Widgetized Section

Go to Admin » Appearance » Widgets » and move Gabfire Widget: Social into that MastheadOverlay zone

Il lascito del Regolamento del Verde per Roma

TORRINO volontario Associazione Cisterna romana

di Giorgio Osti*

Se vi è un lascito, del tutto originale rispetto alle prassi consuete, che il Regolamento del Verde e del Paesaggio urbano di Roma Capitale, appena licenziato dall’Assemblea Capitolina, ci può consegnare non è tanto l’accuratezza o la completezza delle sue 150 pagine. Il testo è certamente un complesso di norme molto articolate e dense di riferimenti e dettagli che tanti altri Regolamenti del verde di città italiane non posseggono, ma non è questa la sua speciale qualità, anche perché il documento è stato costruito anche sulla scorta delle norme elaborate e praticate dalle amministrazioni di altre città ed è quindi apertamente tributario dell’esperienza tecnica di altri territori. Il carattere distintivo è la modalità con cui è stato costruito, è la best practice della collaborazione realizzata, è il modello di condivisione degli obiettivi perseguiti da parte dell’istituzione pubblica, dei decisori politici, della cittadinanza attiva e degli esperti e professionisti del settore che insieme si riusciti ad esprimere. Questa esperienza, certamente faticosa e a tratti anche contrastata di elaborazione comune, dimostra che quando sussiste la volontà di avviare un dialogo sincero e aperto con la collettività, complessivamente intesa in tutte le sue componenti e sensibilità, un valido risultato non può mancare. Un’evidente testimonianza del contributo che associazioni, comitati e semplici cittadini sensibili ai temi della tutela del patrimonio naturale e ambientale della città hanno fornito nella redazione del Regolamento si può rinvenire nei molti articoli che il Regolamento dedica al Coinvolgimento del Cittadino e alle modalità con cui il cittadino può affiancare l’intervento dell’Amministrazione, partecipare alla valutazione dei piani di tutela e di sviluppo, segnalare esigenze e problematicità, condividere le scelte ambientali.  

 Giorgio Osti

*Comitato di Quartiere Tor Carbone – Fotografia, Coordinatore del Coordinamento del Regolamento del Verde e del Paesaggio Urbano

vedi anche

Vai a Perchè il Regolamento del Verde Urbano farà la differenza di Paola Loche, di Carteinregola, del Gruppo di lavoro del Coordinamento de l Regolamento del Verde e del Paesaggio Urbano

Vai a Il faticoso percorso dell’approvazione del Regolamento del Verde di Roma: qualche morale della favola di Anna Maria Bianchi Missaglia

Vai alla sezione Regolamento del Verde e del Paesaggio Urbano per Roma

7 aprile 2021

Per osservazioni e precisazioni: laboratoriocarteinregola@gmail.com

3 Responses to Il lascito del Regolamento del Verde per Roma

  1. Pingback: Regolamento del Verde, riflessioni dopo l’approvazione |

  2. Pingback: Il faticoso percorso dell’approvazione del Regolamento del Verde di Roma: qualche morale della favola |

  3. Pingback: Perchè il Regolamento del Verde Urbano farà la differenza |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *