Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Regolamento dei beni comunali in concessione, non in nostro nome

foto ambm (murale del Trullo)

CILD e Carteinregola spiegano il dissenso dalla Delibera “Regolamento delle concessioni dei beni immobili appartenenti al patrimonio demaniale e indisponibile di Roma Capitale” che andrà al voto dei consiglieri capitolini

In questi giorni approda in Assemblea Capitolina la proposta di Regolamento sulle concessioni d’uso sui beni immobili di Roma Capitale appartenenti al demanio e al patrimonio indisponibile, a firma  del Presidente della Commissione Patrimonio Francesco Ardu e dei consiglieri Iorio, Sturni, Simonelli, Spampinato, Diario e Catini (1).

Le nostre associazioni, a partire dal 31 gennaio 2020, hanno partecipato ai lavori della Commissione Patrimonio tentando  di addivenire ad un testo quantomeno utile e dignitoso: non evidentemente il migliore dei Regolamenti possibili, ma almeno un Regolamento che, da un lato, mettesse definitivamente fine alla condizione di illegittimità formale in cui le realtà sociali e culturali di questa città sono state relegate ormai dal 2014 e che, dall’altro lato, consentisse di riaprire una stagione di nuova rinascita di quel patrimonio, ponendo in termini chiari e agili le regole del suo utilizzo. 

Purtroppo il testo che arriverà in Consiglio, ma anche gli emendamenti annunciati dal Presidente Ardu dopo la lunghissima serie di interlocuzioni che abbiamo avuto con la Commissione Patrimonio e  altre Commissioni, rendono il Regolamento inaccettabile, inadeguato, sbagliato e dannoso per la città,  oltre che in larga parte inapplicabile, dato che non identifica procedure e responsabilità chiare, che non fornisce tempi certi, che non attribuisce parametri di giudizio rigorosi. E soprattutto perchè  continua a riproporre il bando pubblico come unica modalità di assegnazione,  in contrasto con i principi ribaditi  con la recente sentenza n. 131/2020 della Corte Costituzionale, dato che il Regolamento proposto ritiene di trattare le attività culturali e sociali di interesse generale e collettivo come mera fornitura di servizi e non come processi da costruire e promuovere anche valorizzando quanto già esiste. Un paradosso, se si pensa che  la stessa amministrazione comunale ha dovuto appoggiarsi a tante realtà dei territori che si impegnano nel sociale per la gestione dell’emergenza pandemica.

CILD e Carteinregola avevano proposto nell’autunno scorso una serie di emendamenti puntuali (2) al testo del Regolamento Ardu, che intendevano coniugare   la necessità di regole certe e condivise con la salvaguardia di tante  situazioni in essere che meritano il giusto riconoscimento per il ruolo che svolgono, spesso in territori privi di servizi e di spazi culturali.

Emendamenti che non sono stati condivisi dal Presidente Ardu, che nella Commissione del 5 maggio scorso (3) ha ritenuto di approvare le modifiche da lui stesso apportate che sono di segno opposto alle nostre richieste e che  hanno dimostrato l’inutilità di un anno e mezzo di confronto a cui ci siamo sottoposti.

CILD Centro d’Iniziativa per la Legalità Democratica

Associazione Carteinregola

Roma, 7 luglio 2021

Vedi anche: PATRIMONIO  COMUNE CRONOLOGIA MATERIALI

vai a la sezione Proposta di Delibera Regolamento concessioni patrimonio indisponibile

NOTE

(1) VEDI la sezione Proposta di Delibera Regolamento concessioni patrimonio indisponibile

(2) vedi 23 ottobre 2020  Videoconferenza stampa:  Regolamento delle concessioni dei beni immobili appartenenti al patrimonio demaniale e indisponibile  –PER CAPIRE  cosa prevede  PER SPIEGARE  cosa non va bene PER PROPORRE le nostre modifiche – a cura di CILD Centro di iniziativa per la legalità democratica e Carteinregola

SCARICA emendamenti alla proposta di regolamento CILD 18 9 2018Download

(3) vedi il video della Commissione del 5 maggio 2021

One Response to Regolamento dei beni comunali in concessione, non in nostro nome

  1. Pingback: Proposta di Delibera Regolamento concessioni patrimonio indisponibile |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *