) I post Apriamo la caccia al tesoro di Roma Capitale Posted on 04/04/2014 di carteinregola In una situazione particolarmente drammatica per le risorse economiche…

Caccia al tesoro di Roma Capitale

TESORO DI ROMA, IL NOSTRO CENSIMENTO Questa sezione è accessibile per il momento solo al gruppo di lavoro che sta elaborando un dossier sui beni comunali  affidati a privati CASI…

La caccia al tesoro di Roma e il buco nero dei Punti Verde Qualità

La caccia al tesoro di Roma e il buco nero dei Punti Verde QualitàRispondiamo alla lettera inviataci dal Direttore del Dip. Ambiente e Protezione civile, Gaetano Altamura, in risposta alle note che Carteinregola aveva  mandato ad  Assessorati, Dipartimenti e Commissioni che hanno a…

Caccia al tesoro di Roma: la nostra risposta al Dipartimento Patrimonio (e una risposta del Dipartimento Ambiente)

Caccia al tesoro di Roma: la nostra  risposta al Dipartimento Patrimonio (e una risposta del Dipartimento Ambiente)Carteinregola risponde alla lettera inviata dal Direttore del Dipartimento Patrimonio, che ha risposto con grande celerità (1). Anche il Dipartimento Ambiente  ha risposto tempestivamente alla nostra  nuova lettera (2), in…

Caccia al tesoro di Roma: la risposta del Dipartimento Patrimonio

Caccia al tesoro di Roma: la risposta del Dipartimento PatrimonioPubblichiamo la risposta alla nostra lettera  inviataci da Mirella Di Giovine, Direttore del Dipartimento Patrimonio Sviluppo e Valorizzazione: la tempestività della risposta, insieme  alle informazioni fornite,  ci confermano che qualcosa…

Apriamo la caccia al tesoro di Roma Capitale

In una situazione particolarmente drammatica per le risorse economiche della città, mentre la Giunta Capitolina sta predisponendo le  misure necessarie al contenimento della spesa e i cittadini temono che l’Amministrazione…


One Response to Patrimonio immobiliare: la caccia al tesoro di Roma continua…

  1. Pingback: Impianti sportivi comunali: il M5S è per le regole o per le proroghe? |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *